Misteri Scienza

Documenti del KGB affermano che la Grande Piramide d’Egitto era una macchina per alterare i Raggi Cosmici

La Grande Piramide d’Egitto ha “poteri per alterare i raggi cosmici”, secondo i documenti segreti del KGB che affermano che la piramide è intimamente connessa alla Terra. La piramide più alta mai costruita in Egitto, la Grande Piramide, era considerata una “meraviglia del mondo” dagli antichi scrittori.

Circa 4500 anni fa, gli antichi egizi costruirono la Grande Piramide di Giza come una tomba per il faraone Khufu, noto anche come Cheope, che lo avrebbe trasportato nella vita successiva, in altra dimensione. Secondo i documenti segreti del KGB, l’agenzia di Intelligence della Russia, gli scienziati hanno cominciato a chiedersi se l’intero altopiano di Giza fosse stato progettato per uno scopo diverso.

Nel documentario « The Secret KGB Abduction Files ” di Amazon Prime, scienziati e teorici mettono in discussione ed esaminano le possibilità che la Grande Piramide possa funzionare come una “macchina paranormale”. Uno scienziato ha fatto una dichiarazione sorprendente: Le piramidi, o addirittura la Grande Piramide, era una macchina che aveva un qualche tipo di scopo.

Le misure sono estremamente precise. “Great Pyramid: Revelations La relazione tra l’altezza della piramide e il perimetro della piramide è la stessa del rapporto tra il raggio della Terra e la circonferenza della Terra. Quindi, puoi effettivamente vedere che la piramide è qualcosa come una rappresentazione triangolare tridimensionale di un emisfero che potrebbe suggerire che ci fosse qualche motivo per far risuonare la piramide sul pianeta. Lo scienziato conclude che “le piramidi hanno poteri per alterare i raggi cosmici”.

Le piramidi sono, in effetti, grandi prismi, capaci di concentrare energia. Catturare la luce delle stelle avrebbe avviato un processo che avrebbe trasformato la Grande Piramide in un trasmettitore interstellare. 

La Grande Piramide e L’Asse della Stella

I teorici sostengono che le tre piramidi e la Sfinge potrebbero essere parti integranti di un’immensa macchina progettata da ingegneri alieni. Secondo i rapporti scientifici, tutti i monumenti di Giza sono collegati da un meccanismo di controllo principale all’interno della Grande Piramide. All’interno della Grande Piramide, un passaggio conduce alla camera del re, e sul sarcofago c’è un tunnel che alcuni chiamano l‘asse della stella. Quando si verifica uno specifico allineamento celeste, la luce delle stelle passa attraverso l’asse. Questi scienziati teorizzano che l’energia radiante che colpisce il sarcofago potrebbe iniziare qualcosa di simile a una reazione di fusione fredda. La struttura a prisma della piramide ingrandirà e trasferirà l’energia agli altri monumenti.

A cura della Redazione Segnidalcielo

riferimenti: codigooculto.com

IN EVIDENZA