Controinformazione Vaccini

MISTERIOSO VIRUS, NEGLI USA E IN CANADA, COLPISCE PRINCIPALMENTE I BAMBINI VACCINATI

Dave Mihalovic 

Sa Defenza
Viene considerato un virus respiratorio grave noto come EV-D68. Colpisce duro e veloce e ha già creato un’epidemia in Colorado, Missouri, Utah, Kansas, Illinois, Ohio e altri quattro stati nel Midwest. Ha anche attraversato il Canada con casi confermati in Alberta, British Columbia e Ontario. Anche se non esiste un vaccino noto per il virus, ironicamente un tema comune è stato scoperto in coloro che sono stati infettati … sono stati tutti vaccinati.


I sintomi possono imitare quelli del virus dell’influenza, ma possono avere un impatto molto più terribile su quelli che si ammalano. La dottoressa Mary Anne Jackson, direttore della divisione ospedaliera per malattie infettive, ha condiviso la sua preoccupazione con la CNN .

“È peggio in termini di portata per i bambini gravemente malati che richiedono cure intensive. Lo chiamerei senza precedenti. Ho praticato per 30 anni in pediatria, e non ho mai visto niente del genere. “

L’Enterovirus D68 (EV-D68) ha infettato più di 150 bambini negli Stati Uniti e si è recentemente diffuso in Canada con 18 casi confermati in tre province.

Finora, nessuno è morto per il virus, ma decine di bambini hanno dovuto essere curati in reparti di terapia intensiva.

Gli Enterovirus, come EV-D68, sono correlati al comune virus del raffreddore e possono diffondersi da persona a persona attraverso la tosse e gli starnuti, a stretto contatto con persone infette o toccando una superficie contaminata. In generale, gli Enteroviruscircolano e raggiungono il picco nei mesi estivi e autunnali, quindi non è raro vedere aumentare malattie causate da Enterovirus in questo periodo dell’anno, tuttavia l’intensità con cui il virus sta attaccando i bambini è rara.

Ci sono più di 100 tipi di Enterovirus che causano circa 10 a 15 milioni di infezioni negli Stati Uniti ogni anno, secondo il CDC. Sono trasportati nel tratto intestinale e spesso si diffondono ad altre parti del corpo.

Anche se non esiste un vaccino noto per il virus, e lo scopo che raggiungerà è pure sconosciuto, quelli che sono diventati infetti stanno seguendo un tema comune. Sono stati tutti vaccinati con i vaccini MMR, i vaccini antinfluenzali e i vaccini antipolio. Certamente, molti bambini negli Stati Uniti sono stati vaccinati e molti devono essere vaccinati per entrare a scuola. Tuttavia,è interessante notare che la malattia NON si sta verificando nei bambini che NON sono stati VACCINATI.


“Finora tutti i rapporti che stiamo vedendo arrivano da bambini che sono stati parzialmente o completamente immunizzati”, 
ha detto la dottoressa Heather Ashton, specialista in malattie infettive. “I rapporti sono gestiti attraverso il sistema di sorveglianza degli enterovirus nazionali e i riassunti finora provengono tutti da popolazioni pediatriche vaccinate negli Stati Uniti e in Canada”.

Il dottor Pritish Tosh, un ricercatore medico di malattie infettive presso la Mayo Clinic, ha aggiunto: “Quando si tratta di malattie respiratorie nei giovani, possono essere gravi e portare a ricoveri ospedalieri e al bisogno di cure intensive. E sembra che attraverso questo ceppo del virus sta causando infezioni nei bambini abbastanza gravi da farli ricoverare in ospedale “.

Perché i bambini vaccinati sono più suscettibili alle malattie di quelli non vaccinati?

Oltre alle tossine ambientali e al nostro approvvigionamento alimentare, i vaccinirimangono una delle più grandi minacce alla salute dei nostri bambini .

In uno studio del 2011 sul Journal of Virology, i ricercatori del Erasmus Medical Center  nei Paesi Bassi hanno dimostrato che un vaccino antinfluenzale regolare nei bambini peggiora in realtà un aspetto chiave del loro sistema immunitario antinfluenzale. Questa ricerca non è stata condotta da scienziati che hanno in antipatia i vaccini. Piuttosto, è stato condotto da ricercatori pro-vaccini che hanno trascorso le loro carriere cercando di sviluppare vaccini migliori. L’autore principale Rogier Bodewes ha consegnato il messaggio, che fa riflettere, mentre ha spiegato che i vaccini antinfluenzali “hanno potenziali inconvenienti che sono stati in precedenza apprezzati e che sono anche oggetto di dibattito“.

Comprendeva una valutazione scientifica altamente avanzata sul sistema immunitario. I ricercatori hanno raccolto il sangue da 27 bambini sani e non vaccinati con un’età media di 6 anni e 14 bambini con fibrosi cistica che hanno ricevuto un vaccino antinfluenzale annuale. I bambini non vaccinati sono risultati avere una risposta immunitaria superiore, fornendo loro una protezione più ampia contro ciò che potrebbero affrontare in una stagione influenzale, compresi i ceppi pandemici.

Secondo [2011 agosto] Stato di salute dei bambini non vaccinati: le malattie nei bambini non vaccinati , i risultati mostrano che i bambini non vaccinati sono molto meno colpiti dalle malattie comuni.

Asma, febbre da fieno e neurodermatite. Uno studio tedesco con 17461 bambini tra 0-17 anni (KIGGS) ha mostrato che il 4,7% di questi bambini soffre di asma, il 10,7% di questi bambini da febbre da fieno e il 13,2% da neurodermite. Questi numeri differiscono nei paesi occidentali, ovvero la prevalenza di asma tra i bambini negli Stati Uniti è del 6% mentre è del 14-16% in Australia (Australia’s Health 2004, AIHW). La prevalenza di asma tra i bambini non vaccinati nello studio era dello 0,2%, raffreddore da fieno 1,5% e neurodermite 2%.

Secondo lo studio KIGGS più del 40% dei bambini di età compresa tra 3 e 17 anni sono stati sensibilizzati contro almeno un allergene testato (20 allergeni comuni sono stati testati) e il 22,9% ha avuto una malattia allergica.

KIGGS ha mostrato che il 12,8% dei bambini in Germania aveva l’herpes e l’11% soffre di otite media (un’infiammazione dell’orecchio medio). Se si confronta questo con l’herpes infantile nel non vaccinato è molto raro (meno dello 0,5%).

Nei bambini di età inferiore ai 3 anni le verruche sono molto rare. Dopo i 3 anni, tuttavia, la prevalenza è in aumento. Tra i 4 e i 6 anni, il 5-10% dei bambini ha le verruche, nella fascia di età 16-18 anni, il 15-20% ha le verruche. (Fonte: netdoktor.at ) . Solo il 3% dei bambini non vaccinati nel sondaggio presentava verruche.

I bambini NON vaccinati hanno cinque volte meno probabilità di avere l’asma rispetto ai vaccinati, 2,5 volte meno probabilità di avere problemi di pelle e 8 volte meno probabilità di essere iperattivi.

Nanobacteria e Mycoplasma


Prova incredibile che cambierà il modo in cui pensi al cancro

Ci sono anche somiglianze con il micoplasma e con i nanobatteri scoperti di recente, attualmente considerati le più piccole forme di vita e sono note per contaminare i vaccini commerciali. I nanobatteri sono onnipresenti e possono essere coinvolti nella patologia di molte malattie attualmente considerate di causa sconosciuta.

Donald W. Scott, redattore di The Journal of degenerative Diseases e co-fondatore della Common Cause Medical Research Foundationcollega i vaccini all’AIDS (come Hillerman) e alle ricerche statunitensi di armi biologiche e afferma che siano contaminati da micoplasma , un batterio primitivo che smonta le pareti cellulari.

Nel maggio 2005, il Dr. Olavi Kajander ha consegnato un messaggio, che fa riflettere, a una riunione congiunta della FDA statunitense e dell’Agenzia europea per i medicinali sulla sicurezza virale quando ha presentato nuove prove a sostegno di qualcosa pubblicato per la prima volta nel 1997: i vaccini sono contaminati da nanobatteri. Dal 1999, le agenzie governative non hanno fatto praticamente nulla per indagare sulla richiesta, in gran parte a causa dell’esperimento NIH che non ha utilizzato le particelle scoperte da Kajander come campioni di controllo; così ora che la contaminazione da vaccino è stata ufficialmente segnalata alle autorità, la domanda è: cosa si farà?

Forse la massima autorità scientifica che afferma che i vaccini sono contaminati è Garth Nicolson. È un biologo cellulare e direttore del Journal of Clinical and Experimental Metastasis e del Journal of Cellular Biochemistry. È uno degli scienziati più citati al mondo, avendo pubblicato oltre 600 articoli di peer-review medici e scientifici, edito in 14 libri, e servito nelle redazioni di 28 riviste mediche e scientifiche. Non sta solo dicendo che i vaccini sono contaminati dal micoplasma, ma sta avvertendo che gli Stati Uniti lo sono. Nicolson va oltre e dice che siamo tutti danneggiati da da questi contaminanti, contraendo malattie croniche degenerative. Questo danno si traduce nei pazienti per tutta la vita (e quindi sono un profitto per tutta la vita) per l’industria farmaceutica che produce i vaccini e afferma che questo non sembra essere casuale.

nanobatteri sono nuovi microrganismi che non sono rilevabili con gli attuali metodi di test di sterilità, ma sono rilevabili con nuove colture e immunometodi. Sono comunemente presenti nei bovini e nei prodotti sanguigni e quindi nelle colture cellulari e negli antigeni, compresi i vaccini da essi derivati ​​e possono essere presenti nei prodotti anticorpali e delle gammaglobulineI nanobatteri sono un potenziale rischio a causa delle loro proprietà citotossiche e della capacità di infettare i feti, e quindi la loro patogenicità dovrebbe essere esaminata attentamente.

Il problema con i micoplasmi è che potenzialmente ogni vaccino potrebbe avere un certo livello di contaminazione. Myco indica funghi, ma il micoplasma non è in realtà un fungo, un batterio o un virus. È un po come uno pseudo tutti loro. Non ha una parete cellulare, entra in profondità nei nuclei delle cellule rendendo così molto difficile far montare contro una risposta immunitaria .

Il Dr Larry Palevskyun pediatra certificato a New York , che per dieci anni sottoponeva regolarmente vaccini ai suoi pazienti fino a quando non li notava perdendo il contatto visivo e poi iniziava a esaminare i vaccini che aveva ciecamente affidato. Ha scoperto i vaccini che sono TUTTI contaminati da virus così piccoli che non possono essere rimossi. Non è possibile da più vaccini. Ora tratta i suoi pazienti giovani per autismo e altre lesioni neurologiche da vaccini.

I vaccini stanno causando mutazioni che potrebbero mettere a rischio la salute delle generazioni future

I vaccini stanno causando un numero senza precedenti di mutazioni che creano superbatteri e potenti virus e batteri che potrebbero eventualmente minacciare le generazioni future e l’umanità stessa. Le prove riscontrate dalla comunità scientifica continuano ad aumentare e ora si ammette che alcuni VACCINI sono di fatto la CAUSA di mutazioni sia virali che batteriche.

Gli agenti patogeni potenzialmente letali sono in grado di evolversi rapidamente e di sviluppare richiami genetici che servono a camuffarli anche dai medicinali più potenti. La ricercatrice dell’Università di OxfordRory Bowden, ha scoperto che gli agenti patogeni modificano il materiale genetico con altri batteri, e prevalentemente per la parte del genoma responsabile della realizzazione del rivestimento cellulare, che è l’area bersagliata dai vaccini.

L’ex ricercatore post-dottorato del Center for Infectious Disease DynamicsGrainne Long ha scoperto che la vaccinazione ha portato a un aumento di 40 volte della colonizzazione di B. parapertussis nei polmoni.  I suoi dati hanno suggerito che il vaccino potrebbe contribuire all’aumento osservato dell’incidenza della pertosse nell’ultimo decennio promuovendo l’infezione da B. parapertussis.

I microbiologi dell’Università del New South Wales hanno scoperto che varianti del batterio della pertosse con una particolare firma genetica sono aumentate fino all’86% di tutti i campioni prelevati da persone infette dopo che nel 2008 è iniziata un’epidemia di pertosse continua.

Sebbene i ceppi fossero presenti in Australia già nel 2000, rappresentavano solo il 31 per cento di tutti i campioni raccolti tra il 2000 e il 2007 – il che suggerisce che siano fioriti a fianco dell’attuale vaccino.

Ha avvertito che altri paesi che usano vaccini simili dovrebbero stare attenti alle variazioni delle caratteristiche genetiche rilevate nel virus della pertosse.

Nell’Italia meridionale, 44 contatti di portatori di virus dell’epatite B, compresi i neonati di madri portatrici, sono diventati HBsAg positivi nonostante la vaccinazione passiva e attiva secondo i protocolli standard. In 32 di questi vaccini l’infezione è stata confermata dalla presenza di ulteriori marcatori di replicazione virale. I ceppi di HBV contenenti modelli di mutazione di fuga di vaccino sono competenti per la replicazione e si dimostrano infettivi e patogeni.

Fonti:
gc.ca 
inquisitr.com 
myfox8.com 
vox.com 
salem-news.com 
netdoktor.at 
whale.to 
ctvnews.ca 
thestar.com 
smh.com.au 
psu.edu 
ncbi.nlm.nih.gov

L’autore Dave Mihalovic è un medico naturopata specializzato in ricerca sui vaccini, prevenzione del cancro e approccio naturale al trattamento.

IN EVIDENZA