NWO

PROGETTO BLUE BEAM: programmazione verso il nuovo ordine globale

A partire da una ventina di anni fa, incominciarono a circolare delle voci, raccolte da alcuni giornalisti e studiosi indipendenti di ciò che riguarda il Nuovo Ordine Mondiale, circa il fatto che l’Agenzia Spaziale degli Stati Uniti d’America, la N.A.S.A., stava lavorando ad un ambizioso e spericolato progetto di manipolazione globale, il cui scopo ultimo sarebbe l’instaurazione di una nuova religione mondiale, nella quale dovrebbero confluire, fondendosi e dissolvendosi, tutte le religioni storiche esistenti, in modo da facilitare l’avvento di un unico governo mondiale e di una sola cultura ad esso sottesa, versione aggiornata e perfezionata dei totalitarismi del XX secolo.

Il principale diffusore di queste sensazionali rivelazioni è stato un giornalista investigativo del Quebec, poeta, saggista e studioso di storia segreta, Serge Monast (1945 – 5 dicembre 1996), figura molto conosciuta e piuttosto popolare presso il pubblico del suo paese, conosciuto in particolare per aver denunciato il progetto della N.A.S.A. noto come Blue Beam.

In pratica, il progetto consisterebbe in una operazione da sviluppare in quattro fasi:

Nella prima fase, verrebbero fatti ritrovare, “casualmente”, ma in realtà in maniera pilotata, una serie di reperti archeologici scioccanti dal punto di vista delle varie religioni oggi esistenti, che tenderebbero a screditarle da un punto di vista storico, con lo scopo di seminare lo sconcerto e la confusione fra milioni di credenti e di incrinare la saldezza della loro fede, rendendoli più fragili, ma anche più “aperti” e più disposti ad accogliere stimoli di altra provenienza, che, altrimenti, non prenderebbero neppure in considerazione. Inoltre, verrebbe avvalorata una visione puramente naturalistica dello sviluppo umano, religioni comprese, e verrebbero definitivamente liquidate, e relegate tra le “favole” del passato, sia la visione spirituale della vita, fondata sulla credenza nell’anima immortale, sia la fede in una dimensione soprannaturale, abolendo, di fatto, il concetto di “sacro” così come l’umanità lo ha finora conosciuto.

Nella seconda fase, verranno proiettate in cielo, ad altissima quota, immense immagini dei fondatori delle diverse religioni, ciascuna nella rispettiva area geografica, il tutto mediante la tecnica dell’ologramma, servendosi di raggi laser. Le immagini avrebbero una apparenza straordinariamente realistica, presentandosi come tridimensionali, e potrebbero anche “parlare”, grazie all’impiego di una particolare tecnica del suono. Verrebbero fatti comparire anche numerosi Oggetti Volanti Non Identificati, aumentando l’ansia, la confusione e soprattutto il senso spasmodico di aspettativa.

La terza fase – la più difficile da “digerire” per gli scettici – si baserà su sofisticate tecniche di manipolazione mentale, ottenute attraverso l’impiego di vere e proprie tecnologie telepatiche, basate sulle onde magnetiche. L’obiettivo sarà quello di fare in modo che un grandissimo numero di persone abbia, o meglio, creda di avere, delle apparizioni del “dio”, e che entri in comunicazione con lui, come avviene nei fenomeni mistici. Il risultato finale dovrebbe essere la creazione di un “pensiero diffuso artificiale”, cosa su cui da anni si stanno svolgendo esperimenti segreti da parte di istituzioni governative statunitensi, il cui scopo è implementare la “fiducia” dei militari del proprio esercito, e, viceversa, diffondere lo scoraggiamento fra il personale degli eserciti nemici.

Questa terza fase vedrebbe l’instaurazione ed il consolidamento della nuova religione mondiale, in cui l’umanità finirebbe per credere, sulla base di supposte esperienze interiori, ritenute autentiche.

Nella quarta fase verrebbero tirate le fila della congiura globale. L’essere “divino”, spirante amore e benevolenza universale, faciliterebbe l’arrendevolezza e la sottomissine dell’umanità ai voleri di un nuovo governo mondiale unico, presentato, ovviamente, come una grande occasione di pace e di progresso, in quanto allontanerebbe ogni pericolo di guerre future tra le nazioni. Solo che l’umanità, a quel punto, verrebbe interamente schiavizzata, e sia pure nella forma “dolce” di un consenso volontario; peraltro, verrebbe creato, sempre per il bene dell’umanità, un esercito unico, che, a quel punto, avrebbe più che altro la funzione non già di combattere contro nemici inesistenti, ma di tenere costantemente sotto controllo la popolazione.

Tra il 1995 e il 1996, le istituzioni cominciarono a perseguitare il ricercatore canadese: non volendo che i suoi figli ricevessero un’”istruzione” pubblica, aveva deciso di educarli in casa. Le autorità gli sottrassero la prole e lo perseguirono per aver violato la legge. Il 5 dicembre 1996, dopo essere stato arrestato dalla polizia canadese ed aver trascorso una notte in prigione, Serge Monast morì improvvisamente per un “attacco di cuore“, anche se non soffriva affatto di malattie cardiache.

Gli obiettivi del Movimento New Age sotto cui operano proprio adesso le Nazioni Unite sono l’implementazione di un ‘Messia’ del nuovo mondo.
Gli strumenti del Nuovo Ordine Mondiale sono:
1. Un esercito internazionale;
2. Una forza di polizia internazionale;
3. Una banca mondiale per l’economia;
4. Un governo mondiale sotto le Nazioni Unite;
5. Una banca mondiale conservatrice per la preservazione delle zone naturali del mondo. Ciò significa che tutti i movimenti ‘verdi’ saranno riuniti nella nuova banca mondiale o spariranno del tutto;
6. Una religione mondiale nella quale tutte le dottrine della chiesa saranno distrutte alla radice, per essere sostituite dalla nuova religione mondiale dell’era dell’Aquario;
7. La classificazione delle sette razze mondiali per tutti gli schiavi umani che svolgeranno determinati compiti, che siano d’accordo o meno;
8. Sedi di concentramento mondiali presso le Nazioni Unite per coloro che non accettano il nuovo sistema;
9. Il controllo dell’agricoltura mondiale e delle scorte di cibo, che controllerà le scorte di cibo e vitamine nel mondo.
Il Nuovo Ordine Mondiale sarà un sistema di governo ‘intermedio’ per l’URSS, l’Inghilterra e tutti i suoi commonwealth e gli Stati Uniti, con la loro popolazione eterogenea.
Questo, in ultima analisi, è un nuovo ordine spirituale e politico mondiale che sostituirà quelli vecchi sotto i quali viviamo adesso.
Il pensiero positivo, salto quantico, maestri ascesi, sono solo alcune delle parole d’ordine New Age promosse per “contrastare” il NWO. Però, questa religione sincretica, non proviene dal basso, non è un fenomeno spontaneo, ma è stata elaborata e imposta dall’élite Teosofica e Gesuita, e agisce come strumento di manipolazione delle coscienze; infatti, il modo in cui viene presentata è molto ammaliante; essa parla di luce (Lucifero), di riconciliazione, di pace nel mondo…ma quello che dovrebbe farvi riflettere è che è stata concepita dalla stessa classe di persone che nello stesso tempo schiavizza, sottomette, intossica, bombarda e affama i popoli.
La resistenza calcolata alla nuova religione, al NWO e al nuovo ‘Messia’ comporteranno perdite umane su scala immensa nelle conseguenti ‘guerre sante’. Il ‘PROGETTO BLUE BEAM’ fingerà di essere il compimento universale delle profezie dell’antichità, un evento imponente come quello che avvenne 2000 anni fa. In principio, esso userà il cielo come schermo per proiezioni olografiche per satelliti spaziali che generano laser [guerre stellari]. Questi proiettori proietteranno immagini simultanee nei quattro angoli del pianeta, in ogni lingua, a seconda della regione. Esso tratta l’aspetto religioso del NWO. Il sistema è già stato collaudato. Le proiezioni olografiche dell’‘Immagine di Cristo’ sono già state viste in alcune zone sperdute del deserto. Queste sono state riportate solo sui tabloid, quindi sono state immediatamente rese discutibili. Essi possono proiettare anche immagini di alieni, mostri, angeli – chiamateli come volete. I computer coordineranno i satelliti e il software farà partire la manovra per attirare consensi. L’olografia è basata su segnali quasi identici che si combinano per produrre l’immagine o ologramma, con una percezione della profondità. Questo è ugualmente applicabile alle onde acustiche [ELF, VLF, LF] come ai fenomeni ottici. Nello specifico, lo ‘spettacolo’ consisterà di proiezioni laser di immagini olografiche multiple nelle diverse parti del pianeta, ognuna delle quali riceverà un’immagine diversa secondo la fede religiosa nazionale predominante. Nessuna zona sarà esclusa.
Con animazioni computerizzate ed effetti sonori che sembrano provenire dalle profondità dello spazio, i seguaci attoniti dei vari credi osserveranno il ritorno dei loro Messia in un reality dalla plausibilità convincente.
“Una volta che avete preso un tipo di informazione e l’avete ridotta ad uni e zeri potete fare alcune cose molto interessanti.
Il ‘digital morphing’ – voce, video e foto – è divenuto attuale, disponibile per l’uso nelle operazioni psicologiche. Il PSYOPS, come lo chiama l’esercito, cerca di sfruttare le vulnerabilità umane nei governi, negli eserciti e nelle popolazioni nemiche, per perseguire obiettivi nazionali e sul campo di battaglia.
Per alcuni il PSYOPS è una disciplina militare stagnante di volantini che cadono e propaganda radio. Per un gruppo in crescita di tecnologi della guerra dell’informazione, è il legame tra fantasia e realtà. Essere in grado di produrre audio o video convincenti – dicono – può fare la differenza in una operazione o colpo di stato miliatare riuscito.” – Daniel T. Kuehl, presidente dell’Information Operations Department della National Defense University di Washington, la scuola dell’esercito per la guerra dell’informazione
– ORIGINE DEL PROGETTO –

Negli anni ’60 del Novecento, durante l’amministrazione Kennedy, venne costituito un gruppo di 15 esperti in vari campi, affinché redigessero uno studio sui metodi di controllo della popolazione e di centralizzazione del potere senza l’uso di guerre. Due dei suggerimenti che venivano dati per centralizzare il potere erano: creare una minaccia nei confronti dell’ambiente e una minaccia di invasione extraterrestre. La moderna esplosione di avvistamenti UFO iniziò dopo la seconda guerra mondiale, quando i tedeschi avevano già messo a punto alcuni prototipi di “dischi volanti”. Il Progetto Paperclip fu un’operazione congiunta dei servizi segreti americani e inglesi, per far uscire dalla Germania i principali scienziati, ingegneri, genetisti e manipolatori mentali nazisti, e mandarli nell’America settentrionale e meridionale. Così le nozioni sugli UFO si sarebbero trasferite dall’altra parte dell’Atlantico e poco tempo dopo gli avvistamenti di dischi volanti aumentarono vertiginosamente negli Stati Uniti. Il famoso episodio di Roswell è del 1947.

– Steven Greer ed il suo Progetto “Disclosure” sugli Ufo finanziato da ROCKEFELLER –

Laurance Rockefeller era un appassionato di UFO e fondò la UFO Disclosure Initiative alla Casa Bianca di Clinton. Questa iniziativa aveva lo scopo di chiedere tutte le informazioni UFO in possesso del governo, anche dalla CIA e dalla US Air Force, al fine di essere declassificate e rilasciate al pubblico. Laureance Rockefeller finanziò anche un rapporto intitolato “Documento di Informazione sugli Oggetti Volanti non Identificati” in cui raccolse le migliori prove disponibili sull’esistenza degli UFO.

Steven Greer è un medico statunitense noto in ambito ufologico quale fondatore delle associazioni private senza scopo di lucro CSETI (fondata nel 1990) e Disclosure Project(fondata nel 1993).  Greer ha fondato il Disclosure Project con l’obiettivo di produrre prove e testimonianze sui fenomeni UFO. Rimane celebre in ambito ufologico il convegno chiamato proprio “The Disclosure project”, tenutosi il 9 maggio 2001 in Washington DC presso il National Press Club. In questo incontro erano presenti molti militari o ex militari, tutti accomunati dal fatto di essere ansiosi di rivelare al mondo la presenza degli Ufo.
Questo progetto è propagandato da una risma di siti e associazioni ufologiche “alternative”.

“Alcuni scienziati cooperativi e/o utili idioti vengono utilizzati di nuovo come facciata del mito degli UFO. Io consiglio i lettori di dare un’occhiata al Disclosure Project. Guidato dal programmatore di controllo mentale della Maharishi University Steven Greer, il Progetto Disclosure presenta scienziati della NASA, ingegneri e astronauti che portano storie avvincenti di insabbiamento governativo degli UFO. L’affermazione che si sta esponendo un cover-up è un trucco standard per produrre la credibilità rispetto all’effettiva disinformazione proveniente dal governo. Riferisco ai lettori di uno scienziato della NASA [Carol Rosin] che ha sostenuto che lo stesso Werner von Braun nel 1974 disse che la Guerra Fredda era una falsa minaccia per giustificare il grande controllo da parte del governo e che in seguito sarebbe stata utilizzata l’idea dei terroristi internazionali; e, infine sarebbe arrivata la minaccia di un’invasione extraterrestre. Questo è il ‘gancio’. 
Serge Monast e un altro ricercatore, che insieme hanno esposto la vera agenda del Nuovo Ordine Mondiale, sono stati uccisi. La figlia di Monast è stata rapita. Al contrario, Steven Greer e Carol Rosin hanno promosso il ‘cover-up degli UFO da parte della NASA’ dal 1993 e nulla è mai accaduto loro. Ne concludo che il Disclosure Project è il braccio propagandistico del controspionaggio del progetto Blue Beam.” – Henry Makow

– La GEOINGEGNERIA come mezzo per creare uno schermo di proiezione –

La geoingegneria clandestina viene usata anche per la creazione di un ambiente atto alla proiezione di immagini olografiche in vista di una falsa invasione aliena (ventilato da qualche studioso e collegato al Progetto Blue Beam).

“I militari hanno già costruito una grande quantità di aerei che dovrebbero essere richiesti per questo scenario di geoingegneria, riducendo il costo potenziale di questo metodo. Siccome i cambiamenti climatici sono un’ importante questione di sicurezza nazionale [Schwartz and Randall, 2003], i militari potrebbero essere istruiti a eseguire questa missione con gli aerei esistenti a costi addizionali minimi” – ‘Benefits, risks, and costs of stratospheric geoengineering’
di Alan Robock, Allison Marquardt, Ben Kravitz; Department of Environmental Sciences, Rutgers University, 2009

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

– NASA & ROTHSCHILD –

Lynn Rothschild – NASA Earth Science Division, Biospheric Science Branch Staff

Bill Rothschild – Vice President & General Manager at Space Systems Concepts, Inc. (Partner NASA)

Richard E. Rothschild – NASA University of California, San Diego

“E’ triste, desolante, ammettere che in questi mala tempora ce la dovremo cavare da soli, ma è preferibile una dura verità, ad un sogno fallace.”

via Project Phoenix