background img
Complottisti Staff

Prima prova di osservazione che il nostro universo è un ologramma

4 settimane ago written by

Secondo un nuovo studio, l’universo in cui viviamo potrebbe essere un “ologramma vasto e complesso“. Inoltre, la nostra percezione della vita in 3D può essere solo un’illusione. Per la prima volta in assoluto, un team di fisici ha fornito alcune delle prove più chiare in cui dimostrerebbe che il nostro universo potrebbe essere solo un grande ‘ ologramma ‘.

L’universo è un ologramma

L’esistenza di un “universo olografico” fu proposta per la prima volta negli anni ’90 e indica che tutte le informazioni, che costituiscono la nostra “realtà” 3D, sono in realtà contenute in una superficie 2D sui suoi confini.

Mentre l’idea di un universo olografico esiste da decenni fino ad ORA, questa bizzarra teoria non è mai stata testata.

Tuttavia, recenti modelli matematici sembrano suggerire che il principio rivoluzionario e controverso potrebbe essere vero.

I ricercatori dello studio arrivarono a questa conclusione dopo aver indagato sulle irregolarità riscontrate nel “bagliore” del Big Bang.

I ricercatori suggeriscono di aver trovato prove sostanziali che supportano l’esistenza di un universo olografico. Questa scoperta trasformerà la nostra conoscenza dell’intero universo.

Uno scienziato dell’università di Southampton, insieme ai colleghi dell’Università di Waterloo (Canada); del Perimeter Institute (Canada); dell’INFN, di Lecce (Italia); e l’Università del Salento (Italia), ritengono che ci siano tante prove per questa teoria come per le spiegazioni tradizionali di queste irregolarità. Il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Physical Review Letters.

Parlando della scoperta, il professor Kostas Skenderis, di scienze matematiche all’Università di Southampton, ha dichiarato:

“Immagina che tutto ciò che vedi, senti e ascolti in tre dimensioni (e la tua percezione del tempo) in effetti provenga da un campo bidimensionale piatto. L’idea è simile a quella degli ologrammi ordinari in cui un’immagine tridimensionale è codificata in una superficie bidimensionale, ad esempio nell’ologramma su una carta di credito.”

“Tuttavia, questa volta, l’intero universo è codificato.”

I ricercatori dicono che la loro teoria può essere paragonata a guardare un film in 3D.

Anche se il film in sé non è un ‘ologramma’, poiché le immagini che vediamo hanno altezza, larghezza e profondità, tutto ha origine da uno schermo FLAT 2D.

Gli scienziati dicono che c’è una differenza cruciale: nel nostro universo 3D, possiamo toccare gli oggetti e la “proiezione” è “reale” dal nostro punto di vista.

Come spiegato da ScienceAlert , l’idea generale è che il volume dello spazio sia  “codificato” su un confine  – o un orizzonte gravitazionale dipendente dall’osservatore – il che significa che richiede una dimensione inferiore a quella che appare.

“Immagina che tutto ciò che vedi, senti e ascolti in tre dimensioni (e la tua percezione del tempo) in effetti provenga da un campo bidimensionale piatto”,  dice uno dei membri del team, Kostas Skenderis dell’Università di Southampton, nel Regno Unito.

“L’idea è simile a quella degli ologrammi ordinari, in cui un’immagine tridimensionale è codificata in una superficie bidimensionale, ad esempio nell’ologramma su una carta di credito. Tuttavia, questa volta, l’intero universo è codificato. “

Sono confuso, viviamo in un ologramma?

Non proprio. In realtà, i ricercatori dicono che sono lontani dal provare che il nostro primo universo era in realtà una proiezione olografica, ma il fatto che prove osservative dal mondo reale potessero spiegare parti mancanti delle leggi della fisica in due dimensioni significa che non possiamo ragionevolmente governare fuori.

Niayesh Afshordi spiega che il loro modello non dimostra che viviamo tutti in un ologramma poiché il loro modello si applica all’universo nelle sue prime fasi.

La domanda su come le cose sono passate da due dimensioni a tre, non è stata ancora data una risposta da nessuno.

“Direi che non vivi in ​​un ologramma, ma potresti essere uscito da un ologramma”,  ha detto Afshordi a Gizmodo.”[Oggi], ci sono sicuramente tre dimensioni.” Fonte: This could be the first observational evidence that our early Universe was once a hologram.

A cura di Ufoalieni.it

Article Tags:
Article Categories:
Controinformazione