Vaccini

Human Vaccine Project

Marcello Pamio

Lo «Human Vaccine Project» sta prendendo forma, ma la Legge 119 non basta.
La Legge Lorenzin è stata l’inizio, la pietra miliare del Progetto ma ora è arrivato il momento di andare oltre…

Human Vaccine Project & Global Health Security Agenda
Rivediamo alcuni passaggi epocali che sono sfuggiti alla maggior parte delle persone.
Nel febbraio 2014 a Jolla in California, 35 scienziati di tutto il mondo, del settore pubblico e privato si sono riuniti per discutere della creazione del Human Vaccine Project e dei principali ostacoli scientifici che impediscono lo sviluppo di nuovi vaccini. Vaccini per tutti ovviamente!
I partecipanti hanno approvato all’unanimità la visione e missione di Human Vaccine Project, come potenzialmente trasformativo per la salute umana globale, e hanno chiesto uno sforzo decennale da 1 miliardo di dollari per decodificare il sistema immunitario umano.
Inizialmente tale progetto era incubato dall’«International Vaccines Initiative» (IAVI) con il finanziamento della Robert Wood Johnson Foundation, poi grazie al numero sempre crescente di collaborazioni, l’HVP è diventata un’organizzazione globale no-profit indipendente, con la missione di favorire lo sviluppo di vaccini e immunoterapie contro le principali malattie infettive globali e tumori.
Collaborano al Progetto le Fondazioni «Robert Wood Johnson Foundation» e «John D. e Catherine T. MacArthur»; università e centri accademici come «Centro medico universitario Vanderbilt», «J. Craig Venter Institute», «Istituto La Jolla», «The Scripps Research Institute», «UC San Diego». Organizzazioni e aziende del calibro di: «Telethon Kids Institute», Aeras, GSK, J & J, MedImmune, Pfizer, Regeneron, Sanofi PasteurBoehringer Ingelheim, Janssen, MedImmune, Moderna.[1]
Insomma la crème della ricerca e produzione vaccinale mondiale.

Casualmente, nello stesso mese di febbraio 2014 nasce anche il GHSA (Global Health Security Agenda), l’Agenda globale con lo scopo ufficiale di «far avanzare un mondo sicuro e protetto dalle minacce delle malattie infettive». A giugno il G7 lo approva e lo riconosce ufficialmente!
Il GHSA vorrebbe inglobare entro il 2024 oltre 100 paesi, tra cui l’Italia, che saranno «sottoposti a pianificazione e mobilitazione delle risorse per colmare le lacune» sulla sicurezza sanitaria.
La missione è «vaccinare 4 miliardi di persone in almeno 30 paesi»!
A settembre dello stesso anno, il ministro Beatrice Lorenzin con il direttore dell’AIFA Sergio Pecorelli, vengono chiamati a Washington per ricevere l’ordine di usare la popolazione italiana come cavie da esperimento. L’Italia non a caso è diventata la prima nazione al mondo a dirigere le linee guida vaccinali per 5 anni, e la prima a sperimentare 10 + 4 vaccini sui bambini. Tutto il resto è storia.
Ma la storia sta andando troppo a rilento, perché il Progetto impone la vaccinazione di massa non solo dei bambini, ma di tutti!
Bisogna accelerare…

Epidemie inventate
Non passa giorno che i media allineati non pubblichino articoli a caratteri cubitali su epidemie, morti per infezioni, ecc.
L’ultima in ordine cronologico è l’epidemia mediatica di morbillo a Bari, ufficialmente causata da una bambina di 8 anni non vaccinata. Per i pennivendoli 8 infezioni equivalgono a una epidemia!
Va precisato intanto che la bambina non è proprio no-vax visto che aveva fatto l’esavalente, e poi era arrivata all’ospedale pediatrico con il morbillo, scambiato dai medici per mononucleosi. L’ospedale lo ha scoperto solo tre giorni dopo averla rimandata a casa…
Queste armi di “distrazione e terrore di massa” sono per loro linfa vitale: strumentalizzando un evento per inoculare il virus della paura e creando il panico tra la popolazione.
Contemporaneamente lavorano su più versanti, ecco come

Carcere per i novax
Un parlamentare di Forza Italia, un certo Roberto Novelli (nome omen) dichiara pubblicamente che «le sanzioni pecuniarie non bastano, in taluni casi si è di fronte a contagi colposi per cui devono essere previste sanzioni penali»…
Annuncia che presenterà «una proposta di legge per introdurre questa fattispecie di reato».
Finalmente potranno svuotare le carceri da extracomunitari che stuprano e poi massacrano ragazzine, per riempirle con i nuovi criminali: genitori no-vax da una parte e infermieri, medici e primari ospedalieri dall’altra che non si vaccinano mettendo a rischio la vita di migliaia di persone. Il numero infatti di morti causate da infezioni prese in ospedale viaggia tra i 7 e i 10.000 ogni anno

Ricciardi e il Dpr 355/99
Secondo il presidente dell’ISS Walter Ricciardi è un grave errore permettere agli untori di accedere all’istruzione! Avete capito?
Secondo lui, la madre di tutte le zoccole è il Dpr 355 del 1999, e quel decreto che ha abrogato l’obbligo di iscrizione a scuola con il certificato di vaccinazione. Da quell’anno infatti tutti i bambini non vaccinati hanno potuto iscriversi a scuola senza tanti problemi.
Questa è una bomba, non certo microbiologica, perché secondo Ricciardi – in barba ai Diritti universali inalienabili – dovrebbero impedire ai bambini non vaccinati l’accesso alla scuola dell’obbligo. Oggi l’impedimento riguarda la fascia 0-6 anni, ma lo scopo di Ricciardi è aprire la strada allo sbarramento anche nella scuola dell’obbligo…

Cartelloni Ordine dei medici di Como
L’ordine dei medici (foto di copertina), violentando il Codice Dentologico, ha finanziato con i soldi dei propri soci, una campagna mediatica vergognosa che inneggia alla discriminazione.
Mi pare che l’Ars Medicandi, cioè l’Arte Medica, dovrebbe essere deputata alla prevenzione e cura delle sofferenze, non a istigare odio e divisioni.

Bastone e carotina: incentivi e rinforzi
Per coloro che sono ancora in dubbio se farli o meno, arriva finalmente il «rinforzo positivo»: incentivi per chi si vaccinerà!
L’obiettivo – secondo il consulente del ministro Giulia GrilloVittorio De Micheli – è vaccinare 800.000 giovani sopra i 16 anni. E sapete come? Semplice: facilitazione all’accesso ai concorsi pubblici o universitari, per fare un solo esempio.
Passeremo dalla meritocrazia alla vaccinocrazia. All’università per prendere un 30, la discriminante non sarà la preparazione o la simpatia, ma il libretto vaccinale in regola.
E se non dovesse andare bene, ci si dovrà accontentare di un 18 politico…

Ddl 770 e l’obbligo flessibile
In tutto questo marasma mancava all’appello il ddl 770 (al vaglio della commissione Igiene e Sanità). Con questo colpo di scena, vogliono introdurre obblighi OGNI qualvolta LORO lo ritengano necessario, e questo in base a scostamenti delle coperture che LORO hanno preventivato. Se oggi è il morbillo, domani potrebbe essere l’influenza e dopodomani l’Hpv, e poi qualsiasi altra malattia, o per meglio dire, qualsiasi malattia per la quale esiste un vaccino.
Inoltre sempre nel ddl a chi non ottempera gli obblighi potranno essere comminate sanzioni di volta in volta (una multa per esempio per l’antipapilloma virus, una per l’antimorbillo, ecc.), e potranno sospendere anche la frequenza scolastica.

Tutto l’ambaradan politico-industriale sta spingendo verso il trattamento sanitario obbligatorio, di tutti.
Il governo del cambiamento ha cambiato solo vestitino, ma il cadavere all’interno è sempre in stato avanzato di putrefazione.
Pur di realizzare lo Human Vaccine Project sono pronti a togliere l’istruzione, la scuola, il lavoro, la dignità delle persone.
Loro questa ultima l’hanno perduta da tanto tempo…

[1] https://www.humanvaccinesproject.org/about-us/partners/

via Disinformazione