Ambiente & OGM

BIG TOBACO (PHILP MORRIS) E INDUSTRIA AGROCHIMICA (MONSANTO) MODIFICANO GENETICAMENTE IL DNA

ARGENTINA: BAMBINI GENETICAMENTE MODIFICATI – DOCUMENTARIO  RIVELA LE DEFORMITÀ DI BAMBINI “MOSTRUOSI” A CAUSA DEGLI AGROCHIMICI USATI NELLE COLTIVAZIONI DI TABACCO GM E DELLA SOIA GM

Dr. Mercola 

SA DFENZA

Un articolo veramente importante per capire e riflettere sul dramma che vivono i lavoratori agricoli e loro famiglie, in sud america, contaminati da diserbanti e altri agenti chimici altamente tossici nella coltivazione del tabacco GM, per la multinazionale Philip Morris, e dei vari legumi GE come la soia GM;

A Cordoba  donne madri si sono costituite in una associazione di lotta contro gli OGM e pesticidi,  hanno fatto analizzare il sangue dei bimbi della loro zona, dove vi è un’intenso uso di prodotti tossici sugli OGM, il risultato è drammatico:  3 bambini su 4 che vivono nella comunità hanno nel loro sangue sostanze chimiche che non dovrebbero esserci inclusi pesticidi, cromo, piombo e arsenico; questo dovrebbe essere un forte segnale d’allarme per tutti i consumatori di tabacco e di cibi transgenici, essere consapevoli su cosa si va incontro nel fumare e mangiare questi prodotti OGM trattati da sostanze chimiche altamente cancerose e tossiche come il glifosato…

Questa consapevolezza deve indurre tutti noi consumatori a rifiutare i cibi OGM oggi GE (geneticamente ingegnerizzati) e lottare affinché i governi costringano le multinazionali a non produrne più, ne a usare sostanze dannose alla salute pubblica

Sa Defenza 

Il film scioccante “Genetically Modified Children” svela gli orrori di decenni di pratiche agricole ad alta intensità di sostanze chimiche in Argentina, dove la maggior parte delle colture sono geneticamente modificate (GM) e regolarmente utilizzati agrochimici pericolosi , dove le grandi aziende del tabacco come Philip Morris e giganti chimici e delle sementi si sono rivolti a contadini poveri, disperati per guadagnarsi da vivere.

Il film, prodotto da Juliette Igier e Stephanie Lebrun, mostra i devastanti effetti sulla salute che il settore agricolo della regione ha sui bambini, 1 un numero crescente dei bimbi nascono con deformità fisiche mostruose. Alcuni casi di bambini sono così gravi che, senza un intervento medico, comporterà la morte prima dei 5 anni.

Il film inizia con l’equipaggio che viaggia dal Nord Argentina nella Provincia di Misionesfino alla frontiera brasiliana, una regione agricola che è stata una delle prime nazioni a iniziare a coltivare organismi geneticamente modificati (OGM) a metà degli anni ’90.

In primo piano nel film è Ricardo Rivero, direttore regionale della compagnia elettrica locale. Ha imparato che la ragione per cui le famiglie non possono pagare le bollette è perché spesso  le famiglie spendono i loro guadagni per la cura di un figlio malato o handicappato e non ricevono assistenza dal governo argentino.

Il film mostra tale situazione nella visita dell’umile casa di un coltivatore di tabacco, Lucas Texeira, che ha il figlio di 5 anni con una malattia genetica della pelle incurabile. La famiglia crede che sia stata causata dall’esposizione della madre al diserbante Roundup della Monsanto all’inizio della sua gravidanza. La signora afferma che nessuno le ha detto che era tossico.

La mutazione genetica che ha causato le condizioni del figlio lo ha lasciato senza pori sulla pelle, il che significa che non suda. Il calore del suo corpo rimane all’interno, causandogli un prurito grave e doloroso che porta a frequenti pianti. Il signor. Texeira racconta il suo dolore a motivo delle condizioni di Lucas, e teme di poter avere un altro bambino, in futuro, con una deformità simile.

Gli agrofarmaci portano un aumento difetti alla nascita, delle deformità nei bambini argentini
Come molte famiglie nelle zone rurali dell’Argentina, i Texeiras hanno coltivato tabacco GM sulle loro terre per anni, usando diversi agrofarmaci necessari per produrre un raccolto che è certificabile da Philip Morris, una multinazionale americana produttrice di sigarette e tabacco (una divisione di Altria Company dal 2003).

Philip Morris fornisce agli agricoltori semi di tabacco Burley GM per il produttore di sigarette di tabacco leggero. Ogni anno, gli agricoltori argentini sono costretti a utilizzarepiù di 100 sostanze chimiche diverse per coltivare la coltura del tabacco – e sperano di guadagnare più denaro.

La famiglia Texeira non fa eccezione. Per più di un decennio, hanno trattato le loro piante di tabacco con glifosato e altri prodotti chimici per l’agricoltura – senza alcuna protezione. Tuttavia, dopo aver visto un aumento dei difetti alla nascita tra i bambini della comunità, tra cui anche il loro  bambino, hanno cominciato a temere per la loro sicurezza e si sono trasferiti lontano dai loro terreni agricoli, per evitare il contatto con le sostanze chimiche tossiche usate nei campi.

Non è facile, ma devi vivere la vita che hai“, ha affermato Texeira. “Grazie a Dio, il problema di Lucas è solo la sua pelle. Lui è sano e può mangiare. Mangia quasi tutto. ” Lucas è un miracolo, dice il commentatore del film. In questa regione, c’è un numero sproporzionato di bambini nati con deformità.

Ogni anno in Argentina vengono applicati 300 milioni di litri di glifosato

Le colture GM sono entrate per la prima volta nel paese attraverso la provincia di Misionesin Argentina, dopo che il governo ha autorizzato il loro uso dal 1996 in poi, una decisione basata esclusivamente su studi condotti dalla Monsanto e senza ricerche contraddittorie.

Per più di due decenni la terra è stata irrorata con glifosato e altri prodotti chimici per l’agricoltura, contaminando il suolo e l’acqua della regione. Entro il 2013, in Argentina sono stati coltivati oltre 24 milioni di ettari 2 (59,3 milioni di acri) di colture GM, tra cui soia, mais, cotone e tabacco.

L’adozione di prove scientifiche che collegano l’aumento di aborti, malformazioni congenite e cancro a OGM e prodotti agrochimici non ha dissuaso il governo argentino dal sovvenzionare le colture GM. Forse, questa decisione è dovuta in parte al 35% delle tasse che l’Argentina riceve dalle esportazioni di soia OGM .

Nonostante i pericoli, nessuno ha avvertito i coltivatori di tabacco dei rischi. In realtà, era vero il contrario. Gli agricoltori della provincia di Misiones sono stati sommersi da varie forme di marketing, tra cui spot pubblicitari di aziende chimiche  insistevano sul fatto che gli agrofarmaci fossero la chiave della prosperità.

Le pubblicità televisive pubblicizzavano i vantaggi del diserbante Roundup di Monsanto, compresa la sua capacità di uccidere tutto tranne gli OGM. Il marketing ha funzionato. Oggi, oltre 300 milioni di litri (79,2 milioni di galloni) di glifosato vengono scaricati ogni anno su oltre 28 milioni di ettari (69,1 milioni di acri) di terra in Argentina. 3

Diserzione totale

Il film mostra l’equipaggio che visita la casa di un altro bambino malato. Lucas Krauss è nato con microcefalia congenitasoffre di epilessia , ritardo motorio e lo sviluppo mentale, più atrofia muscolare e numerose altre patologie correlate.

Il primo medico consultato dalla famiglia ha dichiarato che le condizioni del figlio erano dovute a una mancanza di ossigeno; tuttavia, il neurologo aveva un’opinione diversa. All’inizio, fu d’accordo e disse che era dovuto alla mancanza di ossigeno; tuttavia, quando lo hanno spinto oltre, ha ammesso che la mancanza di ossigeno non era l’unica causa, ma si è rifiutato di dire quello in cui credeva che la vera causa fosse delle condizioni di Lucas. Non avrebbero nemmeno eseguito esami medici, ha detto la madre del ragazzo.

La famiglia comprende che la condizione di Lucas, così come molti altri nella comunità, è probabilmente legata agli agrofarmaci usati per coltivare il tabacco. Ma la famiglia non può abbandonare il commercio perché è la principale fonte di reddito nella loro area e, soprattutto, è l’unico settore che fornisce sicurezza sociale per i lavoratori. Senza l’aiuto finanziario dell’industria del tabacco, il padre teme di non essere in grado di prendersi cura del figlio con bisogni speciali.

Tutta la famiglia si sente discriminata perché sembra che la società non voglia vedere la loro realtà”, ha detto Rivero. “I suoi genitori non chiedono nulla per se stessi. Non stanno chiedendo nulla fuori dall’ordinario. È solo che le parti responsabili – lo stato è responsabile per i problemi di questi bambini – e non si assume responsabilità , c’è la totale diserzione “.

Nel 2010, le cose hanno iniziato a muoversi. Gli avvocati degli Stati Uniti si sono recati a Misiones per visitare le famiglie di bambini gravemente handicappati. Una delle loro visite includeva la casa del diciassettenne William Nuñez, nato gravemente handicappato.

Non può camminare o parlare e deve essere alimentato attraverso un sondino nel suo stomaco. La famiglia non ha ricevuto aiuti dal governo per il trattamento medico di cui William ha bisogno. Hanno imparato da soli come prendersi cura del loro figlio disabile.

Ignoranza e sfruttamento

La famiglia Nuñez afferma di essere stata visitata da avvocati americani quattro o cinque volte in un periodo di sei mesi, così come da una manciata di medici statunitensi e messicani. Alla famiglia Nuñez è stato detto che non era colpa dell’uso di prodotti agrochimici e che avrebbero potuto fargli  ottenere almeno $ 3 milioni per il caso di William.

Gli avvocati hanno chiesto alla famiglia di firmare un contratto con l’impegno di non discutere il loro caso con nessuno. Fino ad ora, hanno rispettato il contratto. Ma non hanno più visto gli avvocati da almeno quattro anni e ora non vogliono più tacere.

Successivamente il film introduce un uomo di nome Emilio, figlio di un coltivatore di tabacco che ha creato un sindacato indipendente per contendere con le due compagnie del tabacco della regione, che spesso prendono la parte di Big Tobacco.

La coltivazione del tabacco è un lavoro duro, afferma Emilio, aggiungendo che le persone soffrono molto perché lavorano tutto l’anno e l’incentivo finanziario non è eccezionale. Emilio descrive l’industria del tabacco a San Jacinto, in Argentina, come un sistema di schiavitù, uno viene incapsulato dall’ignoranza e dallo sfruttamento.

La troupe cinematografica visita un magazzino dove tutti i coltivatori di tabacco della regione vengono a vendere il loro prodotto. La coltura del tabacco degli agricoltori viene trasportata qui alla fine del ciclo di coltivazione, che comprende la semina, il trattamento, la raccolta, l’essiccazione e la cernita. Questo è l’unico posto in cui possono vendere il loro raccolto, dice Emilio. La troupe  è andata a vedere cosa avviene il giorno in cui gli agricoltori apprendono quale sia il valore del loro anno lavorativo.

È il momento in cui diventi felice o ti viene la rabbia, perché se è andato bene, sai che sarai in grado di comprare ciò di cui hai bisogno o ciò che hai sognato quando lavoravi per questo. Quindi in quel posto scoprirai il valore del tuo lavoro “, dice Emilio.

Il raccolto deve soddisfare rigorosi standard stabiliti dalla cooperativa, che ispeziona ogni balla in un batter d’occhio. Esaminano la consistenza, l’ampiezza e il colore delle foglie. Il tabacco allo stato naturale non supererebbe mai il test: solo l’uso di prodotti chimici per l’agricoltura può garantire un buon risultato.

Big Tobacco domina l’industria

Nel film viene intervistato uno degli agricoltori, sui suoi sentimenti, sui suoi guadagni. Dice che ha ricevuto 11, 575 pesos messicani (o circa 610 dollari USA) per 975 chili di tabacco. Sono circa $ 3,50 per libbra di tabacco (1Libbra = 450gr). Il prezzo è basso, dice. “A me, sembra una fregatura totale. Non è giusto.”
[ndt. quanto costa un pacchetto di Marlboro (pesa ca.40gr) o di Philip Morris in Italia? In media 5.00€ a pacchetto fate il confronto e capite quanto sono sfruttati quei contadini argentini… (450gr di tabacco producono più di 11 pacchetti di sigarette x 5€= 55€; su una libbra di tabacco il guadagno netto, meno l’industrializzazione, per Philip Morris è di 51,50€]

Gli agricoltori dicono che il loro reddito è stato particolarmente basso quest’anno a causa dei costosi additivi chimici che sono costretti a utilizzare. Le compagnie chimiche li fanno pagare in dollari USA, ma pagano in pesos, dice un contadino frustrato, aggiungendo che non ha modo di uscire dal business perché non può rischiare di perdere la sua sicurezza sociale.

Big Tobacco domina l’industria di San Jacinto, in Argentina. Domina a tal punto che aziende come Philip Morrishanno completamente cambiato la coltivazione del tabacco. Oggi gli agricoltori sono ridotti in schiavitù dalle aziende che producono e vendono i prodotti agrochimici necessari per coltivare un raccolto che può essere certificato da Philip Morris.

La troupe cinematografica riesce a catturare filmati all’interno di un magazzino dove gli agricoltori vanno a comprare pesticidi. Alte pile di erbicidi, fungicidi e insetticidi rivestono le pareti, il tutto gestito a mani nude.

Tra gli insetticidi c’è una sostanza chimica prodotta da Bayer chiamata Confidor, che contiene gli insetticidi clothianidin, imidacloprid, thiamethoxam e methiocarb4 i quali, ad eccezione del methiocarb, appartengono ad una classe di pesticidi che uccidono le api con i noti neonicotinoidi, che sono stati recentemente banditi in  tutte le colture coltivate all’aperto in Europa. 5

Il veleno è una parola ricorrente in Argentina

Prima di lasciare la regione, la troupe cinematografica fa un’ultima sosta per visitare il cinquantenne Raul Gomez, che ha creato un elenco di tutte le sostanze chimiche che ha dovuto gestire negli ultimi due decenni, molte delle quali sono ora vietate a causa di la loro tossicità. Gomez è preoccupato di dover usare le sostanze chimiche sulla sua proprietà, la maggior parte delle quali sono troppo pericolose per smaltirle da se stesso.

Dice che gli è stato detto che qualcuno sarebbe venuto a prenderli, ma nessuno lo ha fatto, così ha costruito delle baracche per conservarle. Gomez crede di essere stato usato come una cavia  in quanto costretto a lavorare con veleni così pericolosi senza avere conoscenza delle implicazioni per la salute della sua famiglia.

Lui e altri agricoltori dicono che la domanda non è se si ammaleranno, ma quando. Tutti in questa regione hanno il veleno che entra nei loro corpi, dice, e mentre non lo sente ora, se ne accorgerà tra qualche anno. “Ecco com’è. Le conseguenze arriveranno più in là nel tempo. ”

Successivamente, la troupe cinematografica si recherà a Posadas, la capitale della provincia di Misiones, dove i medici stanno prendendo in considerazione un’ipotesi terrificantel’esposizione agli agrofarmaci potrebbe effettivamente modificare il genoma umano.

Incontrano il dott. Hugo Gomez Demaio, 73 anni, a capo del servizio di neurochirurgia presso l’ospedale pediatrico di Posadas, e il dottor Mario Barrera, neurochirurgo presso la facoltà di medicina del Nordeste. (Entrambe le istituzioni sono a Buenos Aires). I medici si dedicano ad evidenziare e trattare il legame tra esposizione al glifosato e altri prodotti chimici per l’agricoltura e difetti alla nascita causati da danni al DNA.

Nel corso degli anni, Demaio è stata testimone di un numero crescente di bambini affetti da malformazioni. “Queste non sono più osservazioni empiriche, ma una statistica ineludibile che ha elaborato con il suo successore, Dr. Barrera“, dice il narratore del film. Il cento per cento di questi bambini con gravi deformità morirà prima dei 5 anni se non viene fatto loro un intervento medico, dice Demaio.

Il film mostra due bambine affette da idrocefalo, una condizione legata a un’anomalia che colpisce il cromosoma X. L’idrocefalo è l’accumulo di liquidi nel profondo del cervello. I liquidi in eccesso esercitano pressione sul cervello causando danni al tessuto cerebrale. I sintomi dell’idrocefalo includono una testa insolitamente grande, un rapido aumento delle dimensioni della testa e un punto sporgente sulla parte superiore. 6

‘Loro hanno i soldi e noi abbiamo la malattia’

Le madri delle due bambine con l’idrocefalo dicono di essere state esposte agli agrofarmaci, ma indirettamente. Mentre i prodotti agrochimici non sono stati conservati nella loro casa, ma,  sono state esposte tramite gli abiti contaminati dei loro familiari maschi che coltivano tabacco. Le donne avrebbero lavato gli abiti degli uomini in un vicino torrente, che fungeva anche da fonte di acqua potabile.

Demaio afferma che l‘esposizione agli agrofarmaci può causare danni genetici che vengono trasmessi alla progenie di un individuo, causando una modifica del patrimonio genetico. Barrera spiega:

“Anche se l’intero ambiente locale è contaminato, ciò non significa che tutti i bambini si ammaleranno. Ma quando il padre è esposto agli erbicidi, vengono assorbiti dal corpo e alterano il suo DNA. Poi passa quella mutazione genetica ai suoi figli “.

All’inizio, Demaio e Barrera lavoravano solo loro su questi casi, ma presto altri medici che avevano fatto osservazioni simili si unirono a loro nel loro lavoro. Nel 2009, hanno pubblicato risultati che mostrano aborti e difetti congeniti tra i neonati erano sei volte più alti del normale, e il cancro nei bambini piccoli era cinque volte più alto che altrove. 7

I medici dicono che gli agrochimici passano da madre a figlio e causano danni entro i primi 28 giorni di gravidanza, provocando deformità mostruose difficili da riparare. L’espressione più comune è mielomeningocele8 un difetto alla nascita della spina dorsale e del midollo spinale. È la lesione più grave del sistema nervoso centrale con cui si può ancora convivere.

Demaio dice che il governo argentino si rifiuta di ascoltarlo, così ha dedicato il suo tempo ad educare i giovani nelle università, molti dei quali sono cresciuti nelle famiglie di coltivatori di tabacco e attorno ai pesticidi, di cui ne sanno molto poco.

Si è detto loro che gli agrofarmaci sono sicuri e necessari per sfamare le persone. “Loro hanno i soldi e noi abbiamo la malattia“, dice Demaio, riferendosi alle compagnie chimiche e ai profitti che hanno guadagnato su ignari contadini costretti in un commercio dipendente dalla chimica.

Un Davide in lotta contro Golia

La troupe del film visita gli avvocati nel loro ufficio a Buenos Aires, quelli che non hanno mai seguito le visite delle famiglie quattro anni fa. Non erano molto informati sul caso, poi la troupe cinematografica visita l’ufficio di New York per il quale gli avvocati avevano lavorato al fascicolo anni fa.

Parlano con Steven J. Phillips dell’ufficio LLP di Phillips & Paolicelli, specializzato nella difesa dei bambini dai prodotti tossici. Phillips dice che crede di avere una causa contro Monsanto e Philip Morris. La Monsanto ha progettato e venduto il glifosato in Sud America a persone di cui sapeva che ci sarebbero state donne incinte che mescolavano le sostanze chimiche.

La Monsanto sapeva che era estremamente pericoloso, ma ha comunque venduto i prodotti e ha fatto un grande affare, ha detto PhillipsPhilip Morris ha insistito affinché gli agricoltori coltivassero il tabacco in un modo specifico che includesse l’uso del glifosato e, in caso contrario, Philip Morris non acquisterebbe il tabacco. Quindi, gli agricoltori non avevano scelta.

Se costringi qualcuno a comportarsi in modo pericoloso, indurlo in errore e poi i loro figli si fanno male, allora è un buon motivo per portarli in tribunale“, ha detto Phillips. Mentre gli avvocati riconoscono che la battaglia è come quella di Davide contro Golia, sanno anche che la verità è dalla loro parte.

La verità spesso prevale, come nel caso del recente verdetto di colpevolezza nel famoso processo Monsanto . Una giuria di San Francisco, in California, ha assegnato al ricorrente Dewayne Johnson 289 milioni di dollari di danni dopo aver determinato che il suo cancro era causato dall’esposizione al diserbante Roundup di Monsanto . 9 rapporti dell’Associazione organica dei consumatori (OCA):

“La decisione della giuria è stata unanime: la Monsanto si è resa colpevole di produzione e vendita di un prodotto che ha causato il cancro di Johnson. Inoltre, la società sapeva che il suo prodotto poteva causare il cancro, eppure nascondeva intenzionalmente quel fatto a Johnson e al pubblico “.

Il caso è stranamente simile a quello degli agricoltori e delle loro famiglie che soffrono di esposizione ad agrofarmaci, incluso il glifosatoin Argentina. E i coltivatori di tabacco non sono soli nella loro battaglia. C’è un’altra regione in Argentina che è diventata il simbolo nella lotta contro gli agrofarmaci.

Cordoba, il regno della soia transgenica

La troupe cinematografica viaggia a Cordoba, la seconda città più importante dell’Argentina, e l’ultima tappa nelle loro indagini. Cordoba è caratterizzata per il suo impianto di soia transgenica e dove il glifosato viene applicato dall’alto medianteirrorazione aerea.

La città è disseminata di graffiti anti-Monsanto. Nel 2012, un verdetto storico 10 è stato consegnato a Cordoba quando un agricoltore e il proprietario di un aereo per la produzione di polveri sono stati condannati a tre anni di carcere per irrorazione aerea illegale. Stavano spruzzando il glifosato entro 2.500 metri da un’area densamente popolata.

Il film introduce l’attivista anti-agrochimica Sofia Gatica, che ha co-fondato Madri di Ituzaingo11 un gruppo di mamme che lottano per fermare l’uso indiscriminato di agrochimici che ha avvelenato i bambini della regione. Gatica ha perso la propria figlia neonata per malformazioni renali e suo figlio ha perso la capacità di camminare a seguito di un’esposizione a una fumigazione agrochimica locale.

Gatica è riconosciuta per il suo lavoro nel rintracciare i tassi anormali di cancro, malattie renali e altre condizioni in aree vicino a dove è usato il glifosato alle colture di soia OGM. Le Madri di Ituzaingo hanno fatto degli esami del sangue sui loro bambini e hanno scoperto che 3 bambini su 4 che vivevano nella loro comunità avevano sostanze agro-chimiche nel sangue, inclusi pesticidi, cromo, piombo e arsenico.

Nella speranza di ottenere aiuto dal governo, il gruppo ha presentato i risultati ai funzionari argentini, i quali hanno detto loro che avrebbero migliorato la qualità dell’acqua se le famiglie avessero firmato la rinuncia al loro diritto di denunciare la contaminazione dell’acqua.

Gatica è stata ripetutamente minacciata e aggredita fisicamente per i suoi sforzi nel combattere le compagnie chimiche. In un’occasione nel 2014, è stata minacciata con una pistola e raccontata da un uomo che se non avesse smesso di protestare contro Monsanto, avrebbe “fatto saltare le cervella”.

Si fanno progressi

Nonostante la dura battaglia, le Madri di Ituzaingo e altri attivisti hanno fatto buoni progressi. Come riporta l’OCA: 12

“Nel 2008, il presidente dell’Argentina ordinò al ministro della salute di indagare sull’impatto dell’uso dei pesticidi a Ituzaingó. Uno studio è stato condotto dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Buenos Aires e i risultati sono stati confermati dalla ricerca condotta dalle madri nel collegare l’esposizione ai pesticidi dei molti problemi di salute vissuti dalle persone nella comunità.

Gatica riuscì anche a far passare un’ordinanza comunale che vietava l’irrorazione aerea a Ituzaingó a distanze inferiori ai 2.500 metri dalle residenze. 

È un’enorme vittoria, in una sentenza della Corte Suprema del 2010 ha vietato l’irrorazione di prodotti agrochimici in prossimità di aree popolatee ha invertito l’onere della prova – ora i produttori governativi e di soia devono dimostrare che le sostanze chimiche che stanno usando sono sicure, invece di essere i residenti a dimostrare che lo spruzzare le sta facendo ammalare. “

Nonostante le vittorie, le persone che vivono in Argentina e in altre regioni sature di OGM e prodotti agrochimici hanno davanti una strada lunga e difficile. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, 3 milioni di persone sono avvelenate da pesticidi ogni anno. 13 Ma gli agrofarmaci valgono 40 miliardi di dollari l’anno e si prevede che raggiungeranno $ 308 miliardi di valore entro il 2025. 14

Le multinazionali del mondo sacrificheranno mai i loro profitti per proteggere la salute pubblica? Solo il tempo lo dirà; tuttavia, la soluzione risiede probabilmente nel sistema legale, che sta facendo passi da gigante in tutto il mondo per proteggere il pubblico dai prodotti chimici nocivi.

Le aziende biotech acquisiscono potere assumendo i governi nelle loro fila

Non ho alcun dubbio che gli OGM e le sostanze chimiche tossiche utilizzate insieme a loro rappresentano una seria minaccia per l’ambiente e la nostra salute, tuttavia gli enti governativi chiudono un occhio e si rifiutano di agire – e la ragione è molto chiara: stanno promuovendo gli interessi dei giganti biotech

È noto che esiste una porta girevole tra le agenzie governative e le società biotecnologiche come la Monsanto. Considera l’ipocrisia della FDA. Sulla carta, gli Stati Uniti hanno le più severe leggi sulla sicurezza alimentare al mondo che regolano i nuovi additivi alimentari, ma questa agenzia ha ripetutamente permesso agli OGM e ai loro pesticidi di accompagnamento come Roundup di eludere queste leggi.

In effetti, l’unica base giuridica per consentire la commercializzazione degli alimenti GEnegli Stati Uniti è l’affermazione della FDA che questi alimenti siano intrinsecamente sicuri, un’affermazione che è palesemente ridicola. I documenti rilasciati a seguito di una causa contro la FDA rivelano che gli stessi scienziati dell’agenzia mettevano in guardia i loro superiori sui rischi dannosi degli alimenti GE. Ma i loro avvertimenti sono caduti nel vuoto.

L’influenza dei giganti biotech non è limitata agli Stati Uniti. In un articolo del giugno 2017, GMWatch ha rivelato che 26 dei 34 membri del Comitato consultivo nazionale per le biotecnologie agricole dell’Argentina (CONABIA) sono impiegati da aziende di tecnologia chimica o hanno grandi conflitti di interesse.

Potresti essere consapevole che l’Argentina è uno dei paesi in cui i campi a coltivazione singola di cotone, mais e soia dominano la campagna. L’Argentina è anche un paese che sta affrontando gravi distruzioni ambientali. Gli argentini sono afflitti da problemi di salute, tra cui malattie degenerative e deformità fisiche. Sembrerebbe che la rapida espansione delle colture GE e il conseguente declino degli indicatori sanitari nazionali siano intrinsecamente legati.

Non fatevi abbindolare dall’industria del settore!

I tentativi oltraggiosi delle compagnie biotecnologiche di spingere per i loro interessi aziendali vanno ben oltre le sale del governo. In uno sforzo ulteriore per ingannare il pubblico, la Monsanto e le sue coorti stanno ora nutrendo con zelo gli scienziati, gli accademici e i giornalisti con studi discutibili che li descrivono in una luce positiva.

Assumendo “esperti di terze parti“, le aziende biotech sono in grado di raccogliereinformazioni di dubbia validità presentarle come indipendenti e autorevoli. È una pratica vergognosa che è molto più comune di quanto chiunque vorrebbe pensare. Un famoso esempio di questo è Henry Miller, che è stato completamente pubblicizzato come uno scudo della Monsanto durante la campagna di etichettatura OGM del 2012 della Proposition 37 in California.

Millerfingendosi falsamente come un professore di Stanford, ha promosso cibi geneticamente modificati durante questa campagna. Nel 2015, ha pubblicato un articolo su Forbes Magazine attaccando i risultati dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, una branca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo aver classificato il glifosato come probabile cancerogeno per l’uomo. Dopo che è stato rivelato che il lavoro di Miller era in realtà ghostwritten di MonsantoForbes non solo lo ha licenziato , ma ha rimosso anche tutte le sue opere dal suo sito.

Anche i gruppi di facciata dell’industria sono numerosi. Il Genetic Literacy Project e l’American Council for Science and Health sono entrambi finanziati dalla Monsanto. Persino WebMD , un sito web che viene spesso presentato come una fonte attendibile di informazioni sanitarie “indipendenti e oggettive“, agisce da lacchè per Monsantoutilizzando la sua influenza per promuovere strategie e prodotti sanitari supportati dall’azienda, mostrando pubblicità per conto del Biotech , promuovendo l’agenda dell’industria biotecnologica – il tutto per il mero profitto.

La Monsanto ha adottato tattiche subdole per vendere i suoi prodotti tossici, ma l’azienda non è in grado di nascondere la verità: l’ingegneria genetica, in nessun modo, o forma, renderà il mondo un posto migliore. Non risolverà la fame nel mondo. Non aumenterà il sostentamento degli agricoltori. E certamente non farà nulla di buono per la vostra salute – e potrebbe rivelarsi dannosa.

via SaDefenza

IN EVIDENZA