Scienza

Astronomo dice che la Terra potrebbe essere schiacciata sino alle dimensioni di un campo da calcio con gli esperimenti con acceleratore di particelle

 Il cosmologo britannico Martin Rees ha fatto affermazioni piuttosto audaci riguardanti gli acceleratori di particelle: secondo lo scienziato, c’è una piccola ma reale possibilità di diversi disastri fatali.

Fine della terra

Gli acceleratori di particelle come Large Hadron Collider (LHC) attivano particelle a velocità incredibilmente elevate, distruggendole e osservandone i risultati. Queste collisioni ad alta velocità ci hanno già aiutato a scoprire molte nuove particelle, ma non senza rischi.

Nel suo libro del 2018, “On The Future: Prospects for Humanity”, Rees offre prospettive fosche.

“Forse si formerà un buco nero e ci succhierà”, scrive. “La seconda possibilità spaventosa è che i quark si raggruppino in oggetti compressi chiamati strangelet. Questi da soli sarebbero innocui. Tuttavia, secondo alcune ipotesi, uno strangelet potrebbe, per contagio, convertire qualsiasi altra cosa incontrata in una nuova forma di materia, trasformando l’intera Terra in una sfera iperdensa di circa cento metri di diametro, “che è approssimativamente la lunghezza di un campo di calcio.

Il terzo modo in cui gli acceleratori di particelle potrebbero distruggere la Terra, secondo Rees, è dato da una “catastrofe che inghiotte lo spazio stesso”. “Lo spazio vuoto – quello che i fisici chiamano vuoto – è molto più che il nulla. È l’arena per tutto ciò che accade. Sono latenti in esso  tutte le forze e le particelle che governano il mondo fisico. L’attuale vuoto può essere fragile e instabile. Alcuni hanno ipotizzato che l’energia concentrata creata quando le particelle si scontrano potrebbe innescare una “transizione di fase” che potrebbe strappare il tessuto dallo spazio. Questa sarebbe una calamità cosmica, non solo terrestre “, riassume.

Quindi, dovremmo preoccuparci?

Tutto ciò sembra davvero terrificante, ma significa che non dovremmo più costruire e usare acceleratori di particelle?

“Il LHC Security Assessment Group riafferma e amplia i risultati del rapporto del 2003 secondo cui le collisioni non rappresentano alcun pericolo e non ci sono motivi di preoccupazione”, scrive l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, responsabile di LHC, sul suo sito web . “Qualsiasi cosa faccia l’LHC, la natura l’ha fatto così tante volte e la vita della Terra e di altri corpi astronomici sono ancora qui”.

Questo è un punto importante – i raggi cosmici sono fondamentalmente versioni naturali di ciò che fanno  gli l’LHC e gli altri acceleratori di particelle, e colpiscono costantemente la Terra.

Il team dietro l’LHC ha anche una risposta al pericolo degli strangelet. “Gli strangelet possono unirsi con la materia ordinaria e trasformarla in materia estranea? Questo problema è stato sollevato prima dell’inizio del Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC) nel 2000, e uno studio all’epoca ha dimostrato che non vi erano motivi di preoccupazione. Il RHIC è operativo da otto anni alla ricerca di strangelet, senza rilevarne nessuno. “

Persino il compianto Stephen Hawking ha dato la sua benedizione all’acceleratore di particelle: “Il mondo non finirà quando LHC sarà acceso. È assolutamente al sicuro le collisioni che rilasciano un’energia più grande si verificano milioni di volte al giorno nell’atmosfera terrestre e non accade nulla di terribile “, ha detto il fisico.

Vale la pena considerare

In un certo senso, Rees è corretto. Non siamo sicuri al 100% che non stiamo correndo alcun rischio, e probabilmente non lo sapremo mai. Ma come spiega, molti progressi scientifici sono rischiosi e questo non significa che dobbiamo fermarli del tutto.

“L’innovazione è spesso pericolosa, ma se non rinunciamo ai rischi, possiamo rinunciare ai benefici”, ha scritto in “On the Future”.

“Tuttavia, i fisici devono essere cauti nello svolgimento di esperimenti che generano condizioni senza precedenti. Molti di noi sono inclini a liquidare questi rischi come fantascienza, ma in considerazione di ciò che è in gioco, non possono essere ignorati, anche se considerati altamente improbabili “, conclude. [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com 

Tratto da: https://www.pianetablunews.it/2019/02/05/astronomo-dice-che-la-terra-potrebbe-essere-schiacciata-sino-alle-dimensioni-di-un-campo-da-calcio-con-gli-esperimenti-con-acceleratore-di-particelle/

IN EVIDENZA