GeoIngegneria Scie Chimiche

MANIPOLAZIONE METEROLOGICA TRAMITE IL CARBURANTE DEGLI AEREI

Composizioni combustibili per la generazione di aerosol, particolarmente adatte per la modificazione della nuvola e il controllo del clima (meteo) e il processo dell’aereolizzazione

E’ possibile modificare le condizioni meteorologiche e manipolare i cicli pluviometrici,intervenendo sulle nubi tramite l’impiego di carburantiidonei? La risposta è affermativa. A titolo di esempio, vi proponiamo un brevetto risalente al lontano 1973 e nel 1977 assegnato al Consiglio Nazionale per le ricerche (C.N.R.). Nel testo è spiegato in modo approfondito com’è possibile alterare la composizione del combustibile al fine di abbattere l’umidità atmosferica e dissolvere le formazioni nuvolose che potrebbero causare precipitazioni piovose. Ciò è possibile additivando alluminiomagnesio ed altri elementi alcalini che, reagendo con i solfuri di scarto, derivanti dalla combustione, determinano una fine miscela di nanopolveri igroscopiche. E’ quindi evidente com’è vantaggiosa ed economica la collaborazione delle compagnie civili, giacché la capillarità delle rotte commerciali permette di intervenire ovunque si intenda distruggere o deviare intere perturbazioni. …
Il brevetto può essere scaricato QUI.

Questo passo in particolare è molto interessante: “Abbiamo trovato che l’alluminio è il metallo più adatto in quanto, oltre ad essere relativamente economico, può essere considerato inerte a temperatura ambiente (questa caratteristica è un fattore importante per la sicurezza nella preparazione e trasporto delle composizioni descritte), produce un calore notevole di combustione che favorisce una buona continuità di reazione e una buona dispersione di aerosol. Inoltre è disponibile sul mercato nella purezza e dimensione delle particelle adeguate. Tuttavia, magnesio e altri elementi altamente reattivi a temperatura ambiente possono essere utilizzati se vengono adottati espedienti adatti, come ad esempio quello di incorporare e rivestire i granuli di composizione con idonee sostanze inerti e/o leganti. Un espediente adatto per prevenire i pericoli consiste nel riscaldare separatamente il mg e l’ossidante a circa 70 ° C. e mescolando, vengono incollati con piccole quantità di paraffina fusa e quindi amalgamati insieme. In pratica, l’incollatura (miscelazione) viene effettuata sulla presenza di polimeri che, dopo l’impostazione, ottengono “cariche segmentate” e gli ingredienti sono più sicuri da manipolare poiché le miscele reattive in polvere vengono rivestite ed immobilizzate dai polimeri solidi”.

ARTICOLO INTEGRALE VEDI QUI 

RAINBOW EFFECT

via Nogeoingegneria

IN EVIDENZA