Vaccini

La vaccinazione di massa per l’influenza è una strategia fallita, gli scienziati ammettono: non riduce i ricoveri ospedalieri influenzali

La vaccinazione di massa l’influenza A / H1N1 non è stata all’altezza dei risultati attesi, secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal. I ricercatori hanno esaminato un gruppo di 388.069 pazienti di età inferiore ai 65 anni, a cui è stata somministrata la vaccinazione H1N1 tra novembre 2009 e gennaio 2010, quando la trasmissione dell’influenza pandemica si stava diffondendo rapidamente.

I ricercatori hanno utilizzato modelli di regressione dei rischi proporzionali per valutare l’efficacia del vaccino pandemico ( H1N1 e ammissioni influenzali ).

Gli esperti hanno poi ulteriormente sistemato i modelli in quattro variabili, tra cui la fascia di età, il numero di malattie croniche, lo stato del vaccino stagionale e lo status di vaccino pandemico. I dati hanno mostrato che la copertura sia per il vaccino influenzale pandemico che per il vaccino influenzale stagionale 2009-2010 variava tra i gruppi di età, con i tassi di copertura più bassi riscontrati nelle fasce di età più giovani, di età inferiore ai 39 anni.

I ricercatori hanno anche scoperto che oltre l’80% del gruppo aveva una sola condizione diagnosticata. L’assunzione di vaccino, che è aumentata simultaneamente per entrambi i vaccini contro l’influenza stagionale e pandemica , è risultata più elevata quando sono state diagnosticate condizioni croniche. Inoltre, le infezioni da H1N1 sembravano aumentare quando venivano identificate più condizioni croniche.

Più di un quinto del gruppo ha ricevuto almeno una dose del vaccino pandemico, il 46% ha preso la prima dose durante la prima settimana di disponibilità del vaccino. I ricercatori hanno anche scoperto che più della metà delle persone nel gruppo, hanno ricevuto solo una dose del vaccino pandemico, mentre poco più del 40% ha ricevuto due dosi.

Risultati della valutazione della vaccinazione

I ricercatori hanno notato una maggiore probabilità di infezione da H1N1 confermata in laboratorio durante la prima settimana dopo aver ricevuto il vaccino pandemico, con un’efficacia del vaccino al 112%, rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto i vaccini antinfluenzali stagionali e pandemici. Tuttavia, i ricercatori non hanno osservato un’efficacia significativa del vaccino pandemico durante i successivi 8-14 giorni. I dati dello studio hanno anche rivelato che i partecipanti che hanno ricevuto solo il vaccino contro l’influenza stagionale nel 2009-10 hanno aumentato rischio di contrarre l’infezione H1N1 confermata in laboratorio.

Lo studio ha anche scoperto che la probabilità di contrarre l’infezione da H1N1 confermata in laboratorio era tra le 22 e 23 volte più alta nei pazienti di età compresa tra 0 e 19 anni, rispetto alla fascia di età più avanzata. I pazienti con più di una malattia cronica avevano più probabilità di contrarre l’infezione rispetto a quelli con meno condizioni di base.

Ulteriori dati hanno rivelato che l’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione correlata a H1N1 era stimata al 258% durante la prima settimana dopo il ricevimento del vaccino pandemico. Tuttavia, i ricercatori hanno notato un’efficacia declinante nei seguenti otto-quattordici giorni . I pazienti che hanno ricevuto solo il vaccino contro l’influenza stagionale erano anche a maggior rischio di ammissione correlata a H1N1. La probabilità di ospedalizzazione a causa dell’infezione da H1N1 era 18 volte più alta tra i pazienti di età compresa tra 0 e 9 anni e circa 10 volte superiore tra i pazienti di età compresa tra 10 e 19. I pazienti di età compresa tra 50 e 59 anni mostravano anche un aumento di probabilità di ospedalizzazione rispetto a due volte con le loro controparti più anziane. Anche il rischio di ammissione aumentava contemporaneamente al numero di condizioni mediche sottostanti.

I ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti che hanno ricevuto solo il vaccino pandemico hanno mostrato esiti simili a quelli che hanno ricevuto sia il vaccino pandemico che quello stagionale. Tuttavia, i pazienti che hanno ricevuto solo il vaccino stagionale avevano aumentato le probabilità di infezione.

“Tra i malati cronici, questo vaccino offriva protezione contro l’infezione da H1N1 confermata in laboratorio, ma offriva solo una protezione non significativa contro i ricoveri ospedalieri influenzali confermati come infezione da H1N1. Questa scoperta è di rilevanza per la salute pubblica perché la popolazione di malati cronici è un importante gruppo target per le vaccinazioni pandemiche “, hanno scritto i ricercatori.

via Il Blog di Iside