Scienza

La Russia costruirà un centro di clonazione per riportare in vita gli animali estinti in stile Jurassic Park

Che cosa potrebbe andare storto? 

Ho visto tutti i film della serie Jurassic Park e li ho semplicemente amati. Voglio dire, i film hanno una trama perfetta.

Immagina di essere bloccato all’interno di un Jurassic Park abbandonato, dove innumerevoli Dinosauri sono liberi, in attesa di mangiarti.

Meglio ancora, immaginati in un moderno Jurassic Park e, a causa di una serie di fallimenti, i dinosauri clonati iniziano a correre mangiando tutto quello che trovano sul loro cammino.

Per fortuna sono solo film.

Tuttavia, presto potremmo vedere un vero “Jurassic Park” prendere vita.

La Russia sta aprendo una nuova struttura di clonazione del valore di circa £ 4,5 milioni ($ 5,9 milioni) che mira a recuperare il mammut lanoso e altre specie estinte che sono state cancellate dalla Terra.

Putin ha riferito a riguardo“La Russia ha attualmente assicurato le condizioni più favorevoli per attirare tecnologie avanzate e creare nuovi settori innovativi”.

Tronco di mammut.
Tronco di mammut dalla Russia. Immagine di credito: Siberian Times.

“Le zone economiche speciali sono zone economiche avanzate dell’Estremo Oriente che offrono agli investitori stranieri preferenze fiscali e un regime amministrativo semplificato con l’ammodernamento delle infrastrutture a spese del governo”.

Oltre a progettare di riportare in vita i mammut lanosi, i genetisti russi sono disposti a studiare un certo numero di specie estinte, come il rinoceronte lanoso e il leone delle caverne, scomparso migliaia di anni fa a causa di una serie di fattori.

I laboratori di clonazione, alcuni dei quali saranno collocati sottoterra, nel profondo del permafrost di Yakutsk, mirano ad ampliare l’attuale ricerca degli scienziati russi che lavorano a stretto contatto con un team di specialisti sudcoreani per ripristinare i mammiferi morti da tempo.

Yakutsk, la capitale della Repubblica di Sakha, ricca di diamanti è un punto caldo per i resti di animali congelati.

Infatti, fino all’80% dei campioni di animali del Pleistocene e dell’Olocene con tessuti molli conservati e scoperti in Russia, sono stati dissotterrati nella regione.

Come notato dagli esperti, il DNA degli animali antichi può essere conservato nel terreno ghiacciato, noto come permafrost, per decine di migliaia di anni. Si spera che estraendo il DNA da questi resti, i ricercatori comprenderanno meglio la biologia dietro alcune delle più grandi creature che hanno abitato sulla Terra.

Per esempio, si pensa che i mammut lanosi abbiano coesistito con i primi umani, che cacciavano l’animale per usare le sue ossa e le sue zanne per strumenti e ripararsi.

Scienziati che lavorano su resti di animali preistorici.
Laboratorio del museo di Mammoth. Immagine di credito: Siberian Times.

L’animale, che poteva pesare un massimo di 6000 kg (6 tonnellate metriche), scomparve dal suo territorio continentale alla fine dell’era del Pleistocene, circa 10.000 anni fa.

Tuttavia, si ritiene che le popolazioni isolate sopravvissero sull’isola di St. Paul, in Alaska, fino a 5.600 anni fa e sull’isola di Wrangel, in Russia, fino a solo 4.000 anni fa.

Secondo gli studi più recenti, i mammut lanosi sono stati probabilmente uccisi a causa di un habitat sempre più ridotto causato dai cambiamenti climatici, oltre che da una caccia eccessiva.

Ma dal momento che ovviamente abbiamo un problema per i mammut, diversi progetti internazionali, tra cui un team dell’Università di Harvard, stanno già gareggiando per utilizzare il DNA mammut conservato e far risorgere le specie antiche.

Secondo il Times siberiano, “il centro scientifico paleogeologico di 400 milioni di rubli avrà lo scopo di studiare gli animali estinti dalle cellule viventi – e di ripristinare tali creature come il mammut lanoso, il rinoceronte lanoso, il leone delle caverne e le razze di cavalli antiche”.

Fonte: https://iside.altervista.org/la-russia-costruira-un-centro-di-clonazione-per-riportare-in-vita-gli-animali-estinti-in-stile-jurassic-park/