Medicina Scienza

Altre prove che la Cannabis è un potente anti-invecchiamento

Il THC – uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis – è in grado di ripristinare rapidamente le prestazioni della memoria nei topi più anziani.

Mantenere il cervello sano durante il processo di invecchiamento, è una delle preoccupazioni principali attuali. Con i tassi di Alzheimer e demenza in aumento, non c’è da meravigliarsi che i ricercatori siano impegnati alla ricerca di nuovi modi per combattere l’invecchiamento del cervello e supportare le funzioni cognitive nel corso della vita. Nuove ricerche hanno dimostrato che la cannabis potrebbe essere la risposta che stavamo cercando, con gli scienziati che hanno scoperto che la pianta ha incredibili benefici ristorativi per il cervello.

Le stime condotte negli Stati Uniti, suggeriscono che circa 14 milioni di americani vivranno con qualche forma di demenza entro il 2050. Nel 2018, la demenza e l’Alzheimer sono costate al paese circa 227 miliardi di dollari. Entro i prossimi trenta anni, gli esperti affermano che il costo della demenza raggiungerà fino a $ 1,1 trilioni. Poiché i trattamenti farmaceutici non riescono continuamente a fornire sollievo, non sorprende che gli scienziati si stiano rivolgendo a medicinali naturali come la cannabis e la curcuma.

La cannabis inverte l’invecchiamento cerebrale

Gli scienziati della Hebrew University di Gerusalemme e dell’Università di Bonn hanno collaborato per esaminare i potenziali benefici cerebrali della cannabis nei topi. Questo straordinario studio è in corso da molti anni, con i ricercatori che hanno costruito un forte corpo di prove sui benefici cerebrali del THC.

Per condurre il loro studio, i ricercatori hanno somministrato una piccola quantità di THC, derivato dalla cannabis, a topi di 2, 12 e 18 mesi, per un mese. Alcuni topi hanno ricevuto un placebo. Come spiegano le fonti, i topi hanno una vita molto breve e mostrano carenze cognitive sostanziali a soli 12 mesi di età.

Successivamente, i topi sono stati sottoposti a una serie di test per misurare la loro capacità di apprendimento e memoria. Incredibilmente, il team ha scoperto che i topi più anziani trattati con cannabis, mostravano funzioni cognitive che erano buone quanto i soggetti di controllo più giovani.

Come riportato da The Hebrew University of Jerusalem“I topi a cui veniva somministrato solo un placebo mostravano l’apprendimento naturale dipendente dall’età e le perdite di memoria. Al contrario, le funzioni cognitive degli animali trattati con cannabis, erano ugualmente buone come gli animali di controllo di due mesi”. “Il trattamento ha invertito completamente la perdita di prestazioni nei vecchi animali”, ha riferito il Prof. Andreas Zimmer dell’Istituto di Psichiatria Molecolare dell’Università di Bonn e membro del Cluster of Excellence ImmunoSensation.
In studi precedenti, il team aveva scoperto che l’invecchiamento cerebrale è accelerato quando i recettori del THC sono assenti, spingendoli a indagare ulteriormente. Nel cervello, il THC agisce in modo molto simile ai cannabinoidi prodotti naturalmente dal corpo.

“Con l’aumentare dell’età, la quantità di cannabinoidi naturalmente formata nel cervello si riduce. E quando l’attività del sistema dei cannabinoidi diminuisce, troviamo un rapido invecchiamento nel cervello”, ha commentato il Prof. Zimmer.

Trattare i topi con THC, ha prodotto incredibili cambiamenti epigenetici nei loro cervelli, e anche il numero di legami tra i neuroni è aumentato drasticamente. “Sembrava che il trattamento con il THC restituisse l’orologio molecolare”, ha commentato Zimmer.

Fonte: https://iside.altervista.org/altre-prove-che-la-cannabis-e-un-potente-anti-invecchiamento-il-thc-e-in-grado-di-ripristinare-rapidamente-le-prestazioni-della-memoria-dei-topi-piu-anziani/

via Conoscenze al Confine