background img
Complottisti Staff

Le armi da fuoco negli USA contano di più che non i “diritti umani” dei cittadini

7 giorni ago written by

Rapporto. La situazione di violenza armata negli Stati Uniti si è trasformata in una vera e propria “crisi dei diritti umani” tra l’inazione del governo americano, afferma Amnesty International.

In un secco rapporto di mercoledì, il gruppo per i diritti umani con sede nel Regno Unito ha fatto risaltare la mancanza di misure preventive come un sistema nazionale di registrazione per i proprietari di armi e leggi aperte che consentono alle persone di possedere pistole senza licenza o permesso in 30 stati degli Stati Uniti.

Il rapporto afferma che “tutti gli aspetti della vita americana sono stati in qualche modo compromessi dall’accesso illimitato alle armi, senza alcun tentativo di una significativa regolamentazione nazionale”.

“Il governo degli Stati Uniti sta dando priorità alla proprietà delle armi rispetto ai diritti umani fondamentali. Mentre sono state offerte molte soluzioni, c’è stata una straordinaria mancanza di volontà politica per salvare vite umane “, ha dichiarato Margaret Huang, direttore esecutivo di Amnesty International USA.

“Nonostante l’enorme numero di armi in circolazione e il numero crescente di persone uccise da armi da fuoco ogni anno, c’è una scioccante mancanza di regolamenti federali che potrebbero salvare migliaia di persone”, ha aggiunto.

“Il nostro governo ha permesso che la violenza armata diventasse una crisi dei diritti umani”.

Secondo l’organizzazione internazionale per i diritti umani, nel 2016 sono morte in media 106 persone al giorno per incidenti legati alle armi da fuoco, per un totale di 38.658 persone. Di quella cifra, quasi 23.000 erano suicidi e più di 14.400 erano omicidi, ha detto Amnesty.

Il rapporto afferma inoltre che oltre 116.000 persone hanno subito lesioni da armi da fuoco nel 2016.

Migliaia di persone hanno marciato a New York e in altre città degli Stati Uniti per chiedere la fine della violenza armata del Paese.
Ogni anno gli Stati Uniti perdono  circa 33.000 persone, vittime di conflitti a fuoco. Inoltre, più di 100.000 persone vengono “fucilate” ogni anno nel paese per un costo totale di 45 miliardi di dollari, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Health Affairs.

Proteste contro le armi negli USA

La questione della violenza armata è diventata ancora più polarizzante sotto il presidente Donald Trump, un repubblicano la cui campagna presidenziale è stata finanziata in parte dalla National Rifle Association (NRA).
Violenza alle armi degli Stati Uniti corrisponde a una “crisi dei diritti umani
Trump è stato riluttante ad affrontare il problema crescente nei suoi discorsi e in seguito a numerose sparatorie di massa di alto impatto nel paese.

Tuttavia, di fronte a crescenti pressioni, il presidente ha accettato all’inizio dell’anno di firmare un progetto di legge da 1,3 trilioni di dollari che includeva modesti miglioramenti ai controlli dei background per le vendite di armi da fuoco e le sovvenzioni per aiutare le scuole a prevenire la violenza armata.

Gli attivisti per il controllo delle armi vogliono che i membri del Congresso degli Stati Uniti, molti dei quali sono rieletti quest’anno, per vietare la vendita di armi d’assalto, rendendo la questione un fattore chiave nelle prossime elezioni di medio termine all’inizio di novembre.

“La capacità di affrontare la tua vita quotidiana in sicurezza e dignità, libera dalla paura, è la pietra angolare dei diritti umani. Nessuno dei diritti umani può essere considerato sicuro finché i nostri leader non fanno nulla contro la violenza armata “, ha scritto Huang.

Nota: Da molte parti si richiede un intervento dell’ONU per verificare il rispetto dei diritti umani negli USA gravemente compromessi dalla libertà di circolazione delle armi. Sembra strano che il paese che si ammanta della retorica dei “diritti umani” più di ogni altro al mondo, sia il maggiore violatore di questi diritti non solo all’estero ma persino al proprio interno.

Fonte: The Guardian

Traduzione, sintesi  e nota: Luciano Lago

via Controinformazione

Article Tags:
·
Article Categories:
Controinformazione