GeoIngegneria

LA GUERRA ATTRAVERSO LA GEOINGEGNERIA

Pochi nel settore civile comprendono appieno che la geoingegneria è principalmente una scienza militare e non ha nulla a che fare con il raffreddamento del pianeta o la riduzione delle emissioni di carbonio (Rapporto, 6 febbraio). Sembrerebbe fantascienza , ma il tempo è diventato un arma. Almeno quattro paesi – Stati Uniti, Russia, Cina e Israele – possiedono la tecnologia e l’organizzazione per modificare regolarmente eventi meteorologici e geologici per varie operazioni militari segrete, legate a obiettivi secondari, tra cui la gestione demografica, energetica e agricola.

Perciò, la guerra ora include la capacità tecnologica di indurre, incrementare o dirigere eventi ciclonici, terremoti, correnti siccità e inondazioni, includendo l’uso di agenti aerosol polimerizzati e particelle radioattive trasportate attraverso sistemi meteorologici globali. Vari temi nel dibattito pubblico,compreso il riscaldamento globale, sono stati purtroppo inseriti in obiettivi militari e commerciali molto più ampi che non hanno nulla a che fare con le preoccupazioni ambientali pubbliche. Questi (ndr obiettivi) includono il graduale riscaldamento delle regioni polari per facilitare la navigazione navale e l’estrazione delle risorse.

Matt Andersson

Ex consigliere esecutivo settore aerospaziale e difesa, Booz Allen Hamilton, Chicago

(The Guardian, giovedì 9 febbraio 2012)

Traduzione NoGeoingegneria

FONTE https://www.theguardian.com/environment/2012/feb/09/at-war-over-geoengineering