Controinformazione

Israele sta pianificando un attacco contro la Siria e la Russia

Di Mikhail Osherov

Negli ultimi giorni sono comparsi segnali politici e militari di preparazione per un prossimo attacco dello Stato di Israele contro Siria e Russia.

Dopo la decisione politica che la leadership russa ha preso di recente per fornire sistemi di difesa aerea S-300 e altri ulteriori sistemi alla Siria, oltre a rafforzare le contromisure elettroniche, il tono delle dichiarazioni e delle interviste dei rappresentanti della leadership militare-militare israeliana è cambiato significativamente.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non ha rilasciato dichiarazioni politiche ad alta voce dopo il suo ritorno dagli Stati Uniti e i suoi colloqui con Donald Trump. Ha fatto dichiarazioni politiche negli Stati Uniti, ma poi, probabilmente, non aveva ancora un quadro completo e informazioni complete sulle azioni future della Russia.

Dopo l’arrivo di Netanyahu dagli Stati Uniti e dopo l’incontro di tre ore con il blocco politico-militare del governo israeliano tenuto il giorno successivo, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman sono stati temporaneamente messi a tacere.

Avigdor Lieberman ha rilasciato due interviste nei giorni scorsi: una il 27 settembre al posto di blocco di Kuneitra sulle alture del Golan occupate da Israele e l’altra recentemente per il giornale Yediot Ahronot.

Nelle alture del Golan, Lieberman ha aggirato la questione della politica di Israele nelle nuove condizioni, affermando che la politica dello stato di Israele non cambierebbe e ha suggerito che i giornalisti si rivolgano al segretario stampa dell’esercito israeliano. In un’intervista al giornale Yediot Ahronot, non è stato pubblicato nulla riguardo alla Siria. Forse questo è dovuto alla proibizione della pubblicazione di informazioni su questo da parte della censura dello stato israeliano.

Forze russe in Siria

Israele è uno dei pochi paesi al mondo in cui è in vigore la censura preliminare e dove, per la prima volta nella storia dopo la Germania nazista, c’è un ministero di propaganda di stato. Ma in un’intervista pubblicata con il giornale Yediot Ahronot, la frase del ministro della Difesa israeliano secondo cui “la prontezza al combattimento dell’esercito israeliano è ora la stessa della guerra del 1967” è stata mantenuta.

Il 6 ottobre è stata rilasciata un’intervista al giornale Ha’aretz da un altro ministro del governo israeliano, Tzhahi Anegbi, in cui questi ha anche annunciato la determinazione e le intenzioni del governo israeliano di continuare l’aggressione contro la Siria.

Tale comportamento pubblico di Netanyahu, Lieberman e di altri ministri israeliani può significare solo una cosa: la leadership israeliana non ha rifiutato di continuare l’aggressione contro la Siria e ora c’è una preparazione segreta di nuovi attacchi.

Secondo il rapporto del 5 ottobre sul sito web israeliano Debka, che è considerato un sito web che pubblica informazioni nell’interesse dei servizi segreti israeliani, il presidente degli Stati Uniti ha ordinato di trasferire urgentemente in Israele diversi squadroni degli ultimi aerei americani F-35da unità combattenti, comprese quelle già presenti in Medio Oriente, negli Emirati Arabi Uniti.

La ragione dell’aggressione israeliana contro la Siria è la presenza di ufficiali iraniani sul territorio della Siria e la possibilità di trasferire alcuni tipi di armi al movimento libanese di Hezbollah.

Da un punto di vista legale, la presenza di ufficiali iraniani in Siria e la presenza di armi iraniane, così come l’assistenza della Siria al movimento libanese di Hezbollah, sono assolutamente legittimi. Ufficiali e volontari iraniani sono sul territorio della Siria su base legale su richiesta del governo siriano e danno un contributo significativo al ripristino della sovranità siriana, insidiata dai gruppi terroristi appoggiati dall’estero.

Negli ultimi anni, dall’inizio degli eventi in Siria (dal 2011), Israele ha commesso oltre 200 atti di aggressione contro la Siria. Abitazioni civili sono state distrutte, ufficiali e soldati siriani e civili inermi sono stati uccisi e feriti.

Allo stesso tempo, non c’era un solo atto di aggressione contro Israele dal territorio della Siria; una sola volta, un aereo israeliano è stato abbattuto con un fuoco di risposta della difesa aerea siriana.

Continuando fino a poco tempo fa, i continui attacchi dell’aviazione israeliana per tutto questo tempo non hanno incontrato l’opposizione dalla Russia. Invece di proteggere il cielo siriano da tutti gli aggressori, la Russia ha permesso ad Israele di attaccare qualsiasi obiettivo in Siria, e consentito agli Stati Uniti di occupare territori nel sud e nell’est della Siria.

Il tragico incidente con l’aereo russo Il-20 avrebbe potuto accadere prima in qualsiasi momento, ed è abbastanza probabile che tali incidenti siano accaduti prima, proprio su di loro, probabilmente, ma non sono stati segnalati.

Aviazione israeliana

Così, nel 2013, dopo un altro attacco di aviazione israeliana alla Siria nella regione di Latakia nelle immediate vicinanze dell’ubicazione delle strutture militari russe, lo stesso presidente russo Vladimir Putin in serata ha dovuto chiamare il primo ministro israeliano, che era in visita settimanale in Cina .

A quel tempo, nel 2013, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama non era stato in grado di parlare al telefono con il presidente russo Vladimir Putin per mezzo anno a causa del rifiuto della parte russa di dialogare. Vladimir Putin ha chiamato lui il primo ministro israeliano .

La conversazione tenutasi alle 10 pm ora di Pechino (che indica l’urgenza della chiamata) è stata così importante per Netanyahu che è tornato in Israele dopo una lunga visita e un lungo volo, alle cinque del mattino in un giorno importante di festa. La festa religiosa, senza lasciare l’aeroporto, venne trasferita su un altro aereo e lui volò a Sochi per incontrare Vladimir Putin. E solo dopo questo incontro, che era in parte a quattrocchi, Netanyahu tornò in Israele e l’aggressione israeliana contro la Siria, con il tacito consenso della Russia, era continuata.

In questa intera storia dell’aggressione israeliana contro la Siria, c’è un aspetto morale e politico cruciale. In parole povere, non lo fanno in forma totale per gli alleati: li proteggono in un posto e non in un altro. Il resto dei paesi alleati della Russia ora saprà che, nel caso, la Russia non li difenderà, procedendo da interessi incomprensibili della leadership del paese, contrariamente agli interessi nazionali della Russia. È successo nel Donbass del 2014, è successo in Siria, a partire dal 2011, nonostante l’esistenza di un trattato di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca tra Russia e Siria.
E nel 2014 in Ucraina e, a partire dal 2011 in Siria, le azioni della Russia sono state parziali, insufficienti e non pienamente in linea con gli interessi nazionali della Russia.

La catastrofe dell’aereo da ricognizione elettronica IL-20, è avvenuta principalmente a causa della non resistenza della Russia all’aggressione israeliana, questa non ha ancora ricevuto un’adeguata risposta politica. La fornitura da parte della Siria di vari sistemi e complessi di difesa aerea è una soluzione tecnica e semipolitica a metà tempo del problema.

La Russia non può e non sarà in grado di difendere la Siria e i suoi stessi interessi in Siria senza un’opposizione diretta all’aggressione israeliana e americano-turca, e ciò richiede una decisione politica, che non è stata ancora presa.

Fonte: Rusvesna

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione