Medio Oriente

L’Iran identifica l’organizzatore chiave delle proteste: Un ex agente CIA

“Il mentore principale di questo piano era uno statunitense di nome Michael Andrea, ex agente dell’antiterrorismo della CIA”, ha rivelato ieri Hojjatoleslam Mohamad Jafar Montazeri, il procuratore generale Iran.

Ha anche spiegato che Andrea, insieme a un membro del funzionario dei servizi segreti israeliani (Mossad), cospirò circa quattro anni fa contro l’Iran, così come “l’Arabia Saudita ha finanziato l’intera operazione.”

Egli ha anche aggiunto che il suddetto piano, soprannominato ‘Dottrina della Convergenza Conseguente’, si è basato su esigenze economiche delle persone, incitando, prima, proteste per il costo della vita, i prezzi dei servizi pubblici e  lerichieste finanziarie dei pensionati.

Tuttavia, la Hoyatoleslam Montazeri ha sottolineato, in seguito, hanno attuato la seconda fase del loro piano consistente nel provocare atti violenti e scontri tra la popolazione e le forze di sicurezza del paese.

Essi, hanno continuato, sognavano di destabilizzare e creare insicurezza in Iran, per poi facilitare l’ingresso del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) dall’Iraq e dall’Afghanistan, per creare violenza armata.

Tuttavia, la polizia iraniana ha trattato con cautela i rivoltosi e ha potuto ripristinare la calma, oltre a smantellare alcuni elementi interni che hanno collaborato con gli stranieri per danneggiare la Repubblica islamica.

Secondo il procuratore iraniano, “gli stupidi” messaggi consecutivi pubblicati dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump a sostegno dei disordini in Iran, e il seguente sostegno da parte di Israele, Regno Unito e alcuni altri paesi, hanno dimostrato che tutto era “completamente organizzato da prima.”

via L’Antidiplomatico