background img
Complottisti Staff

Due cittadini russi che avrebbero dovuto testimoniare contro Hillary Clinton morti nell’incidente aereo vicino Mosca

3 mesi ago written by

Secondo i rapporti, due cittadini russi che avrebbero dovuto testimoniare contro Hillary Clinton sono stati uccisi in un “inspiegabile” incidente aereo a Mosca.

Sergei Millian, un uomo d’affari di origine bielorussa che ha lavorato con la Trump Organisation e che secondo quanto riferito è una fonte chiave nel dossier esplosivo legato ai legami tra il presidente Donald Trump e la Russia, è stato ucciso quando il volo interno si è schiantato poco fuori Mosca domenica scorsa.

Morto nell’incidente aereo è anche Ivanov Vyacheslav, capo dell’ufficio finanziario (CFO) di Rosatom. L’azienda russa è proprietaria di Uranium One, la società mineraria di uranio al centro di una vendita controversa supervisionata dal Dipartimento di Stato di Clinton nel 2013 che ha concesso alla Russia il diritto al 20 percento della capacità produttiva di uranio degli Stati Uniti.

71 cittadini russi, tra cui membri dell’equipaggio e passeggeri, sono morti nello schianto. Di seguito è riportato l’elenco completo dei nomi, tra cui Ivanov Vyacheslav (numero 32, cerchiato) e Sergei Panchenko (nome patronimico russo di Millian, numero 50):

dvxx58qvaaafnxt_orig.jpg

La morte dei due russi coinvolti negli attuali scandali di Clinton ha scatenato la voce che il presunto incidente non sia stato un vero incidente.

L’aereo era un An-148 appartenente alla Saratov Airlines che era decollato dall’aeroporto di Mosca Domodedovo ed era diretto a Orsk circa 1.000 miglia a sud-est di Mosca, secondo quanto riferito da REN-TV. Il ministro dei trasporti Maxim Sokolov ha aggiunto che “a giudicare da tutto, nessuno è sopravvissuto a questo incidente”.

Le autorità russe rimangono sconcertate dallo schianto e affermano che l’aereo non ha subito cedimenti meccanici.

“L’equipaggio del velivolo in questione non ha segnalato alcun malfunzionamento”, ha detto a Interfax Svetlana Petrenko, un rappresentante ufficiale del Comitato Investigativo della Federazione Russa.

Indagine speciale sull’incidente

Il presidente russo Vladimir Putin ha rinviato un viaggio programmato a Sochi per “monitorare attentamente le indagini” e ha offerto le sue condoglianze alle famiglie delle vittime.

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha dichiarato in un’intervista a Interfax che Putin “ha incaricato il governo di istituire una commissione speciale in relazione all’incidente aereo nella regione di Mosca e ha incaricato le agenzie competenti di condurre le necessarie operazioni di ricerca”.

Il volo era decollato dall’aeroporto Domodedovo di Mosca e aveva trascorso circa 5 minuti in aria prima di “esplodere” a circa 12 miglia a sud-est dell’aeroporto, secondo Flightradar24, un sito di monitoraggio del volo.

Una residente locale ha detto a REN-TV di aver sentito un esplosione.

“Sono uscito di casa, ho visto l’aereo, ho sentito un’esplosione e il cielo è diventato rosso”, ha detto la donna che ha preferito rimanere anonima alla stazione televisiva.

Il relitto di un aereo AN-148 è visibile nel villaggio di Stepanovskoye, a circa 25 miglia dall’aeroporto di Domodedovo, in Russia, domenica 11 febbraio 2018.
Mentre resta da vedere che cosa abbia causato lo schianto di domenica, Sergei Millian e Ivanov Vyacheslav sono diventati gli ultimi individui con stretti legami con gli scandali di Clinton a morire in circostanze sospette negli ultimi tempi.

Il collaboratore di WikiLeaks, James Dolan, che ha co-creato la tecnologia che ha permesso a WikiLeaks di ottenere e pubblicare le e-mail trapelate di DNC e Podesta, è stato trovato morto in circostanze sospette all’inizio di gennaio. Aveva 36 anni. Pochi dettagli sulla sua morte sono stati resi pubblici.

A dicembre, il dottor Dean Lorich, un chirurgo ortopedico che ha fatto volontariato ad Haiti e ha denunciato la corruzione e gli illeciti della Clinton Foundation sull’isola, è stato trovato morto nella sua casa di New York. Aveva 54 anni e le autorità affermano che “si è pugnalato nel cuore” e ha lasciato che la sua giovane figlia lo trovasse. La famiglia e gli amici hanno contestato questa sentenza.

Dato l’attuale tasso di morti misteriose che circondano i Clinton, l’alto funzionario dell’FBI che ha parlato di “Il Caso Clinton” di recente e ha collocato la famiglia politica democratica sullo stesso piano dei Gambino, Colombo e Lucchese – potrebbe essere più vicino alla verità di quanto molti vorrebbero credere.

“I Clinton, questa è una famiglia criminale“, ha dichiarato l’ex capo dell’FBI di New York James Kallstrom in un’intervista radiofonica.

“È come il crimine organizzato, in pratica. La Fondazione Clinton è un pozzo nero. ”

Descrivendo i Clinton come disonesti, avidi e machiavellici, durante l’intervista con il miliardario del supermercato John Catsimatidis su AM970, l’ex capo dell’FBI ha aggiunto: “È semplicemente oltraggioso come Hillary Clinton abbia venduto il suo ufficio per soldi”.
“E’ una bugiarda patologica, lo è sempre stata”.

Di Baxter Dmitri

Fonte: yournewswire

via UnUniverso

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
Complotti · Controinformazione