Controinformazione

DUGIN: “L’impero Irlandese” Di Dublino E La Chiesa Irlandese

Alexander Dugin
fort-russ

Sa Defenza

La diffusione del cristianesimo tra il popolo irlandese pose le basi della nuova era (l’era di San Patrizio), che, come abbiamo visto, è interpretata come una continuazione dell’era dei Mils Gaels e, allo stesso tempo, come la sua logica conclusione, il suo apogeo.

La chiesa celtica, con la cattedrale arcivescovile di Armagh, fondata da San Patrizio, e il centro monastico nelle Ebridi, Iona, fondata da San Columba, furono i principali centri della cultura, dell’istruzione e dell’istruzione cristiana durante i primissimi periodi della storia delle Isole Britanniche. Gradualmente, la rete di monasteri e parrocchie cristiane sostituì completamente la funzione druida.

Allo stesso tempo, i rapporti della Chiesa celtica con il potere politico, i re irlandesi, erano basati su un modello sviluppato nell’era pre-cristiana. I Druidi erano l’autorità spirituale, portatori di conoscenze e tradizioni, cerimonie praticanti, consiglieri dei re, ma il potere politico era concentrato nelle mani dell’aristocrazia militare e delle dinastie reali. Allo stesso tempo, l’Irlanda era, almeno, nominalmente, organizzata come un impero. La funzione dell’Imperatore era rappresentata dal titolo di ” High King ” di Tara ( la capitale Contea di Meath, Dublino ), e altri quattro re ( Ulster, Leinster, Munster e Connacht ) erano i suoi “vassalli“.

In pratica, questo modello imperiale è stato osservato raramente in diversi periodi storici, in quanto non esisteva una tale persona che sarebbe stata in grado di trasformare il potere nominale del sovrano di Tara in potere effettivo. Inoltre, il potere delle quattro regioni dell’isola non era centralizzato ed era condiviso tra diversi rami delle famiglie reali, che spesso si trovavano l’una contro l’altra. Tuttavia, gli irlandesi conoscevano il paradigma imperiale sin dai tempi antichi e forse riflettono il mitico impero degli antichi Celti e il loro re Ambigatus, che era, allo stesso tempo, il prototipo di Re Artù. L’alto re d’Irlanda, regnante a Tara con la Pietra del Destino (Lia Fáil), una delle reliquie portate dal Tuatha Dé Danann dal misterioso Nord, è una vera espressione della natura fondamentale e della completezza della tradizione sacra irlandese.

Nell’era di San Patrizio, la chiesa celtica proteggeva l’equilibrio del potere spirituale e secolare, che portò alla cristianizzazione del mondo irlandese, mantenendo in gran parte la sua base politica e legale. La vita irlandese rimane come prima, solo la sacra determinazione dell’IrlandeseDasein cambiò la sua forma religiosa. D’ora in poi, i geni irlandesi in filosofia, storia, musica, guerra, agricoltura e arti meccaniche  acquisiscono la forma cristiana. L’Irlanda è stata inclusa nella storia del Cristianesimo, creando un posto nella sua storia e cultura.

Così, nel V secolo, fu creata la base del nuovo ciclo storico, cristiano, che si evolveva in nuovi stadi, epoche e periodi in sé.

Il primo stadio durò per diversi secoli, dalla cristianizzazione fino alla conquista della Britannia da parte delle tribù germaniche, che fu anche prolungata per un lungo periodo e, quindi, è un periodo stesso. La chiesa celtica si rafforzò in Irlanda e Dál Riata, sempre più estesa in Caledonia, convertendo i Picts e prosperando tra i britannici. Certo, era un cristianesimo specifico, e sappiamo che San Germano di Auxerre fu mandato in Gran Bretagna per combattere l’eresia di Pelagio, e si scontrò severamente con il re Britannico Vortigern (che invitò gli Anglo e i Sassoni a proteggerli dai Picts e i Gael, secondo la leggenda), ma in ogni caso, gli Anglo e iSassoni e gli Iuti che invasero la Britannia erano pagani, e i Celti erano i Cristiani. L’Irlanda era indubbiamente il centro sacro più importante nel mondo del cristianesimo celtico. L’Irlanda diffuse il cristianesimo nell’Europa occidentale, in Francia e in Germania, nazioni che, essendo sotto il potere delle tribù germaniche, erano per la maggior parte pagani. Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, l’Irlanda divenne, per un certo periodo di tempo, il principale centro del cristianesimo. Armagh o Iona inviò migliaia di predicatori cristiani in diversi paesi europei, specialmente nelle regioni settentrionali dell’Impero franco.

Uno dei migliori rappresentanti dei missionari irlandesi in Europa era il monaco Columbanus (540 – 615), che predicava prima in Gran Bretagna e poi in Gallia. Alla fine del VI secolo, fondò, in Europa, una vasta rete di monasteri in Borgogna, Neustria, Austrasia e Regno dei Longobardi. Espulso da Nantes da autorità secolari, andò in Germania, dove continuò la sua predicazione e l’istituzione di una rete di monasteri. Nel 612, venne nel Nord Italia (un paese che fu abitato dai Celti) e fondò uno dei più famosi monasteri, Bobbio. È significativo che la portata di Columbanus e di altri missionari monaci irlandesi ripeta i confini dell’Ecumen celtico. La luce dell’Irlanda, in questo momento, copriva l’intera Europa settentrionale e occidentale.

Sedulius Scottus
 era un notevole commentatore scritturale irlandese cattolico, che visse nell’era del Re Lothair. Vivendo a Liegi tra gli altri monaci irlandesi, Sedulius Scottus tradusse in latino le opere neoplatoniche di Porfirio e di altri testi greci. Scrisse poesie e opere teologiche, ma molte di esse andarono perse. Difese l’equilibrio tra l’autorità spirituale e il potere secolare da quei pensatori del “illuminismo carolingio“, che erano inclini a spostare l’equilibrio verso la figura del re, Sedulius Scottus faceva affidamento sulla tradizione irlandese, dove l’equilibrio delle fonti sacre e imperiali era determinato con precisione, anche nei tempi pre-cristiani.

Ma il rappresentante più prominente della teologia irlandese fu il monaco irlandese Johannes Scoto Eriugena (815 – 877), che è la stella dei primi testi scolastici e il primo filosofo cristiano a pieno titolo della Francia. Johannes Scoto Eriugena era vicino al re di Francia Carlo il Calvo, interpretando lo stesso ruolo di Alcuino di York sotto l’autorità del nonno Carlo MagnoJohannes Scoto Eriugenatradusse i testi dell’Areopagita in latino, inducendo l’intera tradizione neoplatonica del Medioevo europeo. Le sue opere sono al vertice del pensiero metafisico.

In questo contesto, l’identità irlandese in questa forma,  realizzata nell’era di San Patrizio, raggiunse la massima concentrazione ed espressività.

Fonte: https://sadefenza.blogspot.com/2019/07/dugin-limpero-irlandese-di-dublino-e-la.html