Medicina

Ecco perché la carenza di vitamina C ci mette a estremo rischio di malattie

Nel corso degli anni, gli studi hanno costantemente dimostrato che una delle maggiori cause di bassa difesa immunitaria è la carenza di vitamina C. Gli esperti stimano che fino al 30 percento della popolazione ha bassi livelli di vitamina C, con un deficit tra il 5 e il 17 percento.

La vitamina C è un importante nutriente vitale per la riparazione dei tessuti e la produzione di alcuni neurotrasmettitori. Inoltre facilita il funzionamento di diversi enzimi ed è un componente chiave del sistema immunitario del corpo. La sua funzione di antiossidante è vitale per la prevenzione di gravi malattie come il cancro, il diabete, la polmonite e altri.

Sfortunatamente, il corpo non è in grado di produrre la propria vitamina C ed è probabile che si esaurisca in momenti di stress o malattia – esattamente quando i livelli più elevati sono più necessari per mantenere la salute ottimale. Per questo motivo, mangiare un sacco di frutta e verdura fresca, non OGM, ogni giorno è estremamente importante, così come integrare una fonte “pulita” e affidabile di questo nutriente essenziale.

Il legame tra bassi livelli di vitamina C e un sistema immunitario inefficiente

Natural Health 365 ha spiegato come livelli di vitamina C insufficienti abbiano un impatto enorme sul sistema immunitario:

Livelli inadeguati di vitamina C possono indebolire le cellule che normalmente uccidono le tossine che ci invadono e gli agenti che causano malattie, così come le cellule specializzate che coordinano tali attacchi. Anche la produzione di anticorpi per scongiurare infezioni specifiche può essere ridotta a causa di una carenza di vitamina C.

Per quanto riguarda l’esatto meccanismo con cui la vitamina C aumenta l’immunità,  Natural Health 365 ha aggiunto:

La vitamina C ha un ruolo “pratico” da svolgere nel garantire una funzione ottimale del sistema immunitario. Le cellule immunitarie hanno molecole di trasportatori di vitamina C attive incorporate nelle loro membrane. Queste molecole trasportatrici pompano attivamente la vitamina C in cellule dove sono necessarie quantità maggiori, come durante i periodi di infezione o infiammazione.

Attraverso le molecole del trasportatore, le cellule sono in grado di raggiungere livelli fino a 100 volte superiori a quelli del plasma. Questo è il motivo per cui i livelli ematici di vitamina C sono diminuiti durante i periodi di malattia o infezione, poiché il corpo lavora per spostare la vitamina C nelle cellule dove c’è più bisogno. Questo ciclo può esaurire la fornitura di vitamina C del corpo attraverso la sola dieta. 

Essere consapevoli dei segni di bassi livelli di vitamina C.

A volte, nonostante i nostri sforzi per mantenere sufficienti livelli di vitamina C, può esaurirsi. Fortunatamente, se prestiamo abbastanza attenzione ai segnali, tra cui ammalarsi più spesso, possiamo recuperare i nostri livelli ottimali.

Questi segni includono :

  • Malattie più frequenti e più durature;
  • Frequenti raffreddori e periodi di influenza;
  • Scarsa guarigione delle ferite;
  • Lividi facili;
  • Pelle secca e squamosa;
  • Epistassi frequenti
  • Gengive che sanguinano facilmente
  • Perdita dei denti

Dal momento che i nostri corpi non producono la vitamina C aggiuntiva di cui abbiamo bisogno in momenti di stress o malattia, è importante assicurarsi di ottenere abbastanza nutriente, mangiando ogni giorno da tre a quattro porzioni di verdura e due pezzi di frutta. Potrebbe anche essere necessario un supplemento, in particolare nei momenti di maggiore stress.

via Il Blog di Iside