Controinformazione

Il doppio standard di Washington nel sostenere i dittatori e regimi canaglia

Dichiarazione di Mike Pompeo: gli Stati Uniti progettano di cambiare potere in Nicaragua e Cuba.

l capo del Dipartimento di Stato americano ha detto che a Cuba e in Nicaragua, gli Stati Uniti intendono agire allo stesso modo del Venezuela.

“Spero che in ognuno di questi paesi i cittadini capiscano che il giogo dell’autoritarismo che è stato loro imposto non è necessario”, ha affermato Pompeo. La sua intervista con la televisione latinoamericana Telemundo è pubblicata sul sito web del Dipartimento di Stato. Ha aggiunto : Il popolo americano li sosterrà nel cambiare il loro governo.

Tuttavia, il desiderio di ottenere un cambiamento dall’esterno nei regimi indesiderabili (per Washington) può portare a risultati opposti, come ha affermato Galen Carpenter, uno dei più importanti ricercatori del think tank libertario, “Cato Institute”, commentatore politico delle principali pubblicazioni americane.

Nel suo libro “La superpotenza credulona. Il sostegno degli Stati Uniti alle pseudo-democrazie in tutto il mondo “(superpotenza credulona: supporto degli Stati Uniti per i movimenti democratici stranieri, Bogus), che è stato pubblicato negli Stati Uniti a metà febbraio, Carpenter ricorda la” Reagan Doctrine “- politica estera americana, che doveva sostenere vari movimenti antisovietici di natura radicale attraverso il mondo e in America Latina in particolare.

È noto che Reagan stesso, nelle sue opinioni, si basava sulle idee del noto pubblicitario Gene Kirpatrik – l’autore dell’acclamato articolo “Dittature e doppi standard”. Parlava della necessità di sostenere le dittature di destra per contrastare i regimi filo-sovietici.

Anche se poi questa idea non era nuova. La frase è ben nota tra la gente, presumibilmente esternata dal presidente Franklin Roosevelt nel 1939 sul dittatore nicaraguense e anticomunista Anastasio Somos García:

“Somoza potrebbe essere un figlio di puttana, ma questo è il nostro figlio di puttana.”

Nonostante molti dei movimenti antisovietici si definissero “democratici e combattenti per la libertà”, in realtà erano completamente diversi: organizzazioni di destra e talvolta di sinistra i cui interessi non potevano che coincidere con gli obiettivi a lungo termine degli Stati Uniti, scrive Carpenter.

“I cosiddetti combattenti per la libertà non erano sostenitori della libertà e della democrazia, anche se consideriamo questi concetti in senso lato. I gruppi ribelli anti-sovietici e anticomunisti erano una raccolta eterogenea di figure autoritarie laiche, fanatici religiosi e psicopatici con alcune intercapedini di democratici di stampo occidentale “, scrive Carpenter nel suo libro.

Oltre ai tempi della “guerra fredda”, l’autore tocca anche la situazione attuale, quando Washington appoggiava i militanti dell’esercito kosovaro che combattevano per l’indipendenza da Belgrado e i ribelli radicali in Libia che dovevano rovesciare il leader autoritario di questo paese, Muammar Gheddafi .

“Nell’ultimo mezzo secolo, un certo numero di gruppi ribelli stranieri sono stati in grado di manipolare politici e opinion leader statunitensi per sostenere i loro obiettivi. A volte questi sforzi hanno coinvolto le forze armate statunitensi in guerre sanguinose, inutili e moralmente discutibili, come in Kosovo, Iraq, Libia e Siria “, dice la recensione pubblicata sul sito web del Cato Institute.

Carpenter nel suo lavoro osserva quegli aspetti che gli altri commentatori spesso trascurano, scrive il professor Christopher Coyen di Georgetown Mason University nelle sue recensioni .

Vari tipi di movimenti stranieri parassitano gli Stati Uniti, agendo come i lobbisti, per ottenere fondi dal bilancio degli Stati Uniti.

Questi costi sono a carico dei contribuenti americani. “Un altro prezzo è l’erosione degli stessi valori che i politici americani sostengono. Sostenendo attivamente i movimenti che sono l’antitesi dei valori liberali, i politici statunitensi si stanno identificando in qualcuno con cui lottano per abbattere un potere ostile ai loro interessi”, scrive il revisore.

Allo stesso tempo, l’autore stesso, parlando di tale sostegno, afferma che i politici americani, appoggiando tali forze, possono agire consapevolmente, cercando di travestire i loro clienti nella falsa veste di “democratici”. Inoltre, non esclude che alcuni politici negli Stati Uniti , pur sostenendo questi o altri movimenti radicali, credano davvero che questi perseguano “valori democratici”.

All’interno degli Stati Uniti, tali azioni della Casa Bianca sono sempre più valutate come estremamente negative. Recentemente, questa posizione è stata espressa nel dichiarare sul suo twitter, dal membro del Congresso Tulsi Gabbard, che vuole ottenere la nomina del Partito Democratico nella lotta per la presidenza nel 2020. “Quelli che si oppongono alle guerre per il cambio di regime in Iraq, Libia e Siria sono chiamati” amanti del dittatore “o” morbidi “con regimi malvagi. Invece di difendere la loro posizione, gli USA ricorrono al bullismo e alla calunnia. È improbabile che il popolo americano lo accetti “, ha scritto il politico.

Tuttavia, ci sono stati casi in cui la Casa Bianca è stata delusa anche dalle politiche di orientamento democratico.

Negli anni ’90, questa era la figura dell’opposizione haitiana, Jean-Bertrand Aristide. Un combattente contro la dittatura di Duvalier Jr., autore di sermoni incendiari, l’intellettuale Aristide sembrava essere un’incarnazione vivente della democrazia.Dopo il rovesciamento, gli fu concesso l’asilo negli Stati Uniti, e tutti i canali americani mostrarono un incontro di questo elemento con il presidente Clinton – Aristide fu persino paragonato al combattente anti-apartheid Nelson Mandela .

Il ritorno alla fine del governo del legittimo presidente Aristide non ha portato pace al paese. Nonostante il fatto che nel 2000, Aristide fosse in grado di candidarsi per un secondo mandato, “finì per morire”. L’opposizione lo ha accusato di corruzione e repressione politica, e la storia si è ripetuta come una farsa. Aristide fu catturato, dopo di che fu portato in Sud Africa da aerei militari americani. Nel 2011, è tornato a casa e ha vissuto una vita tranquilla fino a quando non è stato nuovamente posto agli arresti domiciliari.

Una storia molto simile si è ripetuta in forma anche più grave quando il Dipartimento di Stato e la CIA hanno fornito il loro appoggio ai ribelli anti Gheddafi in Libia, senza considerare che questi erano miliziani appartenenti ad Al Quaeda, radicali islamici imbevuti di ideologia salafita. Il risultato di questo sostegno per abbattere il regime di Gheddafi si è visto subito dopo, con il caos e la guerra civile isediatisi immediatamente nel paese.

Non è ancora chiaro se il libro di Carpenter troverà il suo lettore alla Casa Bianca, ma ci lavorano attualmente molte persone che ricordano bene i tempi descritti.

Uno di questi è Eliot Abrams, un funzionario governativo nominato dal Segretario di Stato Pompeo come inviato speciale degli Stati Uniti per il Venezuela. Abrams, che lavorava nell’amministrazione Reagan, divenne ripetutamente l’obiettivo delle organizzazioni per i diritti umani per coordinare l’assistenza americana a vari regimi dittatoriali in America Latina. È stato anche coinvolto nel caso Iran-Contras sulla fornitura di armi ai ribelli del Nicaragua nel 1986, ma se la è cavata con una sanzione ed è stato graziato dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush .

Nota: In relatà Carpenter ha potuto constatare che attualmente, a differenza del passato, il Dipartimento di Stato e la CIA non si pongono neppure il problema di travestire da “democratici” i gruppi mercenari che operano per rovesciare un potere e attuare un cambio di regime favorevole agli interessi degli USA. Il sostegno di Washington viene destinato ai peggiori elementi tagliagola e fanatici criminali che operano cinicamente, terrorizzando la popolazione locale ed essendo gli autori delle peggiori atrocità contro i civili, come avviene attualmente in Siria, nello Yemen ed in Afghanistan. Sembra che gli “scrupoli democratici” del passato siano stati del tutto sotterrati da parte del gruppo dominante dei neocon che oggi comanda alla Casa Bianca.

 Traduzione e nota : Luciano Lago

via Controinformazione