Controinformazione

Guerra in Europa: la Norvegia ha paura di un conflitto tra Russia e Occidente

Il ministro della Difesa norvegese ha parlato della guerra in Europa
di Rafael Fakhrutdinov 
La guerra in Europa non è più inimmaginabile – la situazione internazionale è abbastanza favorevole a questo evento, ha detto il ministro della difesa norvegese Frank Bakke-Jensen.
 Un giorno prima, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha espresso la fiducia che le guerre, da cui traggono vantaggio altri paesi, si concluderanno presto.

Il ministro della Difesa norvegese Frank Bakke-Jensen, nel suo discorso annuale alla Società militare di Oslo, ha annunciato la possibilità dello scoppio di una guerra in Europa.

“Gli eventi in corso indicano che un conflitto armato tra stati in Europa non è più impensabile”, hanno detto i militari.

Ha anche toccato il punto di vista di Oslo sulle azioni di un certo numero di stati.

“La Russia non è un rivale globale per gli Stati Uniti e l’Occidente. Ma l’obiettivo della Russia è distruggere e minare l’unità dell’Occidente e la cooperazione internazionale in un certo numero di settori. La Cina sfida anche la posizione degli Stati Uniti su scala globale “, ha detto il ministro della difesa norvegese .

La prima edizione di The Washington Free Beacon ha portato estratti del rapporto del Pentagono , in cui si afferma che il sistema logistico militare statunitense non è adatto allo scontro con la Russia e la Cina.

Il Pentagono ritiene che il sistema logistico di importanza strategica per lo spostamento delle truppe USA, delle armi americane e delle forniture a lunga distanza sia obsoleto e necessiti di una rapida modernizzazione. Questo è necessario per essere pronti a qualsiasi potenziale conflitto militare con la Cina o la Russia, afferma il rapporto.

Tra le ragioni, gli autori del documento indicano una mancanza di attenzione al problema da parte dei funzionari e il sottofinanziamento a lungo termine. Le reti militari e commerciali sono minacciate, secondo la documentazione pubblicato. Inoltre, i sistemi logistici devono essere protetti dai potenziali attacchi informatici nemici, è annotato nel testo.

Gli autori del lavoro analitico avvertono che la preparazione al combattimento degli Stati Uniti negli ultimi decenni è “fortemente indebolita” a causa di tagli di bilancio, priorità di finanziamento non coordinate e mancanza di incentivi per proteggere la base dell’industria della difesa.

Un giorno prima, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel suo twitter, ha espresso la convinzione che le guerre di cui beneficiano altri paesi presto finiranno.

“Le Guerre senza fine, specialmente quelle che sono state scatenate a causa dei nostri errori di giudizio molti anni fa, e quelle in cui riceviamo poca assistenza finanziaria o militare dai paesi ricchi che traggono grande beneficio dalle nostre azioni, presto avranno una fine gloriosa!” – ha scritto il capo della Casa Bianca.

Alla fine dello scorso anno, il progettista generale dell’Istituto di ingegneria termica di Mosca , che ha sviluppato i missili strategici Pioneer (distrutti dal trattato INF) e Topol, Yuri Solomonov ha affermato che la Russia “garantita” non lascerebbe impunito un attacco nucleare sul suo territorio.

“Ci sono molti mezzi esistenti (la Russia li ha. -” Gazeta.Ru “), che sono garantiti per escludere l’impunità di un attacco nucleare su di noi e rendere impossibile distruggerli tutti in una volta. Chiunque habbia condotto tale attacco. Cioè, l’attacco di rappresaglia sarà comunque inevitabile “, ha dichiarato il ministro norvegese.

Sulla questione se la Russia abbia i mezzi per un attacco nucleare di rappresaglia, oltre al sistema perimetrale, che negli Stati Uniti è chiamato la mano morta (ingl. – “mano morta”), Solomon ha detto che ci sono molti mezzi “che non si potrà garantire che sarebbero distrutti in un attacco, in virtù delle loro caratteristiche. “

Jensen ha anche attirato l’attenzione sul fatto che l’efficacia del sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti oggi è molto inferiore a quella della Russia: Mosca è stata davanti a Washington da 10-15 anni nello sviluppo di una “arma di rappresaglia”, riferisce FAN .

La Germania si è opposta allo spiegamento di missili americani in Europa

Sulla installazione in europa di testate nucleari a medio raggio, Il capo del ministero degli Esteri tedesco Heiko Maas ha affermato che le autorità della Germania non saranno soddisfatte di tali misure se gli Stati Uniti si ritirino dal trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio (INF).

“In nessun caso l’Europa dovrebbe diventare una piattaforma per un dibattito sull’accumulo di armi. Lo decisione dello spiegamento di missili a medio raggio potrebbe affrontare una grande resistenza in Germania “, ha detto il diplomatico.

Ha anche sottolineato che tali azioni non risolveranno i problemi moderni e, al contrario, non potranno che aggravare la situazione con le armi nucleari, riferisce NSN .

“Aumentare le armi nucleari sarebbe una risposta completamente sbagliata”, ha detto il ministro. “Le politiche degli anni ’80 non aiuteranno a rispondere alle domande di oggi”.

I politici russi hanno ripetutamente espresso il loro timore che gli Stati Uniti possano piazzare i propri missili in Europa. Questo, in particolare, è stato annunciato il 21 dicembre dal segretario stampa del presidente della Russia Dmitry Peskov . Ha avvertito che con un tale sviluppo, Mosca prenderebbe le basi delle armi americane in Europa sotto i riflettori.

Fonte: Gazeta.Ru

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione

IN EVIDENZA