GeoIngegneria

LA GUERRA CLIMATICA DEL PENTAGONO

Questo articolo è stato pubblicato la prima volta nel 2015

Bisogna diffidare delle sperimentazioni di guerra climatica realizzate dal Pentagono

Michel Chossudovsky 

http:/ .globalresearch.ca/ .php?context=va&aid=7561

“HAARP è un’arma di distruzione massiccia, capace di destabilizzare sistemi agricoli ed ecologici a livello mondiale.”

“La guerra climatica” è suscettibile di minacciare il futuro dell’umanità, ma è stata esclusa dalle relazioni del GIEC, che ha ricevuto il premio Nobel della pace nel 2007.”
Di rado riconosciute nel dibattito sul cambiamento climatico mondiale, le condizioni meteorologiche nel mondo possono ora essere modificate nel quadro di una nuova generazione di armi elettromagnetiche sofisticate. Gli Stati Uniti e la Russia hanno sviluppato la capacità di trattare il clima a fini militari.
Tecniche di modifica dell’ambiente sono state applicate dall’esercito USA, per più di mezzo secolo. Il matematico statunitense John von Neumann, legato al dipartimento della difesa degli Stati Uniti, ha cominciato le sue ricerche sulla modifica delle condizioni meteorologiche alla fine degli anni 1940, e si è sviluppato durante la guerra fredda, e prevedeva “forme di guerra climatica ancora inimmaginabili.”
Durante la guerra del Vietnam, le tecniche di semina delle nuvole sono state utilizzate a partire dal 1967, nel quadro del progetto Popeye, il cui obiettivo era di prolungare la stagione dei monsoni e bloccare le vie d’approvvigionamento ostili lungo la strada di Ho-Chi-Minh-Ville (NDT: All’epoca della guerra del Vietnam, Ho-Chi-Minh-Ville era conosciuto sotto il nome di Saigon).

L’esercito USA ha sviluppato funzionalità sofisticate che permettono di modificare le condizioni climatiche in modo selettivo. La tecnologia, che è attualmente perfezionata nel quadro del programma HAARP, High-frequency Active Auroral Research Program (Ricerche nel settore delle alte frequenze applicate alle albe boreali), sono un’appendice dell’iniziativa di difesa strategica, “le guerre stellari”.

Da un punto di vista militare, HAARP è un’arma di distruzione di massa, che opera sull’atmosfera esterna, ed è capace di destabilizzare sistemi agricoli ed ecologici ovunque nel mondo. La modifica delle condizioni meteorologiche, secondo il documento dell’aviazione militare USA, intitolata AF 2025, riporta alla fine: “offre ai militari un’ampia gamma di opzioni possibili per sconfiggere o bloccare l’avversario”, dalla capacità, ci dice, di provocare inondazioni, uragani, siccità e terremoti: “La modifica delle condizioni meteorologiche diventerà un elemento della sicurezza interna e della sicurezza internazionale e potrebbe farsi in modo unilaterale… Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e potrebbe anche essere utilizzata come mezzo di dissuasione. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste su terra o modificare il tempo spaziale… come la creazione di condizioni meteorologiche artificiali è una parte di un insieme integrato di tecnologie (militari).”
Nel 1977, una convenzione internazionale è stata ratificata dall’assemblea generale delle Nazioni Unite che proibisce, “l’impiego militare e qualsiasi altra forma d’utilizzo ostile delle tecniche di modifica ambientale aventi effetti ampi, duraturi o gravi.” Ha definito “le tecniche di modifica ambientale” come “qualsiasi tecnica per cambiare, grazie ad una manipolazione deliberata dei processi naturali, la dinamica, la composizione o la struttura della terra, tra cui le sue biosfere, la sua litosfera, la sua idrosfera e la sua atmosfera, o lo spazio intersiderale.”

Benché il fondamento della convenzione del 1977, sia stato ribadito nella convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (CCNUCC), firmata al vertice della terra, a Rio nel 1992, il dibattito sulla modifica meteorologica a fini militari è diventato un tabù scientifico. Gli analisti militari sono muti sull’argomento. I meteorologi non indagano sulla questione e gli ecologi si concentrano sulle emissioni di gas a effetto serra ai sensi del protocollo di Kyoto. Non è presa neppure in considerazione la possibilità che le manipolazioni climatiche o ambientali facciano parte de un ordine del giorno militare o del servizio d’intelligence mentre, tacitamente, si riconosce che fanno parte del dibattito più ampio sui cambiamenti climatici sotto l’egida dell’ONU.

Il Programma HAARP

Creato nel 1992, HAARP, basato a Gokona in Alaska, è una rete di antenne di forte potenza che trasmettono onde radio ad alta frequenza, e quantità enormi d’energia nella ionosfera (lo strato superiore dell’atmosfera). La sua costruzione è stata finanziata dall’aviazione militare USA, dalla US Navy e dall’agenzia per i progetti di ricerca avanzata di difesa (Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA)).
Sfruttata congiuntamente dal laboratorio di ricerca dell’aviazione militare e dall’Ufficio della ricerca navale, HAARP costituisce un sistema di antenne potenti capace di creare “modifiche locali controllate della ionosfera”.
Secondo il suo sito Internet ufficiale, www.haarp.alaska.edu, HAARP sarà utilizzata: “per indurre un piccolo cambiamento nella temperatura della ionosfera, affinché le reazioni fisiche possano essere studiate da altri strumenti situati nel sito o vicino al sito di HAARP.”
Ma Rosalie Bertel, il presidente dell’istituto internazionale degli affari della sanità pubblica (International Institute lontano Concern foro Public Health), ha dichiarato che HAARP funziona come “un apparecchio gigantesco che può causare importanti perturbazioni nella ionosfera, cosa che crea non soltanto fori, ma lunghe incisioni nello strato protettivo che impedisce alle radiazioni mortali (in provenienza dallo spazio siderale) di bombardare il pianeta.”
Il fisico dott. Bernard Eastlund lo ha chiamato “il più grande apparecchio di riscaldamento della ionosfera mai costruito.” HAARP è presentata dall’aviazione militare USA come programma di ricerca, ma i documenti militari confermano che il suo obiettivo principale è “di indurre modifiche ionosferiche”, in attesa di modificare le condizioni meteorologiche e perturbare le comunicazioni ed i radar.

Secondo una relazione della Duma di Stato russa: “I piani statunitensi che mirano a realizzare esperienze a grande scala, sotto il Programma HAARP (e), di creare armi capaci di rompere le linee di comunicazione radio e le attrezzature installate sulle navi spaziali ed i razzi, causano gravi incidenti nelle reti elettriche e nelle condutture ed i gasdotti, ed hanno un impatto negativo sulla salute mentale di regioni intere.”
Un’analisi delle dichiarazioni, provenienti dall’aviazione militare USA, ci fa pensare all’impensabile: le manipolazioni clandestine di fenomeni meteorologici, delle comunicazioni e delle reti elettriche, come arma da guerra mondiale, permettono agli Stati Uniti di perturbare e predominare regioni intere. La manipolazione meteorologica è l’arma preventiva per eccellenza.” Può essere diretta contro paesi ostili o “paesi amici”, a loro insaputa ed essere utilizzato per destabilizzare le economie, gli ecosistemi e l’agricoltura. Può anche provocare devastazioni sui mercati finanziari ed i mercati dei beni.

La perturbazione nell’agricoltura crea una più grande dipendenza dell’aiuto alimentare e dei grani di cereali di base, importati dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali. HAARP è stata elaborata nel quadro di un partenariato anglo-statunitense tra la Raytheon Corporation, che possiede i brevetti di HAARP, l’aviazione militare USA e la società British Aerospace Systems (BASE).
Il progetto HAARP è uno dei numerosi progetti di collaborazione nel settore dei sistemi d’armamento tra i due giganti della difesa. Il progetto HAARP è stato lanciato nel 1992 da Advanced Power Technologies Inc (APTI), una filiale della società Atlantic Richfield (ARCO). APTI ed i suoi brevetti HAARP sono stati venduti nel 1994 da ARCO a E-Systems Inc. E-Systems Inc impegnato, da contratto, per la CIA ed il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, provvede “al Doomsday Plan (NDT: il piano dell’Apocalisse)”, che “autorizza il Presidente a gestire una guerra nucleare.”

Il tutto è stato, successivamente, acquisito da Raytheon Corporation, una società che è fra i importanti fornitori di informazioni nel mondo. La società British Aerospace Systems (BASE) è stata implicata nello sviluppo della più sofisticata rete di antenne HAARP, nel quadro di un contratto firmato nel 2004 conl’Ufficio della ricerca navale (Office of Naval Research). L’installazione di 132 emittenti di frequenza elevata, è stata affidata da BASE alla sua filiale statunitense BAE Systems Inc.
Secondo un servizio pubblicato in luglio da Defense News, il progetto è stato intrapreso dalla divisione di guerra elettronica della BASE. In settembre, ha ricevuto, dall’agenzia per i progetti di ricerca avanzata di difesa (DARPA), la principale ricompensa per la realizzazione tecnica della concezione, la costruzione e l’attivazione della rete di antenne HAARP.

Il sistema HAARP è interamente operativo e sotto diversi aspetti, eclissa i sistemi di armi strategiche convenzionali esistenti. Benché non esista una prova formale del suo utilizzo a fini militari, i documenti dell’aviazione militare USA lasciano intendere che HAARP fa parte integrante della militarizzazione dello spazio. D’altra parte, è probabile che le antenne siano state già sottoposte a prove di prova. Ai sensi della CCNUCC, il gruppo di esperti intergovernativo sull’evoluzione del clima (GIEC), che ha per mandato “di valutare le informazioni scientifiche, tecniche e socioeconomiche utili per la comprensione dei cambiamenti climatici.” Questo mandato comprende la guerra ecologica. “L’ingegneria geo-industriale” è riconosciuta, ma le applicazioni militari implicite non sono né oggetto d’analisi politica, né l’oggetto di ricerca scientifica nelle migliaia di pagine delle relazioni del GIEC e dei documenti connessi, che tuttavia sono sostenuti dalla competenza ed dai contributi di circa 2500 scienziati, da istanze decisionali ed ecologiche. “La guerra climatica” può minacciare il futuro dell’umanità, ma è stata esclusa dalle relazioni del GIEC, che ha ricevuto il premio Nobel della pace nel 2007.
Note: L’articolo originale in inglese è pubblicato nella rivista The Ecologist del dicembre 2007. È anche pubblicato nel sito in inglese: (http://www.globalresearch.ca/ .php? context=va&aid=7561)
Traduzione (in francese) di Danny Quirion per AlterInfo (http://www.geostrategie.com/824/il-fautse-mefier-des-experimentations-de-guerre-climatique-realisees-par-le-pentagone).

Vedere anche: La manipolazione climatica e le armi di distruzione massa, le armi del nuovo ordine mondiale di Washington, articolo originale pubblicato il 1° febbraio 2002. Michel Chossudovsky è l’autore del best-seller internazionale ‘The Globalization of Poverty’ (“La mondializzazione della povertà”, ed. Écosociété) che è stato pubblicato in 11 lingue. È professore d’economia all’università di Ottawa, Canada, e direttore del centro di ricerca sulla mondializzazione. Collabora anche all’Encyclopaedia Britannica. Il suo ultimo lavoro è intitolato America`s War on terrorism, 2005. È l’autore di ‘Guerra e mondializzazione, la verità dietro l’11 settembre’, edizioni Écosociété, e di ‘Mondializzazione della povertà e nuovo ordine mondiale’.
Traduzione di Alessandro Lattanzio http://www.aurora03.da.ru/
http://sitoaurora.altervista.org/ http://sitoaurora.narod.ru/ FONTE 

via Nogeoingegneria

IN EVIDENZA