background img
Complottisti Staff

WikiLeaks: il conservatore Papa Benedetto XVI fu costretto a dimettersi da Obama, Soros e Clinton?

5 giorni ago written by

George Soros, Barack Obama e Hillary Clinton hanno orchestrato un colpo di stato in Vaticano per rovesciare il papa conservatore nel febbraio 2013, secondo le email di WikiLeaks.

Papa Benedetto fu il primo papa a dimettersi da quando papa Gregorio XII nel 1415, e il primo a farlo di propria iniziativa da papa Celestino V nel 1294.

Gloria.tv riporta: Tuttavia, il gruppo di leader cattolici cita nuove prove scoperte nelle e-mail rilasciate da WikiLeaks per affermare che il papa conservatore non si dimise di sua iniziativa, ma fu cacciato dal Vaticano da un colpo di stato che il gruppo di ricercatori chiama la “primavera cattolica”.

Soros, Obama e Clinton hanno usato il macchinario diplomatico degli Stati Uniti, i muscoli politici e il potere finanziario per costringere, corrompere e ricattare “il cambio di regime” nella Chiesa cattolica romana per sostituire il conservatore Benedetto con l’attuale Papa Francesco – che da allora è diventato un portavoce improbabile per la sinistra internazionale, lasciando stupefatto i cattolici in tutto il mondo.

Ora il gruppo di leader cattolici ha inviato una lettera al presidente Trump che lo esorta a lanciare un’indagine ufficiale sulle attività di George Soros, Barack Obama, Hillary Clinton (e altri) che sostiene fossero coinvolti nell’orchestrare la primavera cattolica che ha portato al loro obiettivo di “cambio di regime” in Vaticano.

I leader cattolici citano otto domande specifiche a cui hanno cercato di rispondere riguardo a fatti sospetti che hanno portato alle dimissioni di Papa Benedetto, la prima abdicazione papale in 700 anni.

“In particolare, abbiamo motivo di credere che un “cambio di regime” del Vaticano sia stato progettato dall’amministrazione Obama,” dicono i firmatari, nella loro lettera del 20 gennaio al presidente Trump.

“Siamo stati allarmati nello scoprire”, si legge nella loro lettera, “che, durante il terzo anno del primo mandato dell’amministrazione Obama, il tuo precedente avversario, il Segretario di Stato Hillary Clinton, e altri funzionari governativi con i quali ha associato proposto una rivoluzione cattolica” in cui si sarebbe realizzata la definitiva fine di ciò che restava della Chiesa cattolica in America”.

La lettera include collegamenti a documenti e notizie che sottolineano le loro affermazioni. Dapprima dirige l’attenzione sulle famigerate e-mail di Soros-Clinton-Podesta rivelate l’anno scorso da WikiLeaks, in cui Podesta e altri progressisti discutevano del cambio di regime per rimuovere quella che loro definivano la “dittatura del medioevo” nella Chiesa cattolica.

Per quanto riguarda le e-mail in questione, The New American ha riferito lo scorso ottobre:

“Podesta, consigliere di lunga data di Clinton / confidente e attivista di prima scelta per il finanziatore di sinistra George Soros, ha rivelato in una e-mail del 2011 che lui e altri attivisti stavano lavorando per attuare una rivoluzione” Primavera cattolica “all’interno della Chiesa cattolica, un ovvio riferimento al disastroso colpo di “primavera araba” organizzato nello stesso anno dalla squadra Obama-Clinton-Soros che destabilizzò il Medio Oriente e portò al potere i regimi islamici radicali ed i gruppi terroristici nella regione. L’e-mail di Podesta è una risposta a un altro radicale finanziato da Soros: Sandy Newman, fondatore delle “progressive” Voices for Progress. Newman aveva scritto a Podestà chiedendo consigli sul modo migliore per “piantare i semi della rivoluzione” nella Chiesa cattolica, che descrisse come una “dittatura del Medioevo”.

Nella loro lettera al presidente Trump, il gruppo di leader cattolici scrive: “Circa un anno dopo questa discussione via e-mail, che non è mai stata prevista per essere resa pubblica, scopriamo che Papa Benedetto XVI ha abdicato in circostanze molto insolite ed è stato sostituito da un papa la cui apparente missione è quella di fornire una componente spirituale all’agenda ideologica radicale della sinistra internazionale. Il Pontificato di Papa Francesco ha successivamente messo in dubbio la sua legittimità in molte occasioni.”

“Rimaniamo sconcertati dal comportamento di questo Papa ideologicamente accusato, la cui missione sembra essere uno dei programmi laici secolari della sinistra piuttosto che guidare la Chiesa cattolica nella sua sacra missione”, dicono, esprimendo il pensiero di milioni di cattolici attorno al mondo stordito dall’ideologia di sinistra di papa Francesco. “Semplicemente non è il ruolo proprio di un Papa essere coinvolto in politica al punto da essere considerato il leader della sinistra internazionale”.

“Con tutto questo in mente, e augurando il meglio per il nostro paese e per i cattolici di tutto il mondo, crediamo che sia responsabilità dei fedeli e informati cattolici degli Stati Uniti invitarti a autorizzare un’indagine sulle seguenti domande:

– A quale scopo l’Agenzia per la sicurezza nazionale ha monitorato il conclave che ha eletto Papa Francesco?
– Quali altre operazioni segrete sono state condotte dalle forze armate statunitensi in merito alle dimissioni di Papa Benedetto o al conclave che ha eletto Papa Francesco?
– Gli agenti del governo statunitense hanno avuto contatti con il “cardinale Danneels Mafia”?
– Le transazioni monetarie internazionali con il Vaticano sono state sospese negli ultimi giorni prima delle dimissioni di Papa Benedetto. Sono state coinvolte agenzie governative degli Stati Uniti?
– Perché le transazioni monetarie internazionali sono riprese il 12 febbraio 2013, il giorno dopo che Benedetto XVI ha annunciato le sue dimissioni? E’ stata una pura coincidenza?
– Quali azioni, se ce ne sono state, sono state effettivamente prese da John Podesta, Hillary Clinton e altri legati all’amministrazione Obama che sono stati coinvolti nella discussione proponendo la fomentazione di una “primavera cattolica”?
– Qual era lo scopo e la natura dell’incontro segreto tra il vicepresidente Joseph Biden e papa Benedetto XVI in Vaticano intorno al 3 giugno 2011?
– Quali ruoli sono stati interpretati da George Soros e altri finanzieri internazionali che potrebbero essere attualmente residenti nel territorio degli Stati Uniti? ”

L’inchiesta che il gruppo di leader cattolici chiede al Presidente Trump dovrebbe interessare molto più che i soli cattolici. La capacità di George Soros di cooptare figure politiche di spicco per aiutare i suoi piani radicali per gli stati nazionali è ben nota; ma la sua capacità di forzare il “cambio di regime” nella chiesa cattolica, un’istituzione precedentemente impenetrabile dall’esterno, solleva serie domande sul suo potenziale di caos globale. L’indagine – e la punizione – dovrebbero iniziare subito.

Fonte: yournewswire

via UnUniverso

Article Tags:
Article Categories:
Complotti