Controllo Globale

Il World Economic Forum discute sul controllo mentale tramite onde sonore

Il World Economic Forum – una delle più potenti organizzazioni elitarie del mondo – ha recentemente discusso l’emergere della tecnologia per il controllo mentale a distanza. E ammette che potrebbe essere usato per trasformare gli umani in schiavi controllati mentalmente.

Il World Economic Forum (WEF) è una delle organizzazioni elitarie più influenti, insieme al Council on Foreign Relations, al gruppo Bilderberg e alla Commissione trilaterale. Ogni anno, il forum riunisce circa 2500 leader aziendali, leader politici internazionali, economisti, celebrità e giornalisti per discutere questioni mondiali.

Il Board of Trustees del WEF è composto da alcune delle persone potenti del mondo. Qui ce ne sono un po.

Mark Carney, Governatore, Bank of England

Al Gore, Vicepresidente degli Stati Uniti (1993-2001); presidente e cofondatore, Generation Investment Management LLP

Jim Yong Kim, Presidente, Banca Mondiale

Christine Lagarde, Amministratore delegato, Fondo monetario internazionale (FMI)

Peter Maurer, Presidente, Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR)

Indra Nooyi, Presidente, PepsiCo

L. Rafael Reif, Presidente, Massachusetts Institute of Technology (MIT)

Ursula von der Leyen, ministro federale della difesa, ministero federale della difesa della Germania

David M. Rubenstein, co-fondatore e presidente co-esecutivo, Carlyle Group

In molti modi, il WEF è simile al gruppo Bilderberg. Fatto interessante: Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del WEF è un ex membro del comitato direttivo del gruppo Bilderberg.

Non diversamente da altre potenti organizzazioni che affermano di “aiutare il mondo”, il WEF è accusato di promuovere effettivamente gli interessi dell’élite mondiale.

L’Istituto Transnazionale descrive lo scopo principale del Forum economico mondiale in questo modo:

“Funziona come una istituzione socializzante per l’élite globale emergente, la “mafiocrazia”  di banchieri, industriali, oligarchi, tecnocrati e politici. Promuovono idee comuni e servono interessi comuni: i loro. “

Lungi dal risolvere realmente i problemi del mondo, il WEF è accusato di spostare l’attenzione riguardo a fatti gravi dai governi e dai maggiori conglomerati ai cittadini regolari.

“Uno studio, pubblicato sul Journal of Consumer Research, ha analizzato l’impatto sociologico del WEF. La conclusione e` che il WEF non risolve questioni come la povertà, il riscaldamento globale (come potrebbe? n.d.r.), le malattie croniche o il debito. Hanno semplicemente spostato l’onere per la soluzione di questi problemi da governi e imprese a “soggetti consumatori responsabili: il consumatore ecologico, il consumatore attento alla salute e il consumatore economicamente istruito.” Si limitano a riformulare i problemi e, così facendo, li perpetuano in un ciclo infinito. Gore è indicato come primo esempio. I discorsi di Gore deliberatamente spostano l’attenzione dai problemi dei mercati non regolamentati e delle attività aziendali a “patologie morali”, all’avidità individuale, ecc. In tal modo egli sta effettivamente promuovendo la creazione di nuovi mercati, e quindi perpetuando gli stessi vecchi problemi in una nuova veste . I nuovi mercati seguiranno gli stessi schemi dei vecchi perché il problema centrale della corporate governance non viene mai affrontato “.
– Markus Giesler Ela Veresiu, Creazione del consumatore responsabile: regimi di governance morali e soggettività dei consumatori

CONTROLLO MENTALE REMOTO

L’incontro annuale del WEF dei Global Future Council si è svolto l’11 e il 12 novembre negli Emirati Arabi Uniti. Uno degli argomenti trattati e` stato il “controllo mentale tramite l’utilizzo di onde sonore”. Il sito web ufficiale del WEF ha pubblicato un articolo intitolato “Mind control using sound waves?” Chiediamo a uno scienziato come funziona: il professor Antoine Jérusalem dell’Università di Oxford descrive la tecnologia e le problematiche ad essa correlate.

Controllare il cervello con le onde sonore: come funziona?

Bene, parlando strettamente di scienza, il principio della neuromodulazione non invasiva è di focalizzare le onde ultrasoniche in una regione del cervello in modo che si riuniscano tutte in una piccola area. Poi, si spera, dato il giusto insieme di parametri, che questo possa cambiare l’attività dei neuroni.

Se vuoi liberarti dei neuroni che si sono scatenati, ad esempio nell’epilessia, allora potresti voler aumentare l’energia per ucciderli. Ma se si desidera promuovere o bloccare selettivamente l’attività neuronale, è necessario perfezionare accuratamente le onde ultrasoniche.

In altre parole, c’è una differenza tra la stimolazione ad ultrasuoni utilizzata per la rimozione dei tessuti e la neuromodulazione ad ultrasuoni, che mira a controllare l’attività neuronale senza danneggiare il tessuto.

La neuromodulazione ad ultrasuoni è qualcosa che funziona sicuramente, ma che ancora non capiamo.

Che bene sociale potrebbe arrivare da essa?

Le parole d’ordine correnti sono il morbo di Alzheimer e di Parkinson, così come le lesioni traumatiche al cervello. Ma gli scienziati stanno anche esaminando il midollo spinale e il sistema nervoso periferico. Per quanto mi riguarda, dal momento che il cervello è il centro di decisione per così tanti processi, ognuno di essi potrebbe essere preso di mira.

È sicuro?

Quando si tenta di “controllare” l’attività neuronale fornendo minime vibrazioni meccaniche ad una regione del cervello, è importante che il fuoco degli ultrasuoni, la frequenza e l’ampiezza siano sintonizzati correttamente, altrimenti si rischia un potenziale danno al cervello. Il punto è che non sappiamo ancora come mettere a punto tutto questo; e se dovessi esagerare un po ‘, potrei dire che il nostro attuale approccio non è poi così lontano dal giocherellare con le impostazioni di una radio finché non sentiamo la stazione giusta.

Una delle tante difficoltà è sapere con certezza che stiamo controllando i neuroni con queste onde sonore, invece di danneggiarle. La verità è che non sappiamo ancora come funziona il processo. E se non sai come funziona, non sai quanto sia “troppo”.

Quali sono le maggiori sfide etiche?

Il potenziale di questa tecnica è enorme – con questo intendo il numero di applicazioni e l’uso etico.

Da una prospettiva biologica, è simile alle medicine. Può curarti, può farti diventare dipendente e può ucciderti. Si tratta di rimanere all’interno di un determinato insieme di regole. Da una prospettiva etica, il mondo sta cambiando così velocemente che è difficile valutare ciò che sarà accettabile domani.

Sono anche convinto che la natura umana è tale che se si può fare qualcosa, sarà fatto. La domanda è da chi. Preferirei che una società leale conducesse i giochi piuttosto che uno stato canaglia senza alcun rispetto per la vita umana o animale. Se vogliamo applicare questa tecnologia tra 10 anni, dobbiamo iniziare a fare ricerche oggi.

Come potrebbe essere distopico?

Posso vedere il giorno in cui uno scienziato sarà in grado di controllare ciò che una persona vede con gli occhi della mente, inviando le onde giuste al posto giusto nel loro cervello. La mia ipotesi è che la maggior parte delle obiezioni saranno simili a quelle che sentiamo oggi sui messaggi subliminali nelle pubblicità, tuttavia con un effetto molto piu` grande.

Questa tecnologia non è priva di rischi di uso improprio. Potrebbe essere una tecnologia sanitaria rivoluzionaria per i malati o uno strumento di controllo perfetto. Questa volta però, il controllo sarebbe letterale.

Cosa possiamo fare per salvaguardare il suo potenziale?

Non ho intenzione di sostenere che gli scienziati sono tutti saggi e competenti quando si tratta di ciò che dovrebbe e non dovrebbe essere fatto. Alcuni di noi andranno il più lontano possibile. Ma questa è la natura umana, e non unica degli scienziati.

In ogni caso, il nostro lavoro è trovare qualcosa che sia benefico per l’umanità. E se trovi un modo per migliorare qualcuno, allora probabilmente saprai anche come fare il contrario. L’obiettivo è quello di assicurarsi che i regolamenti prevengano il secondo caso, senza ostacolare il primo. Credo che questo sia il ruolo dei legislatori. E penso che l’Unione europea, dove lavoro, sia abbastanza brava in questo.

Un altro ruolo dei politici dovrebbe essere quello di fornire una piattaforma di comunicazione per spiegare la lunga visione di un determinato settore di ricerca. Potrebbe essere troppo presto, o non essere una buona idea, e la decisione finale potrebbe benissimo essere quella di fermarlo. Ma a lungo termine, il pubblico dovrebbe poter usufruire dei potenziali benefici di una nuova tecnologia spiegata loro in parole povere, il che è qualcosa in cui gli scienziati non sono necessariamente bravi.

I politici dovrebbero ricordare che se non lo facciamo noi, qualcun’altro lo farà comunque … potenzialmente senza normative.

In breve, Antoine Jérusalem afferma che il controllo mentale a distanza è una tecnologia incredibilmente potente che ha il potere di curare eventualmente le malattie. Tuttavia, nelle mani sbagliate, la tecnologia può assumere completamente il controllo del cervello di un individuo. Nelle sue parole, può essere lo “strumento di controllo perfetto con cui lo spietato controlla il debole”.

Detto questo, il controllo mentale a distanza non è una novità e l’élite ha utilizzato con successo questa tecnologia per anni. Alcuni mesi fa, ho pubblicato un articolo su un documento del 1996 trapelato che descrive il controllo mentale a distanza.

Una pagina del documento descrive i molti possibili effetti del controllo mentale a distanza.

Nonostante il potenziale distopico riconosciuto dalla tecnologia, Antoine Jérusalem crede che l’umanità non possa evitare di svilupparla. Probabilmente lo dice perché una società che sviluppa questa tecnologia fa parte del WEF. La sua soluzione per assicurarsi che la tecnologia non sia utilizzata per trasformare gli umani in schiavi del controllo mentale? La Regolamentazione Governativa.

In breve, il WEF afferma che questa tecnologia dovrebbe essere sotto il controllo dell’élite globale. Ti conforta saperlo?

Fonte

Tratto da: https://neovitruvian.wordpress.com/2018/11/14/il-world-economic-forum-discute-sul-controllo-mentale-tramite-onde-sonore/