Controllo Globale Scienza

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Atlantide e gli Dei antichi

ATLANTIDE è l’oggetto di un breve ma importante articolo che appare nella relazione annuale del Board of Regents dello Smithsonian Institution per l’anno che termina il 30 giugno, 1915. L’autore, M. Pierre Termier, membro dell’Academy of Sciences e Direttore
del servizio geologico di Francia, nel 1912 ha tenuto una conferenza sull’ipotesi Atlantide all’Institut Océanographique;

“Dopo un lungo periodo di indifferenza sdegnosa”, scrive M. Termier, “osservo come nel negli ultimi anni la scienza sta tornando allo studio di Atlantide. Quanti naturalisti, geologi, zoologi o botanici si stanno chiedendo oggi se Platone non ci abbia trasmesso, una pagina della storia attuale dell’umanità. No l’affermazione è ancora inammissibile; ma sembra sempre più evidente che una vasta regione, continentale o costituita da grandi isole, è crollata a ovest delle Colonne d’Ercole,
altrimenti chiamato lo Stretto di Gibilterra, e che il suo crollo avvenne in un non molto lontano passato. In ogni caso, la questione di Atlantide è riposta di nuovo agli uomini di scienza; e poiché non credo che possa mai essere risolto senza l’aiuto dell’oceanografia, pensavo fosse naturale discuterne qui, in questo tempio della scienza marittima, e chiamarlo un problema, a lungo disprezzato ma ora in fase di ripresa, anche l’attenzione degli oceanografi come l’attenzione di coloro che, sebbene immersi nel tumulto delle città, prestano orecchio al lontano mormorio del mare. “
Nella sua conferenza M. Termier presenta i dati geologici, geografici e zoologici a supporto della teoria di Atlantide. Prosciugando in senso figurato l’intero letto dell’Oceano Atlantico, considera le disuguaglianze del suo bacino e pensa che si trovi nelle Azzorre in Islanda, dove il dragaggio ha portato la lava in superficie da 3.000 metri di profondita`. La natura vulcanica delle isole ora esistenti nell’Oceano Atlantico corrobora l’affermazione di Platone secondo cui il continente di Atlantide fu distrutto da una cataclismica eruzione vulcanica. M. Termier avanza anche le conclusioni di un giovane zoologo francese, M. Louis Germain, che ha ammesso l’esistenza di un continente atlantico collegato con la Penisola Iberica e con la Mauritania (cercate su youtube Atlantide in Mauritania e “l’occhio dell’Africa e` il posto piu` probabile in cui potrebbe trovarsi Atlantide n.d.r) e prolungato verso sud in modo da includere
alcune regioni del clima desertico. M. Termier conclude la sua lezione con un’immagine grafica del rogo di quel continente.
La descrizione della civiltà atlantidea data da Platone può essere
riassunta come segue. Nei primi tempi gli dei dividevano la terra tra loro, proporzionandolo secondo le rispettive dignità. Ognuno divenne la divinità peculiare della sua propria assegnazione e stabilìva in essa templi, sacerdoti e istituiva un sistema di sacrificio. A Poseidone è stato dato il mare e il continente isola di Atlantide. Nel mezzo dell’isola c’era una montagna che era la dimora di tre esseri umani primitivi nati dalla terra – Evenor; sua moglie, Leucipe; e la loro unica figlia, Cleito. La fanciulla era molto bella, e dopo l’improvvisa morte dei suoi genitori fu corteggiata da Poseidone, che generò cinque coppie di figli maschi. Poseidone riparti` il suo continente tra questi dieci, e Atlas, il maggiore, divenne il signore degli altri nove. Poseidone definì inoltre il paese Atlantide e il mare circostante l’Atlantico in onore
di Atlante. Prima della nascita dei suoi dieci figli, Poseidone ha diviso il continente e il mare in senso orario in zone concentriche di terra e acqua, che erano perfette come se avesse avuto acceso un tornio. Due zone di terra e tre d’acqua circondavano l’isola centrale, che Poseidone fece irrigare con due sorgenti d’acqua: una calda e l’altra
fredda. I discendenti di Atlas continuarono come governanti di Atlantide, e con un governo saggio e industrioso ha elevato il paese a una posizione di superiorità. Le risorse naturali di Atlantide apparentemente erano senza limiti. Furono estratti metalli preziosi, addomesticati animali selvatici e distillati profumi dai suoi fiori. Godendo dell’abbondanza naturale grazie alla loro posizione semitropicale, anche gli Atlantidei si adoperarono nell’erezione di palazzi, templi e banchine. Hanno costruito ponti per unire le varie zone e scavato un canale profondo per collegare l’oceano esterno con l’isola centrale, dove si trovava il palazzi e tempio di Poseidone, che eccellevano in tutte le altre strutture in magnificenza. UN
rete di ponti e canali è stata creata dagli Atlantidei per unire le varie parti del loro regno. Platone quindi descrive le pietre bianche, nere e rosse che hanno estratto da sotto il loro continente e utilizzato nella costruzione di edifici pubblici e banchine. Circoscrivevano ciascuna delle zone terrestri con un muro, il muro esterno coperto di ottone,
quello di mezzo con stagno, e quello interno, che comprendeva la cittadella, con l’oricalco. La cittadella, sull’isola centrale, conteneva i pali, i templi e altri edifici pubblici. Nel suo centro, circondato da un muro d’oro, c’era un santuario dedicato a Cleito e Poseidone. Qui nacquero i primi dieci principi dell’isola e qui ogni anno i loro
discendenti portavano offerte. Il tempio di Poseidone, con il suo esterno interamente coperto d’argento e i suoi pinnacoli d’oro si ergeva all’interno della cittadella. L’interno del tempio era di avorio, oro, argento e oricalco, compresi pilastri e pavimento. Il tempio conteneva una colossale statua di Poseidone in piedi su un carro trainato da sei cavalli alati, e con lui centinaio di Nereidi che cavalcano delfini. Erano disposte all’esterno dell’edificio statue dorate dei primi dieci re e delle loro mogli. Nei boschetti e nei giardini c’erano sorgenti calde e fredde. C’erano numerosi templi a varie divinità, luoghi di esercizio per uomini e per bestie, bagni pubblici. In vari punti panoramici c’erano fortificazioni, e dal grande porto arrivavano navi da ogni nazione marittima. Le zone erano così fittamente popolate che il suono delle voci umane era sempre nell’aria. Quella parte di Atlantide che si affaccia sul mare era descritta come alta e precipitosa, ma intorno alla città centrale era una pianura protetta da montagne rinomate per le loro dimensioni, numero e bellezza. La pianura produceva due raccolti ogni anno, in inverno irrigati dalle piogge e
in estate da immensi canali di irrigazione, che servivano anche per il trasporto. La pianura era divisa in sezioni, e in tempo di guerra ogni sezione forniva la sua quota di combattenti uomini e carri.
I dieci governi differivano l’uno dall’altro nei dettagli riguardanti i requisiti militari. Ognuno dei re di Atlantide aveva il controllo completo sul proprio regno, ma i loro rapporti reciproci erano governati da un codice inciso dai primi dieci re in una colonna ‘di oricalco in piedi nel tempio di Poseidone. A intervalli alterni di cinque e sei anni si teneva un pellegrinaggio a questo tempio, qui, con adeguato sacrificio, ogni re rinnovava il suo giuramento di lealtà sull’iscrizione sacra. Qui i re indossavano vesti azzurre e
sedevano in giudizio. All’alba scrivevano le loro frasi su una tavoletta d’oro: e le depositavano con le loro vesti come memoriali. Le principali leggi dei re di Atlantide erano

LO SCHEMA DELL’UNIVERSO SECONDO I GRECI E I ROMANI.
Da Immagini degli Dei degli Antichi di Cartari.
Salendo successivamente attraverso la sfera infuocata di Ade, le sfere di acqua, terra e aria, e ilil cielo della luna, si raggiunge il piano di Mercurio. Sopra Mercurio ci sono i piani di Venere, il sole,
Marte, Giove e Saturno, quest’ultimo contenente i simboli delle costellazioni zodiacali. Sopra l’arco dei cieli (Saturno) è il luogo di dimora delle diverse potenze che controllano l’universo. Il supremo consiglio degli dei è composto da dodici divinità – sei maschi e sei femmine – che corrispondono al segni positivi e negativi dello zodiaco. I sei dei sono Giove, Vulcano, Apollo, Marte, Nettuno e Mercurio; le sei dee sono Giunone, Cerere, Vesta, Minerva, Venere e Diana. Giove cavalca la sua aquila come
il simbolo della sua sovranità sul mondo, e Giunone è seduta su un pavone, il suo simbolo.

che non avrebbero imbrracciato le armi l’uno contro l’altro e che sarebbero andati ad assistere uno qualsiasi dei loro collegi, se attaccato. In materia di guerra la decisione finale era nelle mani dei diretti discendenti della famiglia di Atlas. Nessun re aveva il potere di vita e di morte sui suoi parenti senza il consenso di una maggioranza del dieci.
Platone conclude la sua descrizione dichiarando che è stato questo grande impero ad attaccare gli stati ellenici. Ciò non avvenne, tuttavia, finché il potere e la gloria non attirarono i re di Atlantide lontano dal sentiero della saggezza e della virtù. Pieni di false ambizioni, i governanti di Atlantide decisero di conquistare il mondo intero. Zeus, percependo la malvagità degli Atlantidei, riunì gli dei nella sua santa dimora e si rivolse a loro. Qui la narrativa di Platone finisce bruscamente, perché le sue Critiche non sono mai state completate. Nel Timiso c’è un’ulteriore descrizione di Atlantide, donata a Solone da un sacerdote egiziano e che conclude come segue:
“Ma in seguito si sono verificati violenti terremoti e inondazioni, e in un solo giorno e in una sola notte di pioggia tutti gli uomini bellicos presenti affondarono nella terra e l’isola di Atlantide nello stesso modo scomparve, e fu affondata sotto il mare. E questo è il motivo per cui il mare da quelle parti è impraticabile e impenetrabile, perché c’è una tale quantità di fango superficiale a causa del cedimento dell’isola”.

Dopo aver investigato le varie ipotesi sulla location di Atlantide, questa a mio parere e` la piu` probabile. La descrizione di Platone coincide completamente (n.d.r.)

Nell’introduzione alla sua traduzione del Timæus, Thomas Taylor cita Storia dell’Etiopia, scritta da Marcello, che contiene il seguente riferimento ad Atlantide: “Riferiscono che nel loro tempo c’erano sette isole nel mare Atlantico, sacre a Proserpina; e oltre a queste, altre tre di immensa grandezza; una delle quali era sacra a Plutone, un altra a Ammone, e un altra, che è il mezzo a queste, ed è grande
mille stadi, a Nettuno. “Crantor, commentando Platone, affermò che i sacerdoti egiziani dichiararono che la storia di Atlantide era scritta su pilastri che erano ancora conservati nel 300 a.C. (Vedi Principi o Scorci di civiltà scomparse.) Ignazio Donnelly, che ha trattato il tema dello studio profondo di Atlantide, credeva che igli atlantidei avessero addomesticato i cavalli per primi, per cui sono sempre stati considerati
particolarmente sacri a Poseidone. (Vedi Atlantide.)
Da un’attenta considerazione della descrizione di Platone di Atlantide è evidente che la storia non dovrebbe essere considerata come interamente storica ma piuttosto come allegorica e storica.
Origene, Porfirio, Proclo, Giamblico e Siriano capirono che la storia celava un profondo mistero filosofico, ma non erano d’accordo sull’interpretazione attuale. L’Atlantide di Platone simboleggia la triplice natura sia dell’universo che del corpo umano. I dieci re di Atlantide sono i tetractys, o numeri, che nascono come cinque coppie di opposti. (Consultare Theon of Smyrna per la dottrina pitagorica degli opposti) i numeri da 1 a 10 governano ogni creatura e i numeri, a loro volta, sono sotto il controllo della Monade, o 1 – il più anziano tra loro. Con lo scettro tridente di Poseidone questi re regnavano sugli abitanti delle sette piccole e tre grandi isole che costituivano Atlantide. Filosoficamente, le dieci isole simboleggiano i poteri trini della Divinità Superiore e i sette reggenti che si inchinano davanti al suo trono eterno. Se Atlantide è considerata come la sfera archetipica, allora la sua immersione significa la discesa della coscienza organizzata razionale nell’illusorio, regno impermanente dell’ignoranza irrazionale e mortale. Sia l’affondamento di Atlantide che la storia biblica della “caduta dell’uomo” indica l’involuzione spirituale – un prerequisito indispensabile per l’Evoluzione della coscienza.

O l’iniziato Platone ha usato l’allegoria di Atlantide per raggiungere due fini molto diversi oppure i resoconti conservati dai sacerdoti egizi furono manomessi per perpetuare la dottrina segreta. Ciò non significa implicare che Atlantide sia puramente mitologica, ma
superare l’ostacolo più serio all’accettazione della teoria di Atlantide, vale a dire i racconti fantastici sulla sua origine, dimensione, aspetto e data di distruzione – 9600 a.C. Nel mezzo dell’isola centrale di Atlantide c’era una montagna alta che gettava un’ombra di cinque
mille stadi in estensione e il cui vertice toccava la sfera di æther. Questo è l’asse del mondo, sacro tra molte razze e simbolo della testa umana, che sorge dai quattro elementi del corpo. Questa sacra montagna, sulla cui sommità sorgeva il tempio degli dei, ha dato origine alle storie di Olimpo, Meru e Asgard. La città dalle porte d’oro – la capitale di Atlantide – è la stessa che ora e` conservata tra
numerose religioni come la Città degli Dei o la Città Santa. Ecco l’archetipo della Nuova Gerusalemme, con le sue strade lastricate d’oro e le sue dodici porte che brillano con pietre preziose.

“La storia di Atlantide”, scrive Ignazio Donnelly, “è la chiave della mitologia greca. Non c’è dubbio che questi dei della Grecia fossero esseri umani. La tendenza ad attribuire attributi divini ai grandi governanti terreni è profondamente radicato nella natura umana “.
(Vedi Atlantide.)
Lo stesso autore sostiene i suoi punti di vista osservando che le divinità del pantheon greco non erano considerati come creatori dell’universo, ma piuttosto come reggenti che si sono sovrapposti
ad antichi costruttori. Il giardino dell’Eden da cui l’umanità e` stata allontanata è forse un’allusione al paradiso terrestre apparentemente situato a ovest delle Colonne d’Ercole e distrutto da cataclismi vulcanici. La leggenda del Diluvio potrebbe essere correlata all’inondazione di Atlantide, durante la quale un “mondo” fu distrutto dall’acqua.,
Fu la conoscenza religiosa, filosofica e scientifica posseduta dai sacerdoti dell’antichità e assicurata da Atlantide, la cui inondazione cancellò ogni traccia un dramma del progresso mondiale? Il culto del sole di Atlantide è stato perpetuato nel ritualismo e nel cerimonialismo sia del cristianesimo che del paganesimo. Sia la croce che i serpenti erano emblemi Atlantidei della saggezza divina. I progenitori divini (Atlantidei) dei Maya e i Quiché dell’America Centrale convissero nella radianza verde e azzurra di Gucumatz, il serpente “piumato”. I sei saggi di origine celeste si manifestarono come centri di luce legati insieme o sintetizzati dal settimo e dal capo del loro ordine,
il serpente “piumato”. (Vedi Popol Vuh.) Il titolo di serpente “alato” o “piumato” era applicato a Quetzalcoatl, o Kukulcan, l’iniziato centroamericano. Il centro della Saggezza Atlantidea – Il centro religioso era presumibilmente un grande tempio piramidale in piedi sul fronte di un altopiano che sorgeva nel bel mezzo della città delle porte dorate. Da qui i Primi sacerdoti della Sacra Piuma partirono portando le chiavi della Saggezza Universale alle parti più estreme della Terra.
Le mitologie di molte nazioni contengono resoconti di dei che “sono usciti dal mare”. Alcuni sciamani tra gli indiani americani raccontano di uomini santi vestiti con piume di uccelli e Wampum che si levarono dalle acque blu e li istruirono nelle arti e nei mestieri.
Tra le leggende dei caldei c’è quella di Oannes, una creatura parzialmente anfibia che uscì dal mare e insegnò ai popoli selvaggi lungo la riva a leggere e scrivere, a coltivare erbe guaritive, studiare le stelle, stabilire forme razionali di governo, e gli istruirono sui sacri Misteri. Tra i Maya, Quetzalcoatl, il Dio-Salvatore (che alcuni studiosi cristiani ritengono essere stato Tommaso), emerse dalle acque e, dopo aver civilizzato la popolazione, cavalcò il mare su una magica zattera di serpenti per sfuggire all’ira del feroce dio dello Specchio ardente, Tezcatlipoca. Potrebbe essere che questi esseri celesti di un’età favolosa che, come gli Esdras, uscirono dal mare erano sacerdoti atlantidei? Tutto quello che l’uomo primitivo ricordava degli Atlantidei era la gloria dei loro ornamenti d’oro, la trascendenza della loro saggezza e la santità dei loro simboli – la croce e il serpente. Il fatto che arrivarono con barche fu presto dimenticato, dalle menti non istruite considerandole come mezzi di trasporto sovrannaturali. Ovunque gli Atlantidei fecero proseliti e costruirono piramidi e templi modellati sul grande santuario nella Città delle porte d’oro. Tale è l’origine delle piramidi di Egitto, Messico e America Centrale. I tumuli in Normandia e in Gran Bretagna, così come quelli americani
Indiani, sono i resti di una cultura simile. Nel bel mezzo del programma di colonizzazione e conversione mondiale di Atlantide, iniziarono i cataclismi che affondarono Atlantide. I sacerdoti della Sacra Piuma che promisero di tornare ai loro insediamenti missionari
non ci ritornarono mai; e dopo il declino dei secoli la tradizione ha conservato solo un fantastico resoconto di dei che provenivano da un posto dove ora c’è il mare.

H. P. Blavatsky riassume così le cause che hanno fatto precipitare il disastro di Atlantide: “Sotto le malvagie insinuazioni del loro demone, Thevetat, la razza di Atlantide divenne una nazionedi maghi malvagi. In conseguenza di ciò, fu dichiarata la guerra, la cui storia sarebbe stata troppo lunga da narrare; la sua sostanza può essere trovata nelle allegorie della razza di Caino, i giganti, e in quella di Noè e della sua famiglia retta. Il conflitto è arrivato al cukmine con l’immersione dell’Atlantide; che trova la sua imitazione nelle storie dell’inondazione di Babilonia: i giganti e i maghi e tutte le carni morirono. Tutti tranne Xisuthrus e Noah, che sono sostanzialmente identici al grande Padre dei Thlinkithiani nel Popol Vuh, o il libro sacro dei Guatemaltechi, che dice anche della sua fuga in una grande barca, come il Noè indù- Vaiswasvata. “(Vedi Iside Svelata.)
Dagli Atlantidei il mondo ha ricevuto non solo il patrimonio di arti e mestieri, filosofie e scienze, etica e religioni, ma anche il retaggio di odio, conflitto e perversione. Gli Atlantidei istigarono la prima guerra; e si disse che tutte le guerre successive furono combattute in uno sforzo infruttuoso per giustificare la prima. Prima che Atlantide affondasse, i suoi Iniziati spiritualmente illuminati, che si resero conto che la loro terra era condannata perché si era allontanata dal Sentiero della Luce, si ritirarono dallo sfortunato continente. Portando con loro la sacra e segreta dottrina.
Questi Atlantidei si stabilirono in Egitto, dove divennero i suoi primi sovrani “divini”. Quasi tutti i grandi miti cosmologici che costituiscono il fondamento dei vari libri sacri del mondo sono basati sui rituali del mistero di Atlantide.

IL MITO DEL DIO MORENTE

Il mito di Tammuz e Ishtar è uno dei primi esempi dell’allegoria del dio morente, probabilmente precedente al 4000 a. C. (Vedi Babilonia e Assiria di Lewis Spence). Lo stato imperfetto delle tavolette su cui sono incise le leggende rende impossibile assicurare più di un racconto frammentario dei riti di Tammuz. Essendo il dio esoterico del sole, Tammuz non occupò una posizione tra le prime divinità
venerate dai Babilonesi, che per mancanza di conoscenza più profonda lo consideravano come un dio dell’agricoltura o spirito della vegetazione. Originariamente era descritto come uno dei
guardiani delle porte degli inferi. Come molti altri Dei-Salvatori, viene chiamato “pastore” . Tammuz occupa la notevole posizione di figlio e marito di Ishtar, la dea madre babilonese e assira. Ishtar – era la divinità più venerata del mondo. Nel Pantheon babilonese e assiro. probabilmente era identica a Ashterorh, Astarte, e Afrodite. La storia della sua discesa negli inferi in cerca presumibilmente dell’elisir sacro che da solo potrebbe riportare in vita Tammuz è la chiave del suo rituale nei Misteri. Tammuz, il cui festival annuale aveva avuto luogo poco prima del solstizio d’estate, morì in piena estate nel mese antico che portava il suo nome, e fu pianto con elaborate cerimonie. E` sconosciuto come sia morto, ma alcune delle accuse fatte contro Ishtar da Izdubar (Nimrod) indicherebbero che lei, almeno indirettamente, aveva contribuito alla sua scomparsa. La resurrezione di Tammuz è stata l’occasione per grandi gioie, in quel momento fu salutato come un “redentore” del suo popolo. Con le ali spiegate, Ishtar, la figlia di Sin (la Luna), spinge verso il basso le porte della morte. La casa delle tenebre – la dimora del dio Irkalla – è descritta come “il luogo del non ritorno”. È senza luce; il nutrimento di coloro che vi dimorano è
la polvere e il loro cibo e` il fango. Oltre i bulloni sulla porta della casa di Irkalla è sparpagliata la polvere, e i custodi della casa sono coperti di piume come uccelli. Ishtar chiede che i custodi aprano i cancelli, dichiarando che se non lo avessero fatto avrebbe frantumato gli stipiti
colpito i cardini e sguinzagliato i divoratori dei vivi. I guardiani delle porte imploralarono che fosse paziente andando dalla regina dell’Ade, dalla quale si assicurarono il permesso di ammettere Ishtar, ma solo nello stesso modo in cui tutti gli altri sono venuti in questo squallore di Casa. Ishtar scende quindi attraverso le sette porte che conducono verso il basso nelle profondità degli inferi. Al primo cancello la grande corona viene rimossa dalla sua testa, alla seconda porta gli orecchini, alla terza porta la collana, alla quarta porta gli ornamenti che portava al petto, alla quinta porta la cintura che portava alla vita, alla sesta porta i braccialetti delle mani e dei piedi, e alla settima porta il
mantello che porta. Ishtar si lamenta ogni volta che le viene tolto un indumento, il guardiano le dice che questa è l’esperienza di tutti coloro che entrano nel mondo oscuro della morte. Infuriata nel vedere Ishtar, la Signora dell’Ade infligge su di lei ogni sorta di malattia e la imprigiona negli inferi. Poiché Ishtar rappresenta lo spirito della fertilità, la sua scomparsa impedisce la maturazione delle colture e
la maturazione di tutta la vita sulla terra. In questo senso la storia è parallela alla leggenda di Persefone. Gli dei, rendendosi conto che la perdita di Ishtar sta disorganizzando tutta la natura, inviano un messaggero agli inferi e chiedendone la liberazione. La Signora dell’Ade è costretta a rispettare e l’acqua della vita è versata
sopra Ishtar. Così curata dalle infermità che le sono state inflitte, si ritira verso l’alto attraverso le sette porte, a ciascuna delle quali viene reinvestita con l’articolo di abbigliamento che i guardiani avevano rimosso. (Vedi The Chaldean Account of Genesis.) Nessun registro
esiste sul fatto che Ishtar abbia ottenuto l’acqua della vita che avrebbe operato la risurrezione di Tammuz.
Il mito di Ishtar simboleggia la discesa dello spirito umano attraverso i sette mondi, o sfere dei pianeti sacri, fino alla fine, privato dei suoi ornamenti spirituali, esso si incarna nel corpo fisico – Ade – dove l’amante di quel corpo ammassa ogni forma di dolore e sofferenza sulla coscienza imprigionata. Le acque della vita: la dottrina segreta: cura le malattie dell’ignoranza; e lo spirito alla sua fonte originale, ritrovando i suoi ornamenti dati da Dio mentre passa attraverso gli anelli dei pianeti. Un altro rituale Misterico tra i Babilonesi e gli Assiri era quello di Merodach e il drago. Merodach, il creatore dell’universo inferiore, uccide un orribile mostro e dal suo corpo forma l’universo. Ecco la probabile fonte della cosiddetta allegoria cristiana di San Giorgio e il Drago. I Misteri di Adone, o Adoni, venivano celebrati ogni anno in molte parti dell’Egitto, Fenicia e Biblos. Il nome Adone, o Adoni, significa “Signore” ed era una designazione applicata al sole e in seguito presa in prestito dagli ebrei come nome exoterico del loro Dio. Smyrna, madre di Adone, fu trasformata in un albero dagli dei e dopo un po ‘la corteccia si spalancò e il piccolo Salvatore uscì. Secondo un resoconto, fu liberato da un cinghiale che divise il legno dell’albero materno con le sue zanne. Adone è nato alla mezzanotte del 24 dicembre, e attraverso la sua infelice morte c’era un rito misterioso che ha garantito la salvezza al suo popolo. Nel mese ebraico di Tammuz (un altro nome per questa divinità) fu ucciso da un cinghiale mandato dal dio (Marte). L’Adoniasmo era la cerimonia di lamento per la morte prematura del dio assassinato.
In Ezechiele 8 14, è scritto che le donne stavano piangendo per Tammuz (Adone) alla porta nord della Casa del Signore a Gerusalemme. Sir James George Frazer cita Jerome così:
“Ci dice che Betlemme, il luogo di nascita tradizionale del Signore, è stata ombreggiata da quel signore siriano ancora più anziano, Adone, e quello in cui il bambino Gesù aveva pianto, l’amante di Venere si è lamentato. “(Vedi The Golden Bough.) L’effige di un cinghiale si dice che sia stata posta sopra una delle porte di Gerusalemme in onore di Adone e i suoi riti erano celebrati nella grotta della Natività a Betlemme. Adonis il dio uomo è una delle chiavi per l’uso del “cinghiale” da parte di Sir Francis Bacon nel suo criptico
simbolismo.
Adonis era originariamente una divinità androgina che rappresentava l’energia solare che conteneva l’inverno il quale fu distrutto dal malvagio principio del freddo: il cinghiale. Dopo tre giorni
(mesi) nella tomba, Adone è salito trionfante il 25 marzo, nel mezzo dell’acclamazione dei suoi sacerdoti e seguaci, “È risorto!” Adone è nato da un albero di mirra. La mirra, il simbolo della morte a causa della sua connessione con il processo di imbalsamazione, era uno dei doni portati dai tre Magi alla mangiatoia di Gesù. Nei Misteri di Adone il neofita passò attraverso la morte simbolica del dio
e, “sollevato” dai sacerdoti, entra nel benedetto stato di redenzione reso possibile dalle sofferenze di Adone. Quasi tutti gli autori ritengono che Adone sia stato originariamente un dio della vegetazione direttamente connesso con la crescita e la maturazione dei fiori e frutti. A sostegno di questo punto di vista descrivono “giardini di Adone”, che erano piccoli cesti di terra in cui i semi venivano piantati e nutriti per un periodo di otto giorni. Quando quelle piante morivano prematuramente per mancanza di terra sufficiente, cio` fu considerato emblematico degli Adoni assassinati che di solito erano gettati in mare con immagini del dio.

IL GRANDE PAN DI DIO.
Da OEdipus Kirgyptiacus di Kircher.
Il grande Pan fu celebrato come autore e direttore delle danze sacre che sarebbero state istituite per simboleggiare le circumambulazioni dei corpi celesti. Pan era una creatura composita, la parte superiore – con l’eccezione delle sue corna – essere umano, e la parte inferiore nella forma di una capra. Pan è il prototipo di energia naturale e, senza dubbio una divinità fallica, non dovrebbe essere confuso con
Priapo. Il flauto di Pan significa l’armonia naturale delle sfere, e il dio stesso è un simbolo di Saturno perché questo pianeta è in trono in Capricorno, il cui emblema è una capra. Gli egiziani furono iniziati
nei Misteri di Pan, che era considerata una fase di Giove, il Demiurgo. Pan rappresentava l’impregnante potere del sole ed era il capo di un’orda di divinità contadine, e satiri. Simboleggiava anche il
controllo dello spirito dei mondi inferiori.

In Frigia esisteva una notevole scuola di filosofia religiosa centrata
intorno alla vita e al destino intempestivo di un altro Salvatore – Dio conosciuto come Atys, o Attis, da molti considerato sinonimo di Adone. Questa divinità è nata a mezzanotte del 24 ° giorno di Dicembre. Della sua morte ci sono due account. In uno fu ucciso come Adone; nell’altro si è castrato sotto un pino e lì è morto. Il suo corpo è stato messo in una grotta dalla Grande Madre (Cibele), dove rimase attraverso i secoli senza decomporre. Ai riti di Atys il mondo moderno è debitore per il simbolismo dell’Albero di Natale. Atys impartì la sua immortalità all’albero sotto il quale morì, e
Cibele prese l’albero con sé quando rimosse il corpo. Atys è rimasto tre giorni nella tomba, sorse ad una data corrispondente al mattino di Pasqua, e da questa risurrezione ha vinto la morte per tutti coloro che sono stati iniziati nei suoi Misteri. “Nei Misteri dei Frigi”, dice Giulio Firmico, “che sono chiamati quelli della MADRE DEGLI DEI, ogni anno un pino è abbattuto e all’interno dell’albero viene legata all’immagine di un albero Nei Misteri di Iside il tronco di un ALBERO DI PINO
è tagliato: il centro del tronco è ben scavato; l’idolo di Osiride fatto da quei pezzi venne seppellito. Nei Misteri di Proserpina viene tagliato un albero  modellando una effigie a forma di VERGINE, e quando venne portata dentro la città viene pianta per 40 notti, ma la quarantesima notte viene BRUCIATA! “(Vedi Sod, i misteri di Adoni.)
I Misteri di Atys includevano un pasto sacramentale durante il quale il neofita mangia da un tamburo e beve da un piatto. Dopo essere stato battezzato dal sangue di un toro, il nuovo iniziato viene nutrito interamente con latte per simboleggiare che era ancora un bambino filosoficamente parlando, essendo recentemente uscito dalla sfera della materialità e nato nella spiritualita`. (Vedi Frazer’s The Golden
Bough.) Esiste una possibile connessione tra questa dieta lattea prescritta dal rito e una allusione a San Paolo? Sallusto dà una chiave all’interpretazione esoterica dei riti attici. Cibele, la Grande Madre, significa il potere vivificante dell’universo e Atys quell’aspetto dell’intelletto spirituale che è sospeso tra la sfera divina e quella animale. La madre degli dei, amava Atys, gli diede un cappello stellato, che indicava i poteri celesti, ma Atys (l’umanità), innamorandosi
di una ninfa (simbolica delle propensioni animali inferiori), ha perso la sua divinità e ha perso i suoi poteri creativi. È quindi evidente che Atys rappresenta la coscienza umana e che i suoi Misteri si occupano del recupero del cappello stellato. (Vedi Sallustio su gli dei e il mondo).
I riti di Sabazio erano molto simili a quelli di Bacco e generalmente si crede che le due divinità sono identiche. Bacco nacque a Sabazio, o Sabaoth, e questi nomi sono spesso assegnati a lui. I misteri sabaziani sono stati eseguiti di notte e il rituale includeva il disegno di un serpente vivo attraverso il petto del candidato. Scrive Clemente di Alessandria: “Il segno dei Misteri Sabaziani agli iniziati è “la divinità scivola sul petto”. Un serpente d’oro era il simbolo di Sabazio perché
questa divinità rappresentava il rinnovamento annuale del mondo da parte dell’energia solare. Gli ebrei presero in prestito il nome Sabaoth da questi Misteri e lo adottarono come uno dei nomi del loro Dio supremo. Durante il tempo i Misteri Sabaziani vennero celebrati a Roma, il culto ha conquistato molti devoti e in seguito ha influenzato il simbolismo del Cristianesimo. I Misteri Cabirici di Samotracia erano famosi tra gli antichi, essendo accanto agli Eleusini come importanza. Erodoto dichiara che i Samotraci ricevettero le loro dottrine, specialmente quelle riguardanti Mercurio, dai Pelasgi. Si sa poco
riguardo ai rituali Cabirici, perché erano avvolti nel più profondo segreto. Alcuni considerano i Cabiri come sette e si riferiscono a loro come “ai sette spiriti del fuoco” davanti al trono di Saturno “. Altri credono che i Cabiri siano i sette sacri vagabondi, in seguito chiamati pianeti. Mentre un vasto numero di divinità è associato ai Misteri di Samotracia, il dramma rituale ruota intorno a quattro fratelli. I primi tre – Aschieros, Achiochersus, e Achiochersa – attaccano e uccidono il quarto – Cashmala (o Cadmillus). Dionysidorus, tuttavia, identifica Aschieros con Demetra, Achiochersus con Plutone, Achiochersa con
Persefone e Cashmala con Ermes. Alexander Wilder nota che nel
Rituale samotraciano “Cadmillus nella sua figura include il dio serpente tebano, Cadmo, il Thoth Egiziano, ‘Hermes Greco, e Emeph o Æsculapio di Alessandrini e fenici “Ancora una volta è una ripetizione della storia di Osiride, Bacco, Adone, Balder e Hiram Abiff. Erano coinvolti anche il culto di Atys e Cibele nei misteri di Samotracia. Nei rituali del Cabiri esisteva il culto dell’albero del pino, questo albero, sacro agli Atys, fu dapprima ritagliato nella forma di una croce e poi
abbattuto in onore del dio assassinato il cui corpo fu scoperto sotto l’albero.
“Se desideri ispezionare le orge dei Coribanti”, scrive Clement, “Allora sappi che, avendo ucciso il loro terzo fratello, coprirono la testa del cadavere con una stoffa color porpora, la incoronarono, la portarono sulla punta di una lancia, e la seppellirono sotto le radici ddell’Olimpo. Questi misteri sono, in breve, omicidi e funerali. [Questo prete Ante-Niceno nei suoi sforzi per diffamare i riti pagani sembra ignorare il fatto che, come il martire Cabiriano, Gesù Cristo fu brutalmente tradito, torturato e infine assassinato!] E i sacerdoti di questi riti, che sono chiamati re dei riti sacri conferiscono una ulteriore stranezza al tragico evento, vietando il prezzemolo con le radici al tavolo, perché pensavano che il prezzemolo fosse cresciuto dal Sangue corofanico che scorreva via; proprio come le donne, nel celebrare la Thcsmophoria, astenersi dal mangiare i semi del melograno, che sono caduti a terra, dall’idea che i melograni nascessero dalle gocce del sangue di Dioniso. I coribanti lo chiamavano Cabirico; e la cerimonia stessa annuncia il mistero Cabirico.”

I Misteri dei Cabiri erano divisi in tre gradi, il primo dei quali celebrava
la morte di Cashmala, per mano dei suoi tre fratelli; il secondo, la scoperta del suo corpo mutilato, le cui parti erano state trovate e raccolte dopo molto lavoro; e il terzo – accompagnato da grande gioia e allegria – la sua risurrezione e la conseguente salvezza del mondo. Il tempio del Cabiri a Samotracia conteneva un numero di divinità curiose, molte di loro creature deformi che rappresentavano i poteri elementali della natura, forse i titani bacchici. I bambini furono iniziati al culto cabiriano con la stessa dignità degli adulti, e i criminali che raggiungevano il santuario erano al sicuro da ogni tipo di inseguimento. I riti di Samotracia erano particolarmente interessati alla navigazione, il Dioscuri – Castore e Polluce, o gli dei della navigazione – erano tra quelli propiziati dai membri di quel culto. La spedizione Argonautica, ascoltando il consiglio di Orfeo, si ferma sull’isola di Samotracia allo scopo di far iniziare i suoi membri ai riti cabirici.
Erodoto riferisce che quando Cambise entrò nel tempio dei Cabiri non fu in grado di trattenere la sua allegria nel vedere davanti a sé la figura di un uomo in piedi e di fronte l’uomo, la figura di una donna in piedi sulla sua testa. Se ne fosse accorto Cambise con i principi dell’astronomia divina, si sarebbe reso conto che era allora alla presenza della chiave per l’equilibrio universale. “‘Chiedo’, dice Voltaire, ‘chi erano questi Ierofanti, questi massoni sacri, che celebravano i loro antichi misteri di Samotracia, e da dove venivano loro e i  Cabiri? ‘”(Vedi Encyclopædia della Massoneria di Mackey). Clemente parla dei Misteri dei Cabiri come “il sacro mistero di un fratello ucciso dai suoi fratelli “e” la morte di Cabirico “era uno dei
simboli segreti dell’antichità. Quindi l’allegoria del Sé assassinato dal non-sé è perpetuato attraverso il misticismo religioso di tutti i popoli. La morte filosofica e la risurrezione filosofica sono rispettivamente il Mistero Minore e il Mistero Maggiore.

Un aspetto curioso del mito del dio morente è quello dell’Appeso. Il più importante esempio di questa peculiare concezione si trova nei rituali Odinici in cui Odino si appende per nove notti dai rami dell’Albero del Mondo e nella stessa occasione trafigge anche il suo fianco con la lancia sacra. Come risultato di questo grande sacrificio, Odino, mentre sospeso sopra le profondità di Nifl-Heim, scopre meditando le rune o alfabeti con i quali sono stati conservati gli archivi del suo popolo. A causa di questa esperienza notevole, a volte Odino viene mostrato seduto su un albero usato per le impiccagioni e diventa la divinità protettrice di tutti coloro che sono morti a causa del cappio. Esotericamente, l’Appeso è l’umano spirito che è sospeso dal cielo con un solo filo. La saggezza, non la morte, è la ricompensa per questo sacrificio volontario durante il quale l’anima umana, sospesa sopra il mondo dell’illusione, e meditando sulla sua irrealtà, è ricompensata dal raggiungimento della realizzazione personale.
Da una considerazione di tutti questi rituali antichi e segreti diventa evidente che il mistero del dio morente era universale tra i collegi illuminati e venerato universalmente. Questo mistero è stato perpetuato nel cristianesimo nella crocifissione e morte del Dio-uomo-Gesù il Cristo. Il fatto che questa tragedia mondiale e
il Martire universale siano stati segretamente trasferiti nella religione cristiana dovra` essere riscoperto se il cristianesimo vuole raggiungere le altezze raggiunte dai pagani ai tempi della loro supremazia filosofica. Il mito del dio morente è la chiave per la redenzione e la rigenerazione sia universale che individuale, e coloro che non comprendno la vera natura di questa suprema allegoria non si dovrebbero considerare saggi e neppure religiosi.

Tratto da: https://neovitruvian.wordpress.com/2018/11/08/gli-insegnamenti-segreti-di-tutte-le-ere-atlantide-e-gli-dei-antichi/