Controinformazione

La Polonia ferma Soros mentre cerca di conquistare la seconda più grande stazione radio

Lo speculatore finanziario George Soros, mentre cerca di espandere le sue attività in Polonia, sta aiutando la casa editrice Agora SA nella loro offerta di acquisizione per Radio Zet, nel tentativo di fermare Fratria , un editore di un settimanale filogovernativo Sieci , secondo il portale Wirtualnemedia.pl.

La Polonia segue l’esempio dell’Ungheria, dove una campagna anti-Soros si è conclusa con la fondazione miliardaria nata in Ungheria che è stata costretta a lasciare il paese.
Lunedì, la portavoce del partito Law & Justice, Beata Mazurek, ha dichiarato su Twitter: “Lo stato dovrebbe fare di tutto per impedire agli speculatori finanziari di aumentare la loro influenza sul mercato dei media”.

Ma Bloomberg ha riferito che ore dopo, il Vice Ministro della Cultura Pawel Lewandowski ha dichiarato alla televisione wPolsce.pl che il governo non ha mezzi legali diversi dalla solita legislazione anti-monopolio per fermare l’accordo.
“Il problema è come misurare la concentrazione sul mercato dei media con più piattaforme e come misurare la concentrazione sul mercato delle idee, non abbiamo strumenti per questo”, ha detto. “Mi piacerebbe avere basi legali per farlo.”

Il partito Law & Justice ha ripetutamente chiesto una “ri-poloriizzazione” dei suoi media di proprietà straniera, ma dopo una campagna internazionale, il governo ha accantonato piani che potrebbero costringere i proprietari di media stranieri a uscire dal paese.

Imponendo regole per limitare la proprietà di gruppi i cui titoli e quote di mercato multipiattaforma sono considerati “dominanti”, i lettori dei media stranieri si troveranno in una posizione di svantaggio.

Lyudmyla Kozlovska, una giovane “attivista dei diritti umani” ucraina che lavora per la Open Dialog Foundation di Soros , ha lavorato fianco a fianco con attivisti anti-polacchi per far avanzare in Polonia l’ideologia globalista che promuove migrazioni di massa, educazione LGBT, aborto, omosessualità e gender.

L’anno scorso, il governo polacco ha arrestatao la Kozlovska senza alcuna spiegazione. La ragione probabile è che lei e il suo marito polacco, Bartosz Kramek, avevano istigato rivolte contro il partito al governo.
Kozlovska ha ammesso che suo marito ha pubblicato una dichiarazione su Facebook che chiede la disobbedienza civile.

Lyudmyla Kozlovska e George Soros


Quando la Kozlovska – che aveva incontrato personalmente Soros – si è recata a Bruxelles, è stata allontanata al confine perché i funzionari polacchi avevano messo in allerta il Sistema d’informazione di Schengen (SIS), un database europeo condiviso che segnalava agli stranieri “sgraditi” durante il controllo di frontiera.

Kozlovska e Kramek hanno dichiarato al Washington Post che hanno ragione di ritenere che l’Agenzia per la sicurezza interna li consideri una minaccia alla sicurezza pubblica.

L’Office for Foreigners, l’agenzia governativa polacca responsabile per gli stranieri che risiedono nel paese, ha rifiutato di commentare questo caso specifico, ma i funzionari polacchi avevano già confermato di aver dato l’allarme, etichettandola come agente di George Soros.

La Kozlovska è stata una esplicito manifestante contro l’integrazione con la Russia della sua ex regione natale della Crimea. La “George Soros Open Dialog Foundation” ha definito questo “un atto di natura politica portato avanti dalle autorità polacche per fermare le attività dell’organizzazione nel paese e all’estero”.

I membri polacchi del Parlamento europeo Kosma Zlotowski, Ryszard Antoni Legutko e Ryszard Czarnecki, che rappresentano il partito Law and Justice (PiS), hanno presentato domande scritte alla Commissione europea che tentava di porre fine all’accreditamento della Fondazione al Registro per la trasparenza. Ma tutte queste sono state respinte dalle istituzioni europee come preoccupazioni “infondate”.

Orban resiste alle pressioni USA per aderire alla campagna anti Russia

Le pressioni di entità collegate a Soros si sono realizzate sui paesi dell’Est europeo per adottare un atteggiamento anti-russo. Secondo il Wall Street Journal , in un incontro con l’ambasciatore statunitense David Cornstein, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha detto ai diplomatici americani che si rifiuta di fare pressioni sulla Cina e sulla Russia, e preferirebbe rimanere neutrale come l’Austria.

“Washington spinge per una linea più dura su Russia e Cina, approfondendo i timori che un alleato americano da molto tempo stia scivolando dalla sua orbita”, ha commentato WSJ.

Un alto funzionario ungherese ha detto a WSJ che il primo ministro ha fortemente criticato la pressione degli Stati Uniti per arginare l’influenza di Mosca e Pechino in Europa. “Il punto di Orban è, sì, noi vogliamo fare affari e cooperare con la Russia”, ha detto l’alto funzionario ungherese. Il primo ministro ha anche chiarito che non vuole essere tenuto a partccipare a conferenze su come trattare con la Cina.

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti hanno cercato di radunare gli altri membri della NATO per mesi per rafforzare il sostegno all’Ucraina nel confronto in corso con la Russia e per prendere misure più salde per contrastare il presunto cyber-spionaggio cinese.

Orban ha resistito a entrambe le mosse e, come molti altri leader europei, ha invitato gli investimenti cinesi nell’infrastruttura internet del suo paese.

Inoltre, Orban ha impedito alla NATO di tenere colloqui ministeriali con l’Ucraina perché, secondo il suo governo, “vuole che le scuole ucraine offrano più classi in ungherese per la minoranza di lingua ungherese del Paese”, ha osservato il WSJ.

Secondo fonti del governo degli Stati Uniti, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha in programma di visitare Orban a febbraio. Le fonti hanno anche sostenuto che Orban è troppo vicino alla Russia, e che a Washington il premier non è più ritenuto affidabile.

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione

IN EVIDENZA