GeoIngegneria Scie Chimiche

Smart Dust – Polvere Neurale Per Controllare Muscoli, Nervi e fare tanto altro

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/tecnologie/2016/08/04/polvere-neurale-per-controllare-muscoli-e-nervi-_60f9e2fa-01a3-4e17-adb5-87de82649ae4.html

Articolo de La Repubblica datato 31 Ottobre 2002, ora siamo nel 2018, non credo proprio che queste Smart Dust siano fuori moda e non aggiornate.

smart dust è un nome dato a elaborate particelle estremamente molto piccole, Chip RFID, e altre tecnologie di dimensioni molto ridotte.

Un popolare articolo dell’Estrem Tech come descritto nel titolo:”Smart dust: un computer completo che è più piccolo di un granello di sabbia.“Un noioso articolo di guerra è intitolato “Minuscoli sensori grandi come un granello di sabbia ‘Smart Dust’ potrebbero essere il futuro per le armi i militari.”

Un documento (“polvere intelligente” – dispositivi nanostrutturati in ungranello di sabbia“) presso l’Università della California, San Diego descrive la polvere intelligente:”Il termine ‘polvere intelligente’ sono l’origine di cui sono fatti i dispositivi semiconduttori wireless miniaturizzati realizzati con tecniche di fabbricazione derivate dall’industria microelettronica. Questi dispositivi incorporano rilevamento, calcolo e comunicazione in un pacchetto in dimensioni di pochi centimetri”.E’ un’eventualità che viene promossa come polvere intelligente la quale coprirà strade e gli edifici per l’identificazione delle persone, la gente avrà polvere intelligente nei loro corpi, e altre cose descrittenelle televisioni mainstream e dei media. Questo viene dipinto come un felice quadro utopico.

Tuttavia, la storia delle entità coinvolte nella creazione di smart dust mostrano una prospettiva diversa.

Gli stessi soggetti che creano la tecnologia distruttiva (droni, tecnologia di sorveglianza, la tecnologia per la guerra) sono coinvolti nella sua creazione: militari, funzionari di complessi industriali, della RAND Corporation dell’Hitachi, DARPA e tutti i loro collaboratori nel mondo accademico.

Come per tutte le tecnologie, le persone che lo determinano e lo esercitano viene usato a loro beneficio, o contro la gente comune.

La prima menzione di “polvere intelligente” viene dalla RAND Corporation.

Secondo Wikipedia: “I concetti di smart dust emersi da un workshop presso la RAND nel 1992 e una serie di studi ISAT DARPA a metà degli anni 1990 è causa delle potenziali applicazioni militari della tecnologia. In quel periodo il lavoro è stato fortemente influenzato della UCLA e l’Università del Michigan”.La Rand Corporation è stata coinvolta in una guerra moralmente riprovevole, pensando all’attività del suo contenuto e in particolare alla sua strategia, per diversi decenni.

Sono stati coinvolti nella strategia di guerra nucleare, venendo meno al rispetto della vita di tutti gli esseri sul pianeta in cui scenari di bombe nucleari sarebbero state fatte esplodere per vendicarsi contro la Russia a scapito di tutta la vita sulla Terra.

Tali scenari apocalittici sono stati esplorati in molte pubblicazioni RAND, e nel 2016, hanno esaminatole possibilità di guerra con la Cina. RAND ha pubblicato diversi articoli sull’irrorazione dei cieli, coinvolgendo nel tempo intere e ignare popolazioni con sostanze chimiche geoingegnerizzate.

Uno è intitolato “Ricerca diretta sulla geoingegneria – un’analisi di vulnerabilità politica e tecnica di opzioni possibili a breve termine.”

Con il recente annuncio, il governo degli Stati Uniti sta esaminando la ricerca sulla geoingegneria, che sarà presto disponibile, sembra un palese trattamento involontario sul popolo americano con materiale di geoingegneria.

Si comportano come se non ci avessero mai spruzzato.

La RAND è probabile che sia coinvolta con la complessa scienza utilizzata per il controllo sulle popolazioni, come implicato, in una loro pubblicazione dove si legge,  “Al di là delle rivoluzioni agricole e industriali del passato, una rivoluzione tecnologica globale sta cambiando il mondo. Questo libro tratta le grandi, multidisciplinari, e sinergiche tendenze in questa rivoluzione, tra cui la genomica, la clonazione, l’ingegneria biomedica, materiali intelligenti, un’agile produzione, dispositivi di calcolo nanofabricati, e microsistemi integrati.” Il principale giocatore storico nel complesso militare industriale è il Giappone, l’Hitachi ha sviluppato alcune delle più piccole particelle di polvere intelligenti mai divulgate al pubblico ben 15 anni fa,annunciando la misura di 0,4 millimetri x 0,4 millimetri con antenna esterna μ-Chip.

Già nel 2001 la “polvere intelligente” era di queste dimensioni.

Essa è rappresentata in questo meme popolare ancora in circolazione sui social media.

Considerando di quanto va indietro oggi la tecnologia,

  • Oggi, di quanto è molto più piccola la “polvere intelligente?”
  • Potrebbe essere abbastanza piccola per eseguire delle funzioni all’interno del corpo umano, o essere involontariamente spruzzata su di noi senza che noi ce ne rendiamo conto?
  • Considerando quello che non sappiamo sul funzionamento interno della DARPA, gli istituti di tecnologia così influenti nella guerra moderna, e le altre istituzioni storicamente pericolose, ciò che una tecnologia simile a polvere intelligente potrebbe essere pionieristica o addirittura da poter essere sperimentata su di noi?

Capire la storia della recente sperimentazione umana è necessario capire la probabilità di trattamento involontario con polvere intelligente.

Un documento presso la University of California, San Diego è intitolato “smart dust – Auto-assemblaggio, auto-orientamento di cristalli fotonici porosi.”

Si tratta di,

“porosi cristalli fotonici monodimensionali di dimensioni micrometriche.  Sicché,spontaneamente si riuniscono, si orientano, e in senso al loro ambiente locale.”A giugno 2016 l’articolo Singularity Hub è intitolato “smart dust Is Coming – Una nuova fotocamera dalla dimensione di un grano di sale.”

L’articolo spiega:”In un nuovo documento dell’Università di Stoccarda pubblicato su Nature Photonics, scienziati descrivono minuscole lenti 3D stampate e mostrano come possono riprendere immagini super-nitide.Ogni lente ha il diametro di 120 milionesimi di metro – meno delle dimensioni di un granello di sale da tavola – il fatto è che sono stampate in 3D in un unico pezzo, la complessità non è una barriera.Qualsiasi configurazione della lente può essere progettata su un computer, può essere stampata e utilizzata.””Le lenti – che comprendono elementi ottici singoli, doppie, triple – sono state stampatesu fili di fibra ottica e sensori digitali standard come quelli utilizzati nelle fotocamere.I ricercatori ritengono che le applicazioni delle immagini future mediche endoscopiche del corpo saranno meno invasive – anche le iniezione nel cervello – i sensori della fotocamera montati su droni in miniatura o robot saranno quasi invisibili.

“Hanno scritto che questo porterà a una pletora di nuovi dispositivi con enorme impatto sulla biotecnologia, ingegneria medica, e il monitoraggio della sicurezza.”

L’iniezione di polvere intelligente nel cervello di una persona per l’endoscopica immagine medica sarà”meno” invasiva?

Utilizzando batteri incapsulati in nanofibre elettrofilate per il trattamento dell’acqua e arricchire il suolo per le colture è in discussione in potenti istituzioni accademiche (incapsulamento di batteri e virus in elettrofilate Nanofibre) come nell’Institute Israel of Technology.

Ricercatori di geoingegneria sospettano che, le piccole particelle metalliche che stanno cercando sono state trovate dopo l’irrorazione delle scie chimiche e, possono essere una forma di polvere intelligente.

Le persone teorizzano che la polvere intelligente può essere spruzzata su di noi, e che una tecnologia simile può anche essere somministrata con forza per prendere il controllo del corpo umano.
Alcuni si chiedono se le torri GWEN potrebbero essere utilizzate in combinazione con la polvere deltipo della tecnologia-intelligente.

Anche se non è del tutto provato che le persone vengano involontariamente trattate con polvere intelligente, se vogliamo anticipare il futuro ed evitare un incubo distopico, saremmo saggi adesaminare tutte le possibilità, perché nel mondo di oggi, la tecnologia che è stata annunciata come rivoluzionaria per salvare la vita, spesso si è dimostrata l’esatto contrario.

Una volta che il pubblico viene blandito ad accettare qualcosa di salva-vita, da quel punto in avanti, le persone che criticano la scienza vengono ostracizzate.

Questa non è scienza come il metodo scientifico per testare in modo critico le prove e gli effetti di qualcosa e la ricerca, ma è un dogma della tecnologia.

I vaccini sono un esempio perfetto.

Una volta che la gente viene abituata e normalizzata a questo utilizzo, le persone che li mettono in dubbio vengono denigrate come teorici della cospirazione, una volta che su di loro viene attraversata quella soglia si rende difficile raggiungere chiunque con informazioni alternative.

Mentre parliamo, potenti istituzioni ed i loro scienziati pazzi stanno cercando di attraversare questa “soglia di normalizzazione” con la geoingegneria, e cercheranno di farlo con la polvere intelligente.

Mentre le persone che osservano le scie chimiche spruzzate nei cieli, hanno visto prove di pioggiapiene di alluminio, e hanno visto i brevetti di geoingegneria per spruzzare l’alluminio, sono stati messi da parte come i teorici della cospirazione per aver detto che è in corso una massicciairrorazione, i media mainstream e ora le folli istituzioni scientifiche stanno chiedendo apertamente dispruzzare i cieli per “combattere il cambiamento climatico.”

Un giorno, in cui le persone verranno normalizzate a combattere il cambiamento climatico, il governo potrebbe dichiarare “noi ora irroriamo”, e quelli che dicono la nostra salute potrebbe essere danneggiata dalle loro spruzzate irrorazioni geoingegnerizzate potrebbero essere chiamato pazzi.

Coloro che insistono che verranno spruzzate su di noi sostanze chimiche sotto forma di palesegeoingegneria potrebbero essere chiamate paranoiche, una volta che il pubblico avrà raggiunto la “soglia di normalizzazione”.

Per mantenere il controllo su ciò che la tecnologia ci somministra, i governi stanno spingendo ogni giorno per rendere i vaccini obbligatori, respirando particelle spruzzate nel cielo, e altre cose dannose per la salute, dobbiamo non permettere all’opinione pubblica di raggiungere quella soglia di farci accettare volontariamente un trattamento involontario.

Dopo che è passata la legge SB277 della California, i bambini che frequentano la scuola sono ora tenuti a ottenere una lunga lista di vaccini.

Secondo la SB277.org :”SB 277 elimina il diritto di un genitore di esentare i propri figli da uno, alcuni o tutti i vaccini, una procedura medica carica di rischi compresa la morte.Nel 2016, i genitori della California saranno costretti a dare ai loro figli più di 40 dosi di 10 vaccini raccomandati dal governo federale. Questo mandato aperto sul vaccino permette allo Stato della California di aggiungere eventuali ulteriori vaccini che ritengono necessari in qualsiasi momento.L’unica deroga a disposizione è una esenzione medica che i medici negano al 99,99 per cento a dei bambini di età inferiore alle linee guida federali”.

Una tecnologia che può essere pericolosa come la polvere intelligente, geoingegnerizzata, ecc,certamente sarà usata da parte dello stato profondo e complesso militare industriale contro gli interessi pubblici.

Soprattutto mentre l’opinione pubblica americana verrà così sedata dai racconti tradizionali in materia dalle indagini indipendenti sul funzionamento della classe dirigente.

da Pedro Aquila
18 gennaio 2017
da WakingTimes sito web

Fonte attiva: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

http://ningizhzidda.blogspot.it/2017/02/smart-dust-polvere-intelligente.html

Di essa egli scrive: “Il Pentagono la definisce la tecnologia strategica dei prossimi anni” (…) Il pulviscolo intelligente è fatto di miriadi di computer microscopici. Ognuno misura meno di un millimetro cubo, ma incorpora sensori elettronici, capacità di comunicare via onde radio, software e batterie.

Invisibile e imprendibile, la polvere di intelligenze artificiali si mimetizza nell’ambiente e capta calore, suoni, movimenti. Può essere diffusa su territori immensi e sorvegliarli con una precisione finora sconosciuta. Sa spiare soldati standogli incollata a loro insaputa, segnala armi chimiche e nucleari, intercetta comunicazioni, trasmette le sue informazioni ai satelliti.

Dietro la polvere intelligente c’è uno dei più potenti motori del progresso tecnologico americano, la ‘Defense Aduanced Research Projects Agency’ (Darpa), che è stata all’origine di innovazioni fondamentali, compreso Internet. È il braccio scientifico del ministero della Difesa (…)

Gli elementi di base della loro costruzione sono i ‘Merns’, micro-elactro-mecanical systems. Sono micro-computer che integrano capacità di calcolo, parti meccaniche figlie della nano-robotica, più i sensori elettronici: cioè termometri, microfoni miniaturizzati, nasi e microspie che captano movimenti o vibrazioni. (…) I progressi della miniaturizzazione rendono i micro-apparecchi sempre più affidabili e ne allungano la vita, le batterie possono alimentarsi con le variazioni di temperatura o le vibrazioni. (…) “Il risultato finale sono network invisibili disserninati nell’ambiente – spiega Bruno Sinopoli – che interagiscono fra loro e trasmettono informazioni”.

(…) Come sostiene la Darpa la rivoluzione dei microsensori diffusi nell’ambiente “diventerà la primaria fonte di superiorità nei sistemi di armamento”. L’obiettivo è dichiarato ufficialmente sul sito Intemet della Darpa (www.darpa.mil), perché per lavorare con gli scienziati di Berkeley, anche i militari devono adottate certe regole di trasparenza. Si tratta di dispiegare in massa sensori remoti per scopi di ricognizione e sorveglianza del teatro di battaglia.

L’informazióne non è stata divulgata dalla Difesa ma gli scienziati californiani non hanno dubbi: la polvere intelligente ha già fatto la sua prima apparizione su un vero campo di battaglia in Afghanistan, dove gli americani hanno cosparso nubi di smart dust sulle zone più impervie e montagnose.

A questo punto restano ben pochi dubbi che questa polvere, tanto intelligente quanto artificiale, e sicuramente non adatta ad entrare in contatto coi sistemi respiratori degli esseri viventi, sia stata realizzata principalmente per scopi militari. Anche se alla fine dell’articolo di Rampini vengono menzionati gli usi pacifici di tale tecnologia, per costruire una rete di sensori anti-inquinamento e per la prevenzione degli incendi, per disseminare sensori interni alle strutture edili che ne percepiscano le lesioni interne (causate ad esempio dai terremoti), non è detto che queste finalità pacifiche siano poi realmente innocue.

Infatti si legge nella chiusura dell’articolo che… spalmata sui muri con la vernice, una miriade di micro-computer consentirà di auto-regolare la temperatura e la luminosità dell’ambiente in modo da eliminare ogni spreco di energia. Sempre che non finisca per spiare chi in casa ci abita. A finanziare ricerche sulle applicazioni della smart dust con i fondi federali non c’è più solo il Pentagono. Ora è sceso in campo anche un fondo di venture capital che nella Silicon Valley tutti conoscono bene: si chiama In-Q-Tel ed è una filiale della Cia.

Letto questo articolo magari qualcuno si chiederà come mai, a distanza di anni, nel sito di wikipedia si parli ancora della polvere intelligente come di un progetto ancora lontano dalla sua possibile realizzazione pratica. Ma sappiamo bene, che wikipedia è uno strumento in mano alle élite governative, che lo utilizzano per distorcere la realtà; abbiamo già visto infatti che su tale scandaloso sito vengono sfacciatamente negate le responsabilità governative negli attentati di Londra e dell’11 settembre, nonché l’esistenza delle scie chimiche.

Dal momento che con le scie chimiche vengono diffuse anche queste terribili nanostrutture sensoriali, come dimostrano gli studi della dottoressa Staninger, è facile capire perchè ciò che è ormai da tempo una realtà tecnologica, venga ostinatamente considerata inesistente. La Staninger ha rintracciato nei filamenti estratti dalle ferite dei malati di Morgellons (del tutto analoghi ai polimeri rilasciati con le scie chimiche) delle nanostrutture con un segmento d’oro.

Sia la nota tossicologa californiana sia la giornalista indipendente Carolin Williams Palit, hanno correlato la luce ultravioletta alla capacità dei nanotubi di autoassemblarsi. Alcune delle loro scoperte vengono confermate da un recente articolo (sulle nanotecnologie per rimuovere l’inquinamento) comparso su Le scienze ove si legge: (…) Si è riusciti a mostrare come sottili particelle di metallo e carbonio possano intrappolare goccioline di petrolio nell’acqua, che si autoassemblano a decine di milion, per formare minuscole sacche sferiche. Inoltre, gli studiosi hanno trovato che la luce ultravioletta e i campi magnetici potrebbero essere utilizzati per orientare le nanoparticelle, determinando un capovolgimento delle sacche e il rilascio del loro carico, una caratteristica che potrebbe essere utile anche per la somministrazione di farmaci.

(…) In principio venivano utilizzati nanotubi di carbonio a cui venivano collegati corti segmenti di oro. Ma con l’aggiunta di vari altri segmenti, di nichel o di altri materiali, i ricercatori possono creare nanostrutture effettivamente multifunzionali. La tendenza di questi nanobastoni ad assemblarsi in miscele acqua-olio, è dovuta alla proprietà di avere l’estremo di oro idrofilo e l’estremo in carbonio idrofobo.

Più avanti potete leggere la traduzione di un articolo comparso sull’edizione on line del New York Times, ove viene confermato che i progressi nella miniaturizzazione nanotecnologica permettono alle nanostrutture sensoriali di ricaricarsi assorbendo energia dalle onde elettromagnetiche dell’ambiente circostante.

È quindi facile ipotizzare che l’irradiazione costante ed eccessiva di onde elettromagnetiche (antenne per la telefonia mobile e per i wi-fi, più altre antenne nascoste dedicate a scopi non certo umanitari) è funzionale alla diffusione delle scie chimiche. La sinergia tra scie ed onde elettromagnetiche è molto probabilmente dedicata ad un sofisticato progetto di manipolazione delle coscienze e controllo mentale (non si spiegherebbe altrimenti, come 7 miliardi di persone possano permettere senza protestare che il sole venga cancellato e l’aria ammorbata dai prodotti chimici dispersi tramite le scie degli aerei), ma forse anche ad un progetto ancora più nefasto (ed oscuro) di manipolazione genetica(come dimenticare che le frequenze dei telefonini alterano il DNA?), tesa a trasformare la razza umana con ibridazioni tecnologiche.

Ovviamente la notizia che viene diffusa tramite l’articolo de Le Scienze, serve anche a disinformare sulle reali finalità di queste tecnologie militari ed a fornire una copertura; si potrà così sempre attribuire, ipocritamente, la scoperta di tali nanostrutture nell’ambiente, a delle operazioni di bonifica, sebbene in realtà la diffusione delle nanotecnologie è un “rimedio” peggiore del male che si finge di voler combattere.

Anche l’articolo del NY. Times assolve in parte a queste finalità; se da una parte in esso si parla della polvere intelligente come di qualcosa di ancora futuribile, d’altra parte si insiste sulle applicazioni positive di tali tecnologie, cercando di convincere le persone che la diffusione di “milioni di milioni” di nanosensori nell’aria che respiriamo, possa portare alla fine un beneficio, facendoci credere persino che possa essere normale, in futuro, trovare sensori negli alimenti, che ci informano quando essi deperiscono.

La realtà è un’altra, ormai queste odiose nanoparticelle hanno permeato l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo ed il cibo che ingeriamo, contribuendo all’aumento di malattie degenerative, croniche e mortali.

Fonte: http://www.nocensura.com/

Tratto da: https://letturadelpensiero.altervista.org/smart-dust-polvere-neurale-per-controllare-muscoli-nervi-e-fare-tanto-altro/