Misteri Scienza

Giappone, crescono i timori di terremoti o tsunami dopo il ritrovamento di rari pesci considerati presagio di disastri naturali

Tradizionalmente conosciuto come “Messaggero del Palazzo del Dio del Mare”, la leggenda vuole che il regaleco raggiunga le spiagge prima di un terremoto sottomarino

I timori per un imminente disastro naturale in Giapponestanno circolando online dopo gli avvistamenti di un pesce abissale, ritenuto il presagio di terremoti e tsunami. Ieri, 1 febbraio, due esemplari di regaleco sono stati catturati nelle reti da pesca al largo della prefettura di Toyama, portando il totale degli esemplari trovati in questa stagione a 7. All’inizio di questa settimana, invece, un regaleco di 3,2 metri è stato ritrovata sulla spiaggia della Toyama Bay, mentre uno di 4 metri è rimasto intrappolato in una rete da pesca al largo del porto di Imizu.

L’introvabile regaleco vive tra i 200 e i 1.000 metri di profondità ed è caratterizzato da una pelle argentea e da pinne rosse. Tradizionalmente conosciuto come “Ryugu no tsukai” in giapponese, ossia il “Messaggero del Palazzo del Dio del Mare”, la leggenda vuole che raggiunga le spiagge prima di un terremoto sottomarino.

Gli scienziati ovviamente contestano simili idee. “Non ci sono assolutamente prove scientifiche per la teoria secondo cui un regaleco appare intorno al momento di grandi terremoti. Ma non possiamo negare la possibilità al 100%. Il riscaldamento globale potrebbe avere un effetto sulla comparsa del regaleco oppure una ragione di cui noi non siamo a conoscenza”, ha dichiarato Kazusa Saiba dell’Uozu Aquarium.

Il mito del regaleco come presagio di distruzione ha iniziato a prendere sempre più piede dopo il terremoto di Fukushima del 2011 e il conseguente tsunami, che uccisero oltre 20.000 persone. Almeno una dozzina di questi pesci fu ritrovata sulle coste giapponesi nell’anno precedente al disastro. Nonostante abbia messo in dubbio la validità delle teoria, Saiba ha spiegato che una possibile spiegazione scientifica potrebbe stare nei leggeri cambiamenti nella crosta terrestre sul fondale marino che si verificano prima di un terremoto. Questi cambiamenti “potrebbero rimescolare le correnti e spingere le creature dal fondale alla superficie”.

Ma Osamu Inamura, direttore dell’Uozu Aquarium, ha una teoria più scientifica sull’avvistamento della Toyama Bay, ossia che il regaleco stesse seguendo il movimento della sua fonte di cibo, una specie di micro-gamberetto. “Quando i gamberetti risalgono verso il plankton durante il giorno, il regaleco a volte può seguirli e restare intrappolato nelle reti dei pescatori”, ha concluso.

Beatrice Raso

Fonte: www.meteoweb.eu 

Tratto da: https://www.pianetablunews.it/2019/02/03/giappone-crescono-i-timori-di-terremoti-o-tsunami-dopo-il-ritrovamento-di-rari-pesci-considerati-presagio-di-disastri-naturali/

IN EVIDENZA