GeoIngegneria Misteri

Un’arma ad energia diretta ha colpito il Michigan?

La notte del 16 gennaio 2018 è stata molto strana per il Michigan, tanto che su internet sono iniziate sequenze a circolare di immagini che sembravano confermare l’utilizzo di un’arma a energia diretta.

Si tratta di un tipo di arma a distanza che danneggia il bersaglio con energia altamente focalizzata, come laser, microonde o fasci di particelle, un vero e proprio “flagello di Dio”. Possibile che sia stata testata quella sera in segreto e che abbia causato una serie di danni collaterali?

Una notte molto particolare in Michigan

Quel che è certo è che quella sera il lampo di una meteora ha attraversato il cielo, provocando un piccolo terremoto di magnitudo 2.0, un garage è andato in fiamme e oltre il confine, in Ohio, una raffineria di petrolio ha condotto una combustione controllata, tutto contemporaneamente.

Da qui a dire che il governo americano (o forse gli alieni, o forse entrambi) aveva testato un’arma a energia diretta di incredibile potenza è stato un attimo. Peccato che a distanza di tempo non sia stata trovato alcun indizio dell’esistenza concreta di tale arma. Ma dunque cosa è accaduto esattamente?

arma energia diretta

La meteora non ha colpito un garage a Taylor

Effettivamente un meteorite attraversò il cielo del Michigan lasciando una scia luminosa dietro di sé. Il garage di cui si parlò come “bersaglio” andò effettivamente a fuoco ma come riferì il quotidiano locale Mlive, “l’incendio che ha distrutto un pickup in un garage a Taylor, nell’area metropolitana di Detroit, non è stato causato da un frammento di meteorite”.

Le fiamme sono infatti divampate nel garage alle 8.24 di sera dopo che il proprietario aveva già notato del fumo uscire dal vano motore del pickup a cui stava lavorando in garage secondo quanto hanno riferito i locali vigili del fuoco.

Nessun attacco alieno alla raffineria in Ohio

Quanto alla raffineria in Ohio, la combustione controllata dato le condizioni atmosferiche di quella notte invernale ha causato un effetto ottico noto come “pilastri di luce”, ingigantendo nelle foto che furono scattate la portata delle fiamme.

Alcuni quotidiani locali tra cui Fox 2 Detroit pubblicarono nei giorni successivi immagini di tale evento, descrivendolo così: “Sembrano luci da un’astronave aliena, ma in realtà sono dei pilastri di luce, un evento spettacolare che si vede più frequentemente durante i mesi invernali più freddi. Il nome del fenomeno descrive strette colonne che sembrano estendersi dal cielo a terra”.

pilastri di luce

Insomma, un meteorite, un piccolo terremoto, un pickup in fiamme e uno spettacolare effetto ottico si sono incredibilmente combinati tra loro originando il “mix perfetto” in grado di far gridare alla cospirazione umana o aliena. O forse per coprire perfettamente qualche test militare segreto.

via FanWave

IN EVIDENZA