GeoIngegneria

La “nuova idea” per combattere il riscaldamento globale? Oscurare il sole con delle scie chimiche

Gli scienziati hanno escogitato un nuovo e ingegnoso modo di combattere il riscaldamento globale: usare sostanze chimiche per oscurare il sole. Se dovremo poi combattere (e fare tutto il resto) all’ombra, la ricerca non ce lo sa dire ancora.

Dal momento che il mondo non sembra concordare sulla riduzione delle emissioni di CO2, perché non affrontare il problema da un altro punto di vista, hanno ipotizzato scienziati di Harvard e Yale. I ricercatori hanno recentemente pubblicato uno studio il quale afferma che spruzzare grandi quantità di particelle di solfato nella stratosfera inferiore della Terra al fine di offuscare letteralmente il sole potrebbe dimezzare gli effetti del cambiamento climatico globale, e potrebbe anche essere economico!

Con tutta l’eccitazione sul piano “ipotetico” e “altamente incerto e ambizioso”, non ci sono garanzie che in realtà non peggiorerà le cose in modo catastrofico. C’è una sospettosa mancanza di informazioni su cosa “l’oscurare il sole” potrebbe fare a quelli di noi che fanno affidamento su di esso per cose basilari – come coltivare il cibo, o non morire congelati.

Invece, lo studio pubblicato su Environmental Research Letters discute i costi potenziali e la tecnologia necessaria per realizzare l’ambizioso, piano. I ricercatori discutono una varietà di potenziali modi per realizzare il progetto di “geoingegneria” su larga scala: aerei, palloni o anche solo sparare sostanze chimiche nell’aria con grandi cannoni.

A parte questo, c’è un problema abbastanza serio con la proposta: attualmente non esiste alcun aeromobile in grado di svolgere il compito. L’adattamento di una versione esistente del razzo Falcon Heavy di SpaceX è stato escluso, citando il costo.

La proposta suggerisce che un lancio potrebbe essere realizzato entro 15 anni, con un costo iniziale di circa $ 3,5 miliardi, seguito da un altro periodo di 15 anni che costa altri $ 2,5 miliardi – un prezzo relativamente basso data la portata e il significato del progetto, argomentano . Una flotta di otto navi iniziale si espanderebbe fino a quasi quota 100 per dispiegare la quantità necessaria di sostanze chimiche in tutto il mondo.

Ci sono anche altri inconvenienti meno tecnici della proposta. Tra i più ovvi: il piano richiederebbe un coordinamento internazionale tra numerosi paesi, compresi gli Stati Uniti – il cui presidente, Donald Trump, esprime regolarmente dubbi sul cambiamento climatico in generale.

Il dott. Phil Williamson, lettore onorario presso l’Università dell’East Anglia, ha criticato la proposta, affermando che le nazioni che “continueranno a sperimentare eventi climatici estremi” potranno quindi “considerare che la geoingegneria solare e` la causa responsabile” chiedendo un risarcimento.

Altri hanno criticato la strategia perche` si tratta di una risposta che ignora le reali cause del problema (il sole n.d.r.).

Fonte

Tratto da: https://neovitruvian.wordpress.com/2018/11/27/la-nuova-idea-per-combattere-il-riscaldamento-globale-oscurare-il-sole-con-delle-scie-chimiche/